Imperium Romanorum, Pars Occidentalis et Pars Orientalis

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Paganesimo”

 

                                   

“radici giudaico-cristiane”

 

                                   

“neo-paganesimo”

 

                                   

...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Cuius regio eius religio”

 

                                   

 

                                   

“Di chi è il regno

 

                                   

 sua sia la religione”

 

                                   

 

                                   

Ai sudditi

la religione del “potere”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Secondo lo slogan politico di alcuni nemici del

“multiculturalismo”, l'Europa, come fatto geografico ed

economico, nel suo progetto di unificazione in Comunità

di Stati autonomi dovrebbe guardare al futuro

“marcando” il suo storico sviluppo politico-culturale.

 

Quindi l’Europa dovrebbe essere vista come un

fenomeno “unitario” tanto nella sua geografia,

dall’Atlantico agli Urali, quanto nella sua storia, “una

sola civiltà” da oltre un millennio, con “radici” profonde

nel Medio Evo, stabile “tronco” nell’Età Moderna e

“fronde” rinverdite in quella Contemporanea.

 

 

Queste “radici” equivarrebbero quindi alla “visione

religiosa” - ebraico-cristiana (!), che con ogni mezzo

dominerà nel Continente, ma a partire dal dal V sec.

 

Escludendo, tra le altre, le “culture” sia greca e romana

nella sua Pars Occidentalis che quella germanica e slava

nella sua Pars Orientalis, quella “vikinga” o normanna

in Scandinavia, Paesi Baltici, Gran Bretagna, Irlanda,

Francia e Italia,  per non parlare della cultura araba in

Spagna (e Francia!) ed in Sicilia o di quella turco-

ottomana nei Balcani (... tanto per citarne “alcune”).

 

 

Una palese impostazione “ideologica”, non storica,

formulata ad hoc per essere molto semplicisticamente

“efficace”, come parola d’ordine “propagandistica”,

purtroppo completamente “vuota” di significato nei

suoi falsi concettuali, anzi una vera “contraffazione” in

malafede basata su tre “tesi” parimente tarocche:

 

- perché l’Europa non costituisce, neppure nei suoi

ultimi quindici secoli di storia un'area culturale

“unitaria”, né nello spazio né nel tempo

 

- perché l’Europa in quel periodo non si sviluppa

“linearmente”, con un passato che influenza il

presente e continuerà ad influenzare il futuro

 

- perché la Religione Cristiana “Paolina”, con sue di

“radici” nell’Ebraismo (!), non rappresenta affatto il

nucleo originario di tutte le espressioni “culturali”

manifestatesi in Europa, che vi si manifestano o vi si

manifestaranno.

 

                                   

 

                                   

“L'umanità non ha ‘radici’

ma piedi e gambe

 

che usa da sempre

 per andare altrove

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'Europa

 

                                   

 non costituisce

 

                                   

 un'area culturale

 

                                   

 “unitaria”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Anche con le più elementari nozioni storiche, nessuno

potrebbe immaginare un'Europa con “una sola cultura”

e “una storia” unitarie, se non quale frutto di una

astratta “ideologia”, che fatti concreti ed eventi storici

strasmentiscono nel susseguirsi delle “contestualità”

spazio-temporali.

 

Non esiste “una” civiltà “europea” - come non ne esiste

“una” “asiatica” o “africana” o “americana” - ed inoltre

l'Europa contemporanea troverà le sue premesse

storiche e culturali “fondanti” solo negli ultimi due o tre

secoli, non quindici, quindici, venti o trenta secoli fa...

 

 

A chi in buona fede solo da raccomandare propri

approfondimenti al riguardo, con chi in malafede,

grazie della preziosa condivisione, ma nulla da

disquisire ulteriormente - non ne varrebbe la pena!

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

L'Europa

 

                                   

 non si sviluppa

 

                                   

 “linearmente”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

È banalmente e grottescamente falso pretendere che la

“cultura” di un intero Continente abbia potuto avere

uno sviluppo “unitario” e “coerente” in un così lungo e

ricco susseguirsi di eventi storici, mutando soltanto

nella “forma”, ma non nei contenuti...

 

Le tanto strombazzate “radici giudaico-cristiane”

della nostra Europa presupporrebbero una storia

dall'andamento “lineare”, un continuum: purtoppo non

è così che i rapporti “umani” e le rispettive espressioni

“culturali” si producono nella “Storia” (forse nelle

“storie”, beh diciamo pure “storielle”!).

