Nel 1951 Giorgio La Pira - docente di diritto romano, giurista, deputato

all'Assemblea Costituente - diventa il nuovo sindaco di una Firenze “città

dell’incontro”, centro di convegni internazionali su pace, dignità umana,

giustizia, solidarietà, dialogo e confronto pacifico.

 

In questo spirito anche la creazione INA Casa dell’"Isolotto", in cantiere

dal 1952, grazie alla legge 28 Febbraio 1949 n. 43 il cui scopo è

“incrementare l’occupazione operaia mediante la costruzione di case per

lavoratori”, per risolvere sia problemi abitativi che occupazionali.

 

Il 6 novembre 1954 la cerimonia ufficiale quando il sindaco consegnerà le

chiavi degli appartamenti nella “città giardino”, ancora oggi studiata da

urbanisti a livello internazionale, un quartiere autosufficiente di 150 edifici

da due a sei piani per 1.450 alloggi.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“I ‘fatti’

 

                                   

hanno la verità

 

                                   

 

                                   

Il ‘concetto’

 

                                   

è già un duplicato in cui

 

                                   

si annida l'astuzia”

 

                                   

 

                                   

Padre Ernesto Balducci, 1922-1992

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nel corso di questo ormai più che decennale dibattito

ciclico sulle unioni civili (in verità del tutto riservato ai

politicanti, perché ormai quasi l'80% della popolazione

italiana ne è apertamenhte a favore!), continue sono le

illecite interferenze da parte dei Gerarchi della Chiesa di

Roma e dei loro squardisti dalle “Camicie Bianche” su

decisioni proprie dello Stato laico, mentre rialeggia

ancora e di nuovo una mai scomparsa e fortemente

preoccupante “stigmatizzazione” dell’omosessualità.

 

 

La “Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea”

o “Carta di Nizza”, perché solennemente proclamata

una prima volta il 7 dicembre 2000 a Nizza, è stata

adattata e riproclamata una seconda volta da

Parlamento, Consiglio e Commissione Europei a

Strasburgo il 12 dicembre 2007.

 

Entrato in vigore il “Trattato di Lisbona”, la “Carta di

Nizza” ha valore giuridico di trattato, ai sensi

dell'Articolo 6 del Trattato sull'Unione Europea, quindi

pienamente vincolante sia per le Istituzioni Europee che

per gli Stati membri.

 

 

La “Carta di Nizza” risponde alla necessità di definire un

numero di diritti e di libertà “fondamentali”, cioè di

eccezionale rilevanza, da “garantire a tutti” i Cittadini

dell'Unione.

 

Ormai la maggior parte dei Paesi del Consiglio d’Europa

riconosce le unioni civili e come pure nel resto del

mondo aumentano continuamente gli Stati in cui viene

riconosciuto il matrimonio tra persone dello stesso

sesso: Francia, Svizzera, Spagna, Portogallo,

Inghilterra, Irlanda, Danimarca, Svezia, Norvegia,

Olanda, Belgio, Lussemburgo, Slovenia, Stati Uniti

d'America, Argentina, Brasile, Uruguay, Sudafrica...

 

 

La “Carta dei Diritti Fondamentali” condanna a chiare

lettere qualsivoglia “discriminazione” fondata

sull’“orientamento sessuale” delle persone, cancellando

di conseguenza il requisito della “diversità di sesso” sia

per il “matrimonio”, sia per “ogni altra forma” di

costituzione della famiglia.

 

Pur avendo liberamente scelto di appartenere a questo

“nuovo” mondo, l'Italia continua a recalcitrare contro la

piena applicazione di tali principî, confermando con

questo mancato rispetto tutto il suo “ritardo culturale”

di fatto mai colmato, nonostante leggi su “divorzio” e

“aborto”, prigioniera dei soliti fanatismi piuttosto “filo-

vaticani” che giammai “cristiani”.

