Celebrando al di là di vuote

pallose ed estranianti retoriche ufficiali

 

                                   

 

                                   

Futuri Anniversari

 

                                   

di Liberazione

 

                                   

dal Nazi-Fascismo

 

                                   

e “De-americanizzazione

 

                                   

dell'Italia...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quello di oggi

decisamente non è il Paese

 

sognato dai ®esistenti di

un secolo e mezzo fa

  

né tantomeno dai ®esistenti

   di settant'anni fa...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una “democrazia popolare” fondata su armoniosa

convivenza tra valori, identità e “diversità” di ciascuno

a garantire i diritti individuali, sociali e politici di “tutti”!

 

Aspirazioni condivise dalle tre famiglie culturali che

hanno fatto grande la nostra storia contemporanea - la

Liberale, la Cattolica e quella Operaia - nella loro

comune guerra alla guerra e a ogni dittatura, una

condivisa “lotta d'ideali”, insieme così sanguinosamente

civile, patriottica e “di classe”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Strada facendo

ci siamo evidentemente persi

 

e ci stanno - ci stiamo

“annullando”!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Stiamo reimbarbarendo autoemarginandoci a “colonia”

di nuovi barbari, lentamente inghiottiti da un identitario

“non più nulla di noi” senza ritorno, ubriacandoci di

pensieri non nostri,  pappagallando da provincialotti

parole non nostre, senza neppure capirle, e trascurando

la “nostra” di lingua.

 

Stiamo reimbarbarendo lasciando atrofizzare quel

nostro alto “ingegno” italico, creativo e innovatore,

rinnegato scimmiottando per “moda” superficiali stili di

vita altrui e tradendo il “proprio” modus vivendi,

sempre da tutti gli altri invidiatoci come espressione di

una “cultura” unica,- la nostra! - così umana e così

umanisticamente “ricca”, da millenni...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per questo

chiamiamo tutti e ciascuno

 

a legittime, perché legittimate

armi di difesa

 

per una rinnovata e non-violenta

 “©ultura ®esistente”!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

©ultura

 

Orgogliosamente coscienti di chi veramente

“noi” siamo - uno ad uno, tu ed io -

individualmente, nelle rispettive

aggregazioni e tutti insieme, “la società”

 

Le nostre millenarie moderne e

d'avanguardia conoscenze produttive e

sociali, politiche e letterarie, filosofiche e

scientifiche, artistiche e storiche, come il

grande Popolo che siamo e veniamo

riconosciuti da sempre

 

Nozioni, valori e modelli di vita e di costume

da noi senza merito alcuno ereditati di

generazione in generazione e da (ri)

trasmettere “valorizzati”, vale a dire ad ogni

passaggio di testimone arricchiti e migliorati

di nostro

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

®esistente

 

Semplicemente innanzitutto e sempre nel

più profondo rispetto di noi stessi e dei

“diversi da noi” e né più né meno tale

pretendendolo da tutti gli altri

 

Contro le dilaganti devastazioni barbariche

di dogmatismi, fondamentalismi, populismi,

opportunismi, camaleontismi, indifferenza,

discriminazioni, soprusi, oppressione,

violenze, depredazioni, sfruttamenti,

corruzione, capitalismi, consumismi tanto di

natura quanto di umani

 

Quali che ne siano le “matrici”, con una

nostra individuale e collettiva “opposizione”

decisa e tenace alla (ri)conquista quotidiana

della preziosità delle nostre non barattabili e

non svendibili dignità, libertà e indipendenza

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Una Scelta ®esistenziale

 

Dignità, libertà e indipendenza tutte insieme

inseparabili col significato primo di “Scelta

®esistenziale”, perché da sempre ci

insegnano insostituibilmente a pensare di

nostro

 

Quando necessario, arrivando a ribellarci a

muso duro contro qualsivoglia forma,

nazionale o sovranazionale che sia, di

“Stato-Apparato”

 

Arrogante, autoreferenziale, parassita ed

oppressivo, tendente all'inumano o, ancor

peggio, al disumano come pseudo-umano,

“sempre più forte con i deboli, sempre più

debole con i forti”

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Dopo settant'anni

di palesemente crescente sfacelo

 

la nostra lotta continua

e ad oltranza

 

 

Per una piena

liberazione culturale

 

ci vogliono

“Nuovi ®esistenti”!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Contro la catastrofica frammentazione sociale delle

faziosità e rovinoso decadimento spirituale e ideologico

di ammiccanti e ammalianti falsi profeti.

