Il Lungomare della Porta Marina, popolarmente chiamato "Riva", a Sud,

con quel che rimane delle turrite mura medievali, poi in gran parte

abbattute per debellare peste ed epidemie nel malsano umido e ombroso

stantio del chiuso nel dipanarsi di vicoli strettissimi, come profonde

tagliate etrusche al loro interno.

 

Il Centro Storico di Trogir, a comprendere l'isolotto e le integranti due

fasce di costa dirimpetto, sia sulla terra ferma che sull'Isola di Čiovo sono

un rimarcabile esempio di continuità urbanistica, con stradine ortogonali

che risalgono al Periodo Ellenistico, a tappe fortificata da Romani, Croati e

Veneziani, abbellita da quest'ultimi di palazzi, chiese e monumenti che

vanno dal Romanico al Rinascimentale e al Barocco, straordinariamente

conservati e restaurati.

 

L'ameno centro turistico che noi tutti conosciamo oggi, la "piccola Venezia

dalmata", oggi così ridente e accogliente verso le invasioni ed i sempre

crescenti pellegrinaggi di turisti da tutto il mondo, ma la sua storia di città

libera, fiera e riluttante, distrutta, occupata, rioccupata e ogni volta

risorta, dice ben altro.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Traù - non proprio

 

                                   

una delle città adriatiche

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                       

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La particolare storia di Trogir

nel contesto istro-dalmata

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Istriani e Dalmati

 

                                   

più veneti dei Veneziani

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Al Conte Josipov Visković, italianizzato in “Giuseppe

Viscovich”, ultimo Capitano veneziano della Città

dalmata di Perasto, in Lingua Montenegrina Perast, in

scrittura cirillica Пераст, si deve il famoso motto.

 

È contenuto nella sua orazione dell'agosto 1797, tenuta

in occasione della fine della millenaria Serenissima

Repubblica di Venezia.

 

 

Pochi mesi prima infatti, a maggio, la Campagna d'Italia

delle truppe della Francia rivoluzionaria porta

Napoleone ad invadere come un'irresistibile tzunami,

occupare e depredare anche i territori della Repubblica

di Venezia, in pratica tutta la zona sulla terraferma fino

alla Laguna.

 

Ad evitare l'attacco dei Francesi anche alla città, il 12

maggio Doge e Magistrati decidono, avventatamente

forse se pur con amara sofferenza, di deporre le insegne

del comando mentre il Maggior Consiglio abdica,

dichiarando contestualmente decaduta la Repubblica.

 

 

La provvisoria Municipalità di governo rivoluzionario

sotto il controllo del Comando Militare Francese prova

ad esercitare il suo potere, ma sotto il costante terrore

di una rivolta da parte dei cosiddetti “Schiavoni”, in

olgare arcaico etnonimo medievale per “Slavi”, cioè i

fedelissimi soldati istriani e dalmati a costituire tra

l'altro la temuta unità della Flotta Veneziana degli

“Oltremarini”, i quali continuano a minacciare gli

occupanti sparando salve in segno di saluto d'onore alla

Repubblica, finché non obbediranno, loro malgrado,

all'ordine di “evacuazione preventiva” impartitogli dai

propri comandanti veneziani, ad evitare scontri.

 

Napoleone entra infatti a Venezia da parte di questa

quasi senza colpo sparare, anzi precisamente una sola

salva d'artiglieria, dal Forte di Sant'Andrea, quanto

basti per affondare la fregata francese “Le Libérateur

d'Italie”, che tenta avventatamente di forzare l'imbocco

della Laguna.

 

 

Caduta la “Madrepatria”, a domino anche le Città Venete

di Istria e Dalmazia alla fine saranno una dopo l'altra

costrette a consegnersi più che malvolentieri ai

Francesi.

 

Le illusorie aspettative di un trionfo anche in Italia degli

ideali di libertà della Rivoluzione Francese, verranno

purtroppo miseramente traditi da Napoleone, che col

Trattato di Campoformio, nell'ottobre dello stesso anno,

in pratica si spartirà la veste di Cristo del Nord-Italia e

dell'Adriatico con l'odiato l'Arciducato d'Austria.