 

 

Di seguito il testo editato dell'intervento di Padre

Ernesto Balducci alla Conferenza tenuta all'“Isolotto” di

Firenze nel lontano marzo 1974 (!?), quella volta in

occasione del “Referendum” sul divorzio.

 

A quasi mezzo secolo di distanza parole purtroppo

altrettanto attuali oggi.

 

 

Buona lettura!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Svelare

 

                                   

le mistificazioni

 

                                   

e le menzogne

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

[Abbiamo l'occasione di] affrontare questi

problemi, per svelare tutte le mistificazioni,

le menzogne, concretizzate e dissimulate

all'interno di certi principî suggestivi.

 

Parlando da cristiano a gente che in gran

parte si ritiene tale, ci tengo a dire che il

momento che stiamo vivendo è proprio il

momento in cui dobbiamo abbattere (noi ne

siamo i primi responsabili) quella che

chiamerei l'“ideologia cattolica”, come

ideologia di copertura del mondo borghese,

il quale mondo borghese trova vantaggio nel

coprire i suoi obiettivi di conservazione

sociale con dei valori cosiddetti “cristiani”

che hanno ancora una grandissima forza di

suggestione nelle coscienze.

 

 

La difesa della famiglia “cristiana” è un

aspetto dell'ideologia cattolica che, molto di

più di quanto potremmo pensare, nasconde

la volontà di conservare “un certo tipo di

società” e un certo tipo di sistema di

rapporti di proprietà.

 

Alzare quindi questo velo è in un sol

momento recuperare la possibilità di un

rapporto più “vivace”, più “liberatorio” col

Vangelo e smascherare le “reali intenzioni”

della classe dominante.

 

 

[...]

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Non esiste

 

                                   

un modello “cristiano”

 

                                   

di famiglia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Che cosa si nasconde, però,

dietro questo cosiddetto modello

“cristiano” della famiglia?

 

 

È lecito attribuire al messaggio

cristiano un “modello” di famiglia

quale quello che abbiamo

ereditato dal passato e che

ancora sopravvive?

 

 

Ecco, la risposta è subito no.

 

Si tratta appunto di una menzogna, non di

quelle architettate da chi sa quale mal

intenzionato, ma di quelle menzogne che

nascono per una specie di “escrescenza”

storica progressiva, sulla spinta di altre

ragioni che non sono di tipo ideale, ma

pratico.

 

 

Non esiste la “famiglia cristiana”, essa è

appunto un “falso valore”.

 

Io vorrei mostrarvi come liberandoci da

questa falsificazione, ricercando anche le

ragioni per cui essa è nata e si è fatta valere

e riferendoci con “coscienza liberata” alle

esigenze evangeliche, noi ci mettiamo in

movimento tra le forze che mirano a far

crescere la nostra società e liberarla anche

da altre “schiavitù”.

 

 

Che cosa intendiamo quando si

parla di modello “cristiano” della

famiglia?

 

 

Noi possiamo riferirci o al particolare

“ordinamento giuridico” della famiglia,

quello che è stato elaborato lungo i secoli

dalla Chiesa Cattolica, oppure ad un

particolare “concetto etico”, morale della

famiglia, che, anche indipendentemente

dall'ordinamento giuridico-canonico, si è

fatto valere da parte della società italiana.

 

Per cui si dice che la famiglia “tipica”

italiana è una famiglia di formazione

“cristiana”.

 

 

Ora, spieghiamoci su questo punto.

 

 

Intanto sta di fatto che quando noi parliamo

della “famiglia” secondo l'Ordinamento

Canonico, quello che per adesso rimane in

prima gestione della “Sacra Rota” e dei

“Tribunali Diocesani”, noi non dobbiamo

affatto ritenere che si tratti della traduzione

“giuridica” di un ideale “evangelico”.

 

Si tratta invece di una creazione “storica”,

precisamente databile, di cui è responsabile

la Chiesa Cattolica.

 

 

I primi Cristiani non avevano un

ordinamento giuridico “proprio” della

famiglia.