 

Una ®esistenza culturale “convinta” lontana da banali

fanatismi, capace di riacquisire fino in fondo il controllo,

l'autonomia e custodia identitaria che ci appartengono.

 

Ivi inclusa la difficile ma necessaria (ri)costruzione

storica delle nostre più genuine e spontanee espressioni

collettive di unità e di lotta.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Tutti coloro che considerano proprio diritto e

dovere civile dire “no”, finanche ad “autorità

costituite”

 

Denunciando l'“illegalità” di certe loro

frequenti “imposizioni” del tutto arbitrarie  

che ipso facto de-costituendole le destituisce

 

Perché la terra non può “appartenere” a

interessi economici e politici, ma è di chi la

vive amandola, tutelandola e difendendola

con le unghie e con i denti

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Tutti coloro che si battono contro la grande

trappola pseudo-politica di una falsata “pace

sociale”

 

Che tende piuttosto a “limitare” i diritti

democratici all'abitare, nutrirsi, curarsi e

imparare

 

Creando a piccoli passi, con “pianificati”

subdoli e progressivi impoverimento,

ignoranza e sfruttamento, in una cinica

emarginazione permanente dei più deboli

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Tutti quei “migranti” che sopravvivono

lottando per continuare a credere e sperare

in un “futuro migliore” ancora possibile

 

Costretti da guerre e povertà imposte ad

abbandonare tutto di sé meno la propria

dignità verso l'incognito, sfuggiti a gorghi di

mare per finir affogati nella burocrazia dei

ricchi 

 

Reclusi senza reato, penalizzati da

segregazionismi istituzionali, di branco e di

non poche altre bestie antropomorfe sciolte,

reclamano senza mai arrendersi i propri

“diritti umani”

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Tutti coloro che quei perseguitati accolgono,

soccorrono e aiutano

 

Mediatori culturali, insegnanti d'Italiano,

famiglie, associazioni di volontariato, centri

sociali, chiese e anonimi di buona volontà fra

tutti

 

Portatori sananti di dovuta “umanità” e

dichiarato quanto vissuto antirazzismo in

organizzazioni, strade, quartieri e case

prioritando le persone ai mercimoni

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Gli eroici insegnanti della martoriata scuola

pubblica e gli altrettanto eroici piccoli

coltivatori ed allevatori

 

I primi che, nonostante sempre più a corto

di risorse, continuano a contrastare la

costante azione distruttiva di politiche di

ogni colore

 

I secondi che, sfidando la famelica piovra

della grande distribuzione, continuano a

rifornire fedelmente i loro gruppi di acquisto

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Tutti coloro che in qualificante silenzio

lottano per decenza, onestà, rispetto e

“solidarietà”

 

Che cambiano il mondo lavorando su sé

stessi prima, invece di illudersi di poter

cambiare tutti gli “altri”

 

Che allo strombazzare di verità “assolute”

preferiscono la pratica sperimentale in prima

persona, più che alle parole credendo nei

comportamenti

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Tutti coloro che respingono nel quotidiano le

chimere di un ormai diffuso “benessere

egoista”

 

Non pensando a salvaguardare solo e

sempre sé stessi e l'insalata del proprio

“orticello”

 

Donne, uomini e giovani forti e miti che,

senza bisogno di imporsi su altri per

dimostrare di valere, sanno all'occasione

rifiutare di “svendersi” ai potenti di turno

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Tutti coloro che scelgono di rimanere ancora

quale basilare risorsa strategica nel proprio

Paese 

 

Anche dopo anni e anni di sogni, sacrifici,

studi, preparazione, esperienze e tirocini

non retribuiti

 

Nonostante tutto a cercare di pretendere e

conquistarsi per competenza condizioni

dignitose di vita, lavoro e abitazione, magari

con la fatica di due o addirittura tre lavori

precari

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Tutte quelle moltitudini di “giovani” ormai

non più così giovani...