 

 

“Austriaci” diventeranno Venezia e tutti i suoi Territori

Istro-Dalmati, poi, ultimo chiodo nella bara, già prima

della definitiva sconfitta di Napoleone a Waterloo l'anno

seguente, il Congresso di Vienna del 1814 istituirà,

nell'ambito di quell'assestamento politico-culturale

chiamato “Restaurazione” dei poteri sovrani assoluti in

Europa, ritorno all'Ancien Régime, un cosiddetto

Regno Lombardo-Veneto, ponendo sotto l'Impero di

Austria-Ungheria oltre a Veneto e Friuli anche la

Lombardia.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ti co nu, nu co Ti!”

“Ti s nami, a mi s Tobom”

 

                                   

 

                                   

Un episodio altamente pre-risorgimentale, ancora

purtroppo sconosciuto ai più, quello del Capitano della

Guardia di Perasto/Perast Giuseppe Viscovich, il cui

amore per Venezia e per l'Italia si dimostra più genuino,

patriottico e assoluto proprio nel momento più nero e

tragico della Serenissima, quando cioè sarebbe così

“legittimato”, troppo facile, anzi senza dubbio

opportunistico, tradire ogni sorta di legame e di ideale.

 

In questa occasione gli Slavi, gli “Schiavoni”, si

dimostreranno di fatto più coraggiosamente veneti

degli stessi Veneziani!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

       

 

                                   

 

     

Giuseppe Viscovich, 1728-1804, nobile

dalmata e ultimo Capitano Veneziano della

Città di Perasto nel Montenegro, alto militare

italiano a capo dell'ultimo territorio rimasto

fedele alla ormai già da mesi decaduta

Serenissima Repubblica di Venezia ad opera

delle truppe napoleoniche

       

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il solenne “Giuramento di Perasto” ha luogo il 23 agosto

1797, quando tutti i Cittadini - l'intera popolazione,

uomini donne vecchi e bambini - si radunano nella

Cattedrale per seppellirvi il Gonfalone della Serenissima

sotto l'altare, per non permettere di farlo cadere in

mano nemica, e a pronunciarlo davanti alla folla

inginocchiata proprio lui, il Capitano Viscovich, e inoltre

in Lingua Veneta.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Il Duomo di Perasto sotto il cui altar maggiore viene sepolto

l'ultimo Vessillo da guerra della Nave Ammiraglia della

gloriosa Flotta della Serenissima Repubblica di Venezia, fino

alla sopravvenuta supremazia tecnologica dell'Inghilterra e

dell'Olanda per secoli dominatrice incontrastata del Mar

Mediterraneo.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il “Giuramento di Perasto”

Versione originale in Lingua Veneta

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

In sto amaro momento, in sto ultimo sfogo

de amor, de fede al Veneto Serenissimo

Dominio, el gonfałon de ła Serenisima

Republica ne sia de conforto, o Citadini, che

ła nostra condota pasada da queła de sti

ultimi tenpi ła rende più xusto sto ato fatal,

ma virtuoxo, ma doveroxo par nu.

 

 

Savará da nu i vostri fioi e ła storia del xorno

ła fará saver a tuta Europa, che Perasto ła ga

degnamente sostegnudo fin a ł'ultimo ł'onor

del Veneto Gonfałon, onorandoło co sto ato

sołene e deponendoło bagná da el nostro

universal, amaro pianto.

 

Sfoghemose, citadini, sfoghemose pur;

ma in sti nostri ultimi sentimenti, che i sigiła

ła nostra gloriosa corsa soto el Serenisimo

Veneto Governo, rivolgemose verso sta

Insegna che ło rapresenta, e su de eła

sfoghemo el nostro dołor.

 

 

Par trexentosetantasete ani ła nostra fede, el

nostro vałor, ła ga senpre custodia par tera e

par mar, par tuto indove che i ne ga ciamá i

to nemisi, che łi xe stai pur quełi de ła

Rełigion.

 

Par trexentosetantasete ani łe nostre

sostanse, el nostro sangue, łe nostre vite