 

Essi vivevano la vita di famiglia, ed anche

diremmo istitutivi, secondo il costume “del

tempo”.

 

 

Non c'era, per dir così, il matrimonio “in

chiesa”; non c'era una “anagrafe” o un

“Tribunale Ecclesiastico” per i matrimoni,

non c'era il “prete” al matrimonio.

 

I Cristiani si sposavano come tutti gli altri.

 

Non sentivano alcun bisogno di dare al loro

matrimonio un ordinamento giuridico

“particolare” all'interno del generale

ordinamento giuridico della società in cui

vivevano, specialmente in quella romana.

 

 

Ad esempio, là dove erano le famiglie a

stabilire il matrimonio dei figli, i primi

Cristiani facevano come gli altri: il padre di

famiglia destinava alla figlia un dato marito,

d'accordo con la famiglia del promesso

sposo, senza che i due interessati potessero

aggiungere nulla, perché questo era il

costume.

 

Inutile quindi andare a cercare nei primi

Cristiani un modello di “famiglia cristiana”.

 

 

Così, per quanto riguarda il modello “etico”

della famiglia, non esiste un concetto etico

specificamente “cristiano”, nei primi secoli.

 

C'è una visione, se vogliamo, di “fede”,

teologale, cioè legata al riferimento a Cristo.

 

 

Non esiste però un “ideale” di famiglia con

particolari contenuti “morali”.

 

La “prassi familiare” si modellava sul

costume morale “del tempo”.

 

 

Anche se è chiaro che il Cristianesimo

impose un “rigore” morale, un rifiuto di

certe forme di depravazione, una condanna

di certe degenerazioni; però non disse cose

“diverse” da quelle che poteva dire l'“etica”

degli Stoici o dei Pitagorici.

 

Quindi il Cristianesimo non si presenta con

una sua “etica familiare formulata nei primi

tempi.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Come nasce

 

                                   

il modello “cristiano”

 

                                   

della famiglia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Solo quando la Chiesa, dopo Costantino, e

precisamente con Giustiniano, acquista una

responsabilità di tipo “sociale”, per cui tutti i

momenti della vita sociale vengono gestiti

dal clero, incomincia a formarsi un

ordinamento matrimoniale “cristiano” che,

come vedremo, si è poi accresciuto, si è

arricchito, si è accreditato in ogni modo fino

a trovare il suo sigillo nel “Concilio di

Trento” e a diventare anche un modello di

ispirazione per molti ordinamenti giuridici

“civili”.

 

Il “Codice Napoleonico” fu in gran parte

tributario di questa “tradizione” giuridica

della Chiesa medioevale.

 

 

Tuttavia ci domandiamo se il

matrimonio cosiddetto

“cristiano” ha veramente

alle esigenze “evangeliche” o

non piuttosto alle esigenze “della

società” del tempo.

 

 

La risposta è chiara: la cosiddetta “famiglia

cristiana”, con tutti i connotati giuridici

ritrovabili nel Codice Canonico, con tutti i

connotati etici ritrovabili nel costume

esemplare, è un prodotto storico e, come

tale, relativo.

 

Per cui io non riesco a capire, proprio dal

punto di vista diremo dell'individuazione

“culturale”, che significhi difendere in una

società “pluralistica” un modello “cristiano”

di famiglia, perché non so quale sia questo

“modello”, perché non si dà un modello

proprio del Cristiano.

 

 

La famiglia “cristiana”, se noi la

conserviamo come prodotto storico

ereditario, nasconde invece in sé particolari

pregiudizi, particolari difformazioni,

particolari rapporti sociali legati allo

sfruttamento che sono tutti da rifiutare.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Caratteristiche superate

 

                                   

della famiglia “cristiana”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Quali sono queste caratteristiche

storiche da considerare

“superate”?

 

 

Innanzitutto è chiaro che l'“unità” della

famiglia cristiana usufruiva di un dato

economico, era l'“unità” patrimoniale.