 

Generazione figliastra della ingannevole idea

che basti un “volere è potere”, cui di fatto il

promesso futuro “radioso” è stato negato da

chi gli spacciava slogan su slogan come

facile “droga

 

Che non accettano comunque di essere

passivamente a carico di genitori e nonni

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Tutti coloro che non lasciano spegnere

quella fiammella...

 

Perché, pur sfiancati da colpi su colpi di

disillusioni quotidiane, gli permetta tuttavia

di continuare a “crederci”

 

Perché nonostante il buio, appaiano anche

ora e sempre pienamente realizzabili un

altro mondo ed una società migliore,

condivisibili e il più equamente condivisi

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Nuovi ®esistenti

 

Noi che giorno per giorno ci prendiamo

premurosa cura di informazione e

intrattenimento

 

Per contribuire a (ri)costruire senso di

“appartenenza” collettiva attraverso attività

culturali

 

Ribadendo in controtendenza quei valori così

fondanti delle nostre comunità locali,

territoriali e nazionale e in ciò recuperando il

senso stesso di così tante parole svuotate

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

È solo imbrogliandoci a mollare anche il poco che resta

di sensibilità al “bene comune”

 

Rammollendoci di spot pieni di nulla, che tanto suonano

bene quanto male fanno

 

Che le “vere mafie” di pifferai magici potranno

portarci via dalla nostra “cultura” e da noi stessi

 

Riuscendo a ucciderci dentro speranza e motivazione a

®esistere.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Loro questo lo sanno perfettamente, dato che sono stati

proprio loro ad inventarlo facendosene prodigiosa arma

da sempre.

 

Tocca a noi neutralizzarli con una tanto personale

quanto collettiva

 

                                   

 

                                   

Azione di ®ecupero ©ulturale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

punto d'incontro

santuario emporico di conoscenza

di libero scambio di idee

e di trasmissione di valori

 

sacro di opinioni ricco di diversità

rispettoso degli dei di ciascuno

da dove prendere a proprio bisogno

cui dare con altrettanta generosità

 

per ritrovare il senso del nostro attimo

in un recuperato contesto storico

il senso del nostro lavoro

in un recuperato contesto culturale

 

il senso del nostro privato

in un recuperato contesto sociale

il senso del nostro locale

in un recuperato contesto universale

 

perché senza un noi fatto di te e di me

non esiste storia

non esiste cultura

non esiste società

 

la società siamo noi

noi la cultura e la nostra storia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Con (ri)trovato e fermo “credo” nella buona, anzi ottima

novella di queste nuove “beatitudini civiche” e con

profonda, auspicatamente emulativa riconoscenza a

tutti i nascosti, (ri)vitalizzanti, tantissimi esempi non

mediaticizzati di autentica “santità laica”, interamente e

gioiosamente spesa per l'unica guerra che valga la pena

combattere, quella “santa” per la sacralità universale

della persona umana:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Alle donne, uomini e giovani

 

di alta civiltà nella nostra cultura

di oggi e di domani

 

l'augurio sincero di buona e perenne

®esistenza ad oltranza

 

in tutte quelle creative forme

che all'occasione e in ogni circostanza

 

riterranno per sé e per la società

più realizzabili, efficaci ed opportune!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La vignetta "Liberazione" di "Gianfalco, l'irpino vignettista di Kilombo"

ovvero Gianni Falcone.

 

 

Con le sue stesse parole:

 

"Vignettista per hobby, alimento quasi tutti i giorni il mio blog 'Diarioacido'

www.gianfalco.it.

 

 

Irpino di origine, vivo a Verona da oltre quarant'anni; collaboro al giornale

online Verona In.

 

Preferisco disegnare e far battute senza il coltello tra i denti: sono

convinto che se sorride anche il bersaglio delle mie vignette è meglio.

 

Ciò nonostante, c'è sempre qualcuno che ogni tanto mi salta addosso, a

dimostrazione che l'intolleranza non riposa mai e mai si ferma a riflettere."

 

 

Un blog

 

contro la violenza, contro le guerre, contro gli armamenti, contro la pena

di morte, contro il razzismo, contro l'intolleranza, contro l'egoismo

 

schierato in favore della pace, in favore della convivenza civile, in favore

dell'integrazione, in favore della libertà individuale.