 

 

Ad esatto contrario, tutto ciò che è “umano” - rapporti

“sociali”, “cultura”, “valori” - si forma nel tempo

proprio “mutando” continuamente, per cui “verità”,

leggi e valori di un'epoca restano effimeri e

intrinsecamente “provvisori”, destinati a venirne

sostituiti da sempre “nuovi”, diversi o addirittura

opposti (vogliamo parlare dei “diritti” della persona,

della “donna” nella società o della “schiavitù” o...

a libera scelta).

 

Le “civiltà iniziano”, si sviluppano e finiscono nei loro

limiti spazio-temporali e nessuna “verità”, legge o

valore può sopravvivere alla propria civiltà e al contesto

storico cui appartiene.

 

 

Altra caratteristica fondamentale di tutte le “culture” è

che non si susseguono nettamente separate l'una

dall'altra, ma ogni fenomeno storico-culturale presenta

inevitabili essenziali compenetrazioni e sfilacciamenti

tra vecchio e nuovo, nel primo per “inerzia”, nel

secondo per “anticipazione”.

 

Le maturate “cesure” storiche sono sempre e solo

rappresentate da una rivoluzione - “scientifica”,

“politica”, “economica” o “religiosa” che sia - la quale

porta necessariamente con sé anche una rivoluzione

“culturale”.

 

 

D'altro canto nulla nella società umana avviene

“all'improvviso”, quanto piuttosto esplode dopo un

laborioso e prolungato processo di “accumulazione”, al

pari di mutazioni “genetiche” in natura.

 

Solo che, mentre in natura il precedente scompare

all'affermarsi del nuovo, nella storia umana anche 

obsolete espressioni culturali di chi è morto continuano

a trascinarsi nelle generazioni dei vivi.

 

 

Inoltre gli eventi umani non sono “unidirezionalmente”

lineari, ma si sviluppano in un “continuo ri-inizio” di

esperienza, a dimostrata negazione del continuum

storico della “metafisica” giudaico-cristiana.

 

Ciascun periodo storico (e la sua “cultura”) trova senso

in sé stesso e non in quelli che lo precedono, prodotto

dell'attuale gioco di forze umane che lo determinano, in

antitesi alla visione ebraica, poi “cristiano-paolina”, del

permanere alla base del processo storico di messaggi

validi una volta per tutte nella “tradizione” culturale.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Il Cristianesimo

 

                                   

 non è il nucleo originario

 

                                   

 di tutte

 

                                   

le espressioni culturali

 

                                   

 in Europa

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La storia delle “idee” e delle “società” umane, così

segnata da “cesure” rivoluzionarie, le rendono quindi

autonome dalle fasi precedenti, con logica, struttura e

senso propri.

 

Poi la stessa formulazione “radici giudaico-cristiane”

risulta del tutto inadeguata e contraddittoria, cercando

di fondere due ideologie religiose e sociali fortemente

difformi, l'Ebraismo e il “Cristianesimo” di Shaul di

Tarso o “Paolinesimo”, il primo una religione tribale

“ereditaria” di un popolo, il secondo una rappezzata

religione escatologica “universale” di aperta e condivisa

ecclesia.

 

 

Oggi nessuno - a parte il potere clericale con al cieco

seguito qualche politicante opportunisticamente fattosi

bigotto - si sognerebbe di negare che siano le premesse

“storico-culturali” a produrre qualsivoglia espressione

“religiosa”, perché, al contrario, una “religione” non

può mai creare una “cultura”...

 

In realtà, le espressioni religiose sono “sovra-

strutturali” nei rapporti sociali umani, in quanto, non

riuscendo le persone a spiegarsi il perché di certe forme

“culturali” in cui vivono - leggi, costumi, comandi - il

Potere le fa scendere dal cielo, riferendo alla volontà di

dèi o di un Dio.

 

 

La “struttura” vera ed intima dei rapporti umani è

comunque “sociale” e, quindi, “politica” per natura, per

cui obsolete forme di pensiero di tipo religioso e di

“rapportualità”, rimangono semplicemente come un

trascinamento “culturale”.

 

L'“Illuminismo” porta in Europa, e da qui nel mondo

intero, all’evento storico spartiacque, la Rivoluzione

Francese, l’autentica “radice” dell’Europa di oggi,

spezzando la “continuità” di antiche forme “culturali” e

dando “inizio” a quel mondo “moderno” di cui noi tutti

facciamo parte.

 

 

Il fenomeno religioso permane solo perché, oltre che

“credenza” personale pur condivisa, è e soprattutto una

“organizzazione di ‘culto’” consolidata nell'ecclesia o

Chiesa (έκκλησία, ekklesia, già “assemblea” dei

Cittadini nelle Città-Stato democratiche dell'antica

Grecia!), gestita professionalmente da personale

altamente specializzato, che abilissimo e subdolo

letteralmente “vende” i suoi servizi ai propri clienti

“credenti”.