 

Il padre di famiglia era l'unico responsabile

del “patrimonio” [dal Latino patrimonium,

da pater, padre, e monium, beni “ereditari”,

di padre in figlio] familiare, era lui l'unica

figura “economica” della famiglia.

 

E quindi l'“unità” della famiglia, anziché

essere il prodotto della “scelta cosciente”

dei coniugi, era un “portato fatale”

dell'“indivisibile unità” patrimoniale.

 

 

[...]
 

 

A reggere l'“indissolubilità” della famiglia,

oltre a questa ragione economica, esisteva

un ambiente cosiddetto “monoculturale”,

cioè a cultura unica, per cui tutti gli elementi

culturali dell'ambiente spingevano a

ricercare la propria “identità” nella famiglia

di “appartenenza”.

 

Una donna non aveva un “suo” mondo

culturale.

 

I figli non avevano un mondo culturale

“autonomo”.

 

 

Non c'erano spazi “diversi” per

l'“esperienza” di vita.

 

La famiglia rappresentava il luogo

“normale” [cioè “secondo la ‘regola’ di

costume”] e continuativo dell'esperienza

“culturale”.

 

 

L'unità quindi si manteneva perché

mancavano “forze centrifughe”, aperture di

orizzonti “diversi” per i componenti della

famiglia.

 

Pensate, ad esempio, al legame quasi fatale

fra il lavoro del padre e del figlio.

 

 

In terzo luogo c'era la subordinazione della

donna all'“autorità” maritale, che era una

norma assoluta.

 

L'attività pastorale della Chiesa ha in questo

una specifica responsabilità, perché il

modello che si forniva alla donna era un

modello di “subordinazione” al marito.

 

La “donna ‘cristiana’” è quella che dice

sempre di sì al marito, che non ha in nessun

campo iniziativa “propria”, le cui virtù sono

tutte una garanzia alla “tirannide” maschile

e i cui compensi mistificanti sono l'essere

l'“angelo” del focolare.

 

 

Perfino San Paolo porta riflessi della

condizione sociale della donna dei suoi

tempi, quando dice che la donna “deve”

essere “sottoposta” al marito, o “deve”

coprirsi il “capo” quando entra in assemblea

perché il “capo” della donna è l'uomo.

 

San Paolo non rivela niente che abbia

rapporto con la “liberazione” portata da

Gesù Cristo.

 

Assume norme di comportamento proprie

della società ebraica.

 

 

Ma noi dobbiamo sapere che la “fedeltà” alla

parola di Dio non è “fedeltà” ai modelli

sociologici del comportamento, legati ad una

certa fase dello sviluppo storico.

 

La parola di Dio non assolutizza, non rende

normativi quei modi di comportamento, ci

esorta anzi a liberarcene.

 

 

E alla fine c'era il pessimismo “sessuale”,

che svuotava la famiglia di ogni significato

positivo di comunione spontanea a tutti i

livelli e relegava la vita sessuale a una

funzione di “servizio” in rapporto all'azione.

 

Il matrimonio è per i figli.

 

 

In realtà, pensate che nel passato, anche in

quel passato che certi nostalgici

rimpiangono, il consenso “libero” della

donna al matrimonio era una circostanza

neanche presa in considerazione.

 

La donna aveva così radicalmente accettato

il modello impostole dalla società e dalla

Chiesa che aveva perfino “vergogna” a dire

che desiderava “prender marito”; magari lo

desiderava con tutta sé stessa, ma tale

desiderio rimaneva inibito.

 

 

Doveva esser lei, la donna “cercata”.

 

Doveva essere senza iniziative e con

un'“etica” del comportamento femminile che

voi conoscete bene.

 

 

La stessa “definizione” della donna era di

tipo “biologico”.

 

La donna si definiva in rapporto alla sua

biologia: era “vergine” o “madre”.

 

Non “persona”, come l'uomo, “capace” di

decidere della propria vita

indipendentemente dalla condizione

biologica; ma legata strettamente a questa,

con delle sfere di “mortificazione” terribili,

come la donna che non ha sposato, la

“zitella”, considerata una donna “fallita”.

 

 

Oggi ci troviamo nella situazione in cui lo

sviluppo della società ha messo in crisi le

componenti di struttura che sorreggevano

un certo tipo di famiglia cosiddetta

“cristiana”.

 

Abbiamo una “crisi” della famiglia che per

molti è la “crisi” della famiglia “cristiana”,

ma che invece è la “crisi” della famiglia

“tradizionale” e niente altro.

 

 

Allora, un “credente”, quali

doveri ha in questo momento?

 

 

Non di stringersi, di far quadrato attorno a

un modello di famiglia che non ha più

nessuna ragione “storica” di continuare, ma

rifarsi all'esigenza “evangelica”, interrogarsi

di fronte ai Vangelo.
 

Ora, secondo me, il Vangelo, non ci dà

nessun “esempio” di famiglia precisa.

 

 

Anche la “Sacra Famiglia” è un invenzione

posteriore, “borghese”, perché la famiglia di

Nazareth, non è un “modello” di famiglia,

per il semplice fatto che, almeno nelle

convinzioni di fede, Maria e Giuseppe non

erano autenticamente “marito” e “moglie”.

 

Quindi, presentare come “modello” di

famiglia un modello in cui proprio l'aspetto

principale non era “integro”, significa fare

una mistificazione.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Indicazioni

 

                                   

evangeliche

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Occorre domandarsi piuttosto in

che “senso” il Vangelo si apre a

questa “esperienza” particolare

della vita che è l'“amore” nella

famiglia, nella linea della

“liberazione”, cioè nella

“crescita” secondo il disegno di

Dio.

 

 

A me pare che ci siano dei punti fermi,

questa volta autenticamente fermi, a cui fare

riferimento in questo tentativo di “recupero”

del “significato” evangelico che può avere la

“vita nell'amore”, la vita “familiare”.

 

Innanzi tutto, è sicuramente

un'affermazione di fondo del Vangelo che

dinanzi a Cristo non c'è nessuna differenza

fra l'uomo e la donna, dinanzi a Cristo non

c'è né “maschio” né “femmina”.

 

 

[...]

 

 

In secondo luogo, secondo il Vangelo, la

“fedeltà” non è il “risultato” di una legge

esterna che costringe, ma è

un'“espressione” dell'amore.

 

Un'altra esigenza interna allo spirito

evangelico è il rifiuto della

strumentalizzazione, del rendere l'altro uno

“strumento” di sé.

 

 

Espressioni bibliche quali

 

“la persona umana

è fatta a immagine di Dio”

 

“amate i vostri mariti

come la Chiesa ama Cristo”

 

“amate le vostre mogli

come Cristo ama la Chiesa”

 

per un “credente” sono un invito decisivo a

rifiutare di fare dell'altra persona uno

strumento di sé, si tratti dei rapporti “fra

coniugi”, si tratti di rapporti “familiari”.

 

 

Questo rispetto della persona significa

garanzia del rapporto veramente

“comunitario”, perché tra rapporto

comunitario e rapporto “di società” stabilito

dalla legge c'è una differenza di “qualità”:

 

il rapporto “comunitario” in tanto è, in tanto

vive, in quanto trova la sua sorgente nel

“libero” consenso e nel rispetto “spontaneo”

della coscienza verso l'altro;

 

i rapporti “societari” invece sono quelli che

si stabiliscono per forza di legge.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

La famiglia

 

                                   

istituzione legata alle

 

                                   

condizioni storiche

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Siamo all'ultimo punto: non

dobbiamo cadere in un così

ingenuo “evangelismo” da

credere che la famiglia non

interessi la “società”, che debba

essere riferita soltanto

all'esperienza “spirituale”.

 

 

Ogni “espressione” dell'Uomo, ma la

famiglia in particolar modo, in quanto si

innesta nei rapporti “sociali” generali, ha

bisogno di “istituzionalizzarsi”.