 

Di fatto il potere “clericale” non è una cosa sola con il

suo popolo di “credenti” come vorrebbe far credere, ne

è anzi nettamente separato, di fatto inquadrandoli e

manipolandoli in stretta collaborazione con il potere

“civile” politico-amministrativo, in gratificante

reciproca “legittimazione”.

 

 

Nel Cristianesimo-“Paolinesimo” tutto, ma soprattutto

in quello Cattolico, il potere clericale viene inoltre

gestito in forma gerarchica e centralizzata, le cui

controllate e comandate strutture periferiche penetrano

nel tessuto sociale e lo “condizionano” secondo i diktat

ricevuti.

 

Anche i movimenti e partiti politici della società civile,

persa per strada una propria concezione di vita sociale

e politica, finiranno per diventere semplici contenitori di

interessi di “casta” delle respettive dirigenze

burocratico-parlamentari.

 

 

Senza più ideologie né programmi, nella gestione della

res publica nei Paesi “cattolici” (eccezione la Francia!)

si tornerà spesso ad empie “alleanze” burocratiche

“politico-clericali”, in gara nell'accaparrarsi gli uni i

favori degli altri, per convogliare - sia a destra che

sinistra - il voto dell’elettorato cattolico e di quello

“paracattolico”.

 

Da cui, in ossequio ai due veri centri di potere -

l'“ideologico-politico” e l'“economico” - la profonda

deriva opportunistica con finalità di “baratto”

nell’azione politica a tutti i livelli, maggioranze e

opposizioni.

 

 

Anche se, fortunatamente, la più giovane società civile

delle nuove generazioni vada sempre piú allontanandosi

nel “pensiero” e nell'“azione” dai vergognosi, a volte

apertamente scandalosi, “modelli” di vita (a)“social”e

di queste sorpassate “burocrazie”, clericali e partitiche.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La mai nata

 

                                   

 “Costituzione Europea”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La nuova “Costituzione Europea” - redatta nel 2003

dalla “Convenzione Europea” e abbandonata nel 2007,

proprio per la diatriba sulle “radici giudaico-cristiane” -

non entrerà mai in vigore e verrà sostituta dal “Trattato

di Lisbona” del 2009, che comunque mantiene ’impronta

l“laicista” della Costituzione bocciata, senza fare alcun

riferimento alle “comuni radici”!

 

E certo, abbiamo la musica classica “europea”, grazie al

modo di “scrivere” la musica del monaco Guido d’Arezzo

(fino all’anno mille viene tramandata oralmente), e

ancora l'“alfabetizzazione” in Europa è un monopolio

cristiano...

 

 

Per la nostra innovativa cultura “moderna” in generale

dobbiamo soprattutto ringraziare gli Arabi e possiamo

tranquillamente affermare come l'Europa sia “Europa”

proprio grazie agli Arabi, per quello che hanno fatto nel

Medio Evo.

 

Diamo uno sguardo ai seguenti “concetti”, “termini”,

scienze, tecniche, arti, prodotti, oggetti e altro da loro

introdotti e trasmessici:

 

 

Nell'astronomia (“zenit”, “azimut”, denominazione

delle stelle), la matematica (“algoritmo” - Fibonacci!,

“logaritmo”, “algebra”, i numeri, lo “zero)”, la botanica

(anche officinale o “farmacopea”, colture, “aranci”,

“limoni”, “ribes”, “albicocche”, “tamarindo”, “zenzero”,

“zafferano”)...

 

Nella zoologia (pappagalli), “alchimia” o chimica

(“alcali”, al-kuhl da cui “alcol”, “elisir”), la fisica (ottica

- Alhazen), la geologia (“borace”, “talco”, “ambra”,

“turchesi”, “lapislazzuli”), la medicina (Avicenna,

Abulcasis - “sciroppi”, “garze”), la letteratura classica

(testi greci di tipo scientifici e filosofici - Averroè)...

 

 

Nella tecnologia (“irrigazione”, “acciaio”, strumenti

astronomici tra cui “astrolabio” greco, Quadrans Vetus

o quadrante orario universale, “Saphaea” o astrolabio

universale, “sestante” astronomico, strumenti

chirurgici, meccanismi ad ingranaggi per orologi ad

acqua e automi, distillazione greco-romana, al-anbiq da

cui “alambicchi”)...

 

Nell'arte (calligrafia, ceramica, tappeti orientali,

“lacche”), la musica (“note”, solfeggio, “tamburi”,

“timballi”, “liuti”, rebab da cui “ribeca” da cui “violino”,

qitara da cui “chitarra”, naqare da cui “naker” da cui

“nacchere”, zamr e al-zurna da cui “ciaramella” e

“dulzaina”)...

 

 

Nell'arredo (“alcove”, “magazzini”, “sofà”, “persiane”,

“materassi”, stoffe “a ricamo”, “intarsi”, “bugia” o

candela di cera “algerina”), il vestiario (“giubba”,

“scialle”, “gabbano”, “taffetà”, stoffe “mussoline”,

“cotoni”, “baldacchini” o stoffe “di Baghdad”,

“damaschi”, “gale”)...

 

Nella cucina (garrafe da cui “caraffe”, “giare”, “tazze”,

“bricchi”, “caviale”, “bottarga”, “carciofi”, “caffè”,

“zucchero”, “alchermes”, “sciroppi”, “sorbetti”,

“giulebbi”, “gelati”)... la cancelleria (“carta”,

“taccuini”, almanacchi)...

 

 

Negli aromi (“muschio”, “belzoino”, “olibano”,

“canfora,” “gelsomino”, “zibetto”), i giochi

(“maschere”, “zara”, “cerbottana”, “dadi”, “scacchi”), i

rapporti sociali (“salamelecchi”, “gazzarra”,

“confabulazioni”, “meschini”, “assassini” o dipendenti

da hashish),

 

Nel commercio (“bazar,” “fondachi”, “tare”, “avarie”,

“risme”, “quintali”, “carati”, “carovane”, “maone”,

“zecca”, “zecchini”, “norie”, “carrube”, “gabelle”,

“tariffe”, “dogane”), la navigazione (“sciabiche”,

“feluche”, “scirocco”, “garbino”, “monsone”, simun o

vento “dal Sahara”, “darsena”, “arsenale”, “cala”,

“catrame”, “calafato”, “razzie”, “turcasso”, “zagaglia”,

“alfiete”, “almirante” o ammiraglio)...

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

L’Europa delle “radici giudaico-cristiane” è una voluta

“forzatura”, una semplice strategia di marketing, non

tanto per “credenti” religiosi, quanto per “bigotti”

superstiziosi, da non dimenticare fetta importante

dell’elettorato in Italia e in alcuni altri Paesi europei.

 

Per questo un becero “politicante” non può quindi dire

in modo intelligente e logico “credo nel Vangelo, quindi

è giusto accogliere i migranti”, eh no... piuttosto

ostenta il “bacio” del crocifisso sulla coroncina di un

rosario, per non farsi beccare nella merda dei suoi

stessi sragionamenti!

 

 

La religione in realtà - e tutti lo sanno - viene oggi

vissuta con non più che “indifferenza” dalla maggior

parte delle persone.

 

Per di più molto di quello che oggi viene culturalmente

etichettato come “cristiano” faceva storicamente già

parte di “credenze” popolari o “pagane” precedenti. 

 

 

Sfruttandone prima la potenza e l'estensione e

sostituendosi poi di fatto all’Impero Romano, lo

pseudo-Cristianesimo di “Paolo” si impossesserà via via

di simboli ed espressioni culturali delle popolazioni già

presenti su tutto il territorio, modificandole a proprio

(ab)uso e consumo o semplicemente cambiandone il

nome.

 

Luoghi sacri, festività, processioni e riti rimarranno tali

e quali anche se con “Cristi”, “Madonne”, “Angeli” e

“Santi” a sostituire le antiche divinità - ad esempio un

luogo di “culto” oggi detto “mariano” è quasi

sicuramente prima luogo di “culto” di “Madre Terra”, la

“Grande Madre”, poi “santuario” di Hera, di Uni, di

Giunone, quindi tempio “pagano” fatto poi chiesa di

culto “paolo-cristiano” (con per di più arredi liturgici

rubati agli Etruschi...).

 

 

Nei confronti della politica la Chiesa Cattolica “Pseudo-

Apostolica” Romana mostra sempre due facce

altrettanto odiose, una all'interno, bollando come

“eresia” qualunque proposta di tornare ad u

n’interpretazione più rigorosa del messaggio di Cristo,

ed eliminando ogni “pericoloso estremismo”, ed un'altra

all'esterno, mantenendo con successo una ruffiana e

servile collaborazione con la politica di altri potenti,

almeno fino ad imporre la propria linea alla prima

occasione.

 

Altro che rivoluzione degli “ultimi” che saranno “primi”,

piuttosto “valori”, “convinzioni” e “pratiche” statici

dogmaticamente imposti, o altrimenti crolla tutto il

castello di carte, col rischio di far trovare i passivizzati

“credenti” di fronte a cose nuove, che addirittura

mettano in discussione il sistema di “schiavitù di fatto”,

cosa che alla fine è ineludibilmente successa - niente è

per sempre!