 

 

La istituzionalizzazione è un momento di

serietà umana, il momento in cui si traduce

in “norma” esterna la “responsabilità” di

fronte alla società intera.


Però, non è con questo momento

istituzionale che si “definisce” la famiglia.

 

 

Il momento istituzionale è quello in cui

l'esperienza della famiglia assume rapporti e

responsabilità con l'insieme della realtà

sociale.

 

E la società, come tale, ha bisogno di

tutelare la famiglia, di farsene “garante” in

qualche modo, di proteggerne e favorirne lo

sviluppo.

 

 

Ma questo momento, lo ripeto, è del tutto

legato alle condizioni “storiche” e varia a

seconda del mutare delle condizioni

storiche; perciò oggi c'è bisogno di una

nuova istituzionalizzazione della famiglia.

 

La famiglia è una creazione continua.

 

 

Nella Bibbia c'è la “poligamia”, poi si è

acquisito il concetto della famiglia

“monogamica”, che forse è un concetto

irrinunciabile.

 

Però non si deve dire che è la “natura” che

l'ha voluto, perché questo significa attribuire

alla natura astratta delle conquiste

“storiche” che sono invece relative

anch'esse.

 

 

Forse la famiglia dovrà cambiare ancora

forma, dovrà cambiare struttura.

 

Il concetto del diritto “naturale” è un

concetto dell'immobilismo “borghese”, con

cui si sono voluti rendere eterni e immutabili

alcuni rapporti che erano funzionali alla

società “borghese”.

 

 

E qual è il “criterio” con cui la

famiglia deve cambiare

struttura?

 

 

È quel di più di “libertà” che l'Uomo deve

avere.

 

Quando diciamo “libertà” non parliamo della

libertà “soggettivistica” identica al libero

arbitrio, ma di una “libertà” in cui veramente

l'esistenza dell'uno sia garanzia e condizione

della “libertà di tutti gli altri”.

 


Questa crescita della famiglia presuppone un

nuovo “diritto familiare” in cui dovrà essere

anche previsto il caso nel quale la fedeltà

reciproca di “indissolubilità” non è più

possibile.

 

Cioè la clausola del “divorzio” come verifica

di un fallimento dell'“esperienza” e come

legittima dei due, che hanno portato a

termine un esperienza fallita, di crearsi una

esistenza coniugale.

 

 

Questo la legge lo “può fare”; a rigore, lo

“deve” fare.

 

Però il “diritto” di famiglia non è questo.

 

 

Ecco perché dovremo, una volta superata la

battaglia sul referendum, considerarci

continuamente mobilitati per favorire in

Italia una modificazione profonda del diritto

di famiglia, perché esistono già ormai le

condizioni di coscienza generali e perché

certe norme giuridiche della tradizione siano

abolite e superate.

 

 

E naturalmente, quando si fa questa

battaglia per un nuovo tipo di “famiglia”, si

deve fare anche una battaglia per un nuovo

tipo di “società”, perché se i rapporti

“economici” rimangono quelli che sono poco

vale il modificare i rapporti “giuridici”.

 

Al più avremmo un “aggiornamento” neo-

capitalistico della famiglia.

 

 

In ogni caso, una battaglia per la famiglia

che si apre con il referendum, non si chiude

con il referendum.

 

Però dobbiamo dirci che noi, in quanto

“Cristiani”, non abbiamo niente, nessun

modello “nostro” da difendere.

 

 

Noi dobbiamo ricercare con gli altri un

modello “giuridico” ed “etico” di famiglia,

perché non abbiamo “privilegi” di nessuna

sorta come “credenti”.

 

Come “credenti” ci compete l'onere e il

privilegio, se volete, di essere fedeli alle

ispirazioni evangeliche fondamentali; ma

queste ispirazioni non sono da tradurre

come modello “etico-giuridico”, poiché sono

una spinta continuamente “trasformante”

della realtà “storica”, disponibili a sempre

nuove forme di ordinamento familiare.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Messa in piazza all'Isolotto di Firenze, primi Anni Cinquanta del Novecento

 

L'Isolotto, Rione di Firenze nella periferia sud-occidentale della città, già

terra di orti e di campi, zona di case rurali, il suo primo sviluppo a inizio

Ottocento con l'insediamento di industrie pesanti - ceramiche,

metallurgiche, meccaniche - poi di nuovo con la costruzione di abitazioni

popolari in due fasi, la seconda e più importante nel Secondo Dopoguerra,

contemporaneo insediamento di circa un migliaio di nuove famiglie.

 

La Comunità dell’Isolotto nasce nel 1955, un progetto missionario di

orizzontalità nel rapporto sacerdote-fedeli, fatto di Assemblee, lettura

delle Sacre Scritture, discussioni su problematiche sociali, riflessioni

politiche, partecipazione sempre più attiva al dibattito conciliare, ma

anche di lotte sociali di quartiere-dormitorio per i servizi essenziali, poi

"Comunità di base" dal 1969, ancora oggi vivacemente unita

nell’avventura umana di liberazione continua.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ernesto Balducci

 

                                   

e la “Primavera Fiorentina”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Rimane punto di riferimento culturale in quel mondo

cattolico democratico di sinistra attivo a Firenze tra gli

Anni Cinquanta e gli Anni Novanta del secolo scorso, e

che trae forte ispirazione dal Concilio Vaticano II,

insieme, tra gli altri, a:

 

- Giorgio La Pira

Sindaco della città, politico e docente

 

- David Maria (al secolo Giuseppe) Turoldo

religioso dell'“Ordine dei Servi di Maria”, poeta e

“coscienza inquieta della Chiesa”

 

- Don Lorenzo (Carlo Domenico) Milani

(Comparetti)

prete dei poveri, priore di Barbiana, insegnante,

scrittore ed educatore, fautore di un profondo

processo di “sborghesizzazione” della società

 

- Padre Nazareno Taddei 

prete, linguista e regista, teorico della comunicazione

di massa

 

- Padre Danilo Cubattoli

prete, decano dei “Cappellani delle carceri d'Italia” e

critico cinematografico

 

- Cardinale Silvano Piovanelli

Arcivescovo Emerito di Firenze

 

- Mario Gozzini

scrittore, politico e giornalista

 

- Don Bruno Borghi

prete operaio “per scelta di classe”

 

- Don Raffaele Bensi

confessore e consigliere di Don Milani

 

- Don Giulio Facibeni

prete, antifascista salvatore di Ebrei e per questo

annoverato fra i “Giusti tra le Nazioni”

 

- Don Luigi Rosadoni

profeta dimenticato, grande sostenitore della “Chiesa

dei poveri” e della “Chiesa Popolo di Dio”

 

- Don Giovanni Vannucci

prete e teologo, organizzatore insieme a Turoldo della

“Messa della carità” a Firenze

 

- Enzo Mazzi

parroco radicale nel Quartiere “Isolotto” a Firenze

 

e tutti quei molti, la cui vita, pensiero e azioni

dovremmo oggi approfondire e far conoscere, inghiottiti

e spersi come siamo nella confusione “populista” di

questi “post-berlusconiani” tempi “verdiniano-renziani”

così terribilmente bui e deprimenti...

 

 

Ernesto Balducci

 

Nasce nel 1922, anno della “Marcia Fascista su Roma”,

a Santa Fiora, paese di minatori sul Monte Amiata, fatto

determinante per la sua formazione umana, civile,

religiosa e politica, con un profondo senso di giustizia

verso i più poveri e gli emarginati nel mondo.

 

Negli “Scolopi” da ragazzo, viene ordinato sacerdote nel

1944, appena ventiduenne, e mandato nella Firenze

liberata, dove insegna e impara a conoscere molti

intellettuali partigiani, “di parte” nel vero senso della

parola, collaborando presto con Giorgio La Pira,

dedicandosi all'assistenza caritativa con forte

attenzione alle tensioni politiche e sociali, pur senza

mai ignorare le tematiche teologiche e spirituali.

 

 

Crea attività ad incoraggiare il dialogo “interculturale”,

superando in tal senso i limiti di una tradizionale visione

eurocentrica ed occidentale, propagando una fede

fondata sulla “testimonianza”, ispirandosi ai “Piccoli

Fratelli” o “Associazione dei fratelli e delle sorelle del

Sacro Cuore di Gesù” di Charles Eugène de Foucauld.

 

Tutto questo apertamente “osteggiato” dalla Curia

Diocesana, che all'epoca censura qualsivoglia fermento

innovatore nella Chiesa, fino a costargli un “esilio” a

Frascati e poi a Roma, dove diventa appassionato

studioso e convinto sostenitore nonché divulgatore

instancabile del purificante messaggio di rinnovamento

del Concilio Vaticano II.

 

 

Le sue nette prese di posizione “senza se e senza ma”

gli costeranno non poche polemiche e conflitti, come la

difesa dell'“obiezione di coscienza”, al pari di don

Danilo Cubattoli e don Lorenzo Milani, fino ad essere

processato e condannato per “apologia di reato” con

conseguente denuncia al Sant'Uffizio.

 

Riavvicinatosi a Firenze, negli Anni Settanta diverrà uno

degli artefici del dialogo con il Partito Comunista

Italiano nell'abbattimento di molte frontiere culturali e

politiche.

 

 

Negli Anni Ottanta anima la “campagna per il disarmo”,

allargando sempre più lo sguardo a “temi planetari”,

come “diritti umani”, “rispetto dell'ambiente”,

“cooperazione”, “solidarietà e pace”, “dialogo fra

credenti e non credenti”.

 

Continuando a criticare sempre e con coerente durezza

la “visione eurocentrica” ed “occidentale” del mondo e

rendendo, tra l'altro, dovuto omaggio a quell'Islam, a

cui restituire l'importanza di storico “nesso vitale”,

capace di ricondurre l'imbarbarita Europa del Medievo

ai “valori” della Civiltà Ellenica.

 

 

Se ne va, troppo presto, nel 1992 in un incidente

stradale, dopo aver tenuto la sua ultima conferenza.

 

 

La preziosa eredità intellettuale, politica e

comportamentale che lascia riguarda il necessario

rapporto di collaborazione fra umano e umano, civiltà e

civiltà, cultura e cultura, conditio sine qua non per la

nostra stessa sopravvivenza come genere umano.

 

Basta con la lunga “preistoria” di chiusure fra isole

“culturali”, basta con “xenofobie” strumentali a

cementare la “tribù”, basta con l'“aggressività” verso

l'altro e il “diverso”, perché ormai le minacce alla

sopravvivenza dell'umanità ci unificano in un comune

destino: dalla fase dell'“ominazione”, l'umanità passa a

quella della “planetarizzazione” per poi entrare nella

totale “globalizzazione”.

 

 

Dopo l'“antropologia” fondata sull'ontologia della

“differenza” tra noi e gli altri, tra popoli “di cultura” e

popoli “di natura”, tra umani “civilizzati” e umani

“primitivi”, si arrivano semplicemente a scoprire tutti i

“diversi modi di essere umani” nel tempo e nello spazio.

 

Il senso di “appartenenza” ad una comunità

“sopranazionale” produrrà un progetto politico

planetario, una “comunità mondiale” nella prospettiva

del “pacifismo antropologico”, una società cioè coesa da

rapporti di “spontanea reciprocità” e dall'opzione

preferenziale per la “non-violenza”.

 

                                   

 

                                   

Agisci

 

in modo che nella massima

della tua azione

 

il genere umano trovi

le ‘ragioni’ e le ‘garanzie’

 

della propria sopravvivenza!

 

                                   

 

                                   

Da “La terra del tramonto. Saggio sulla transizione”

2005, Giunti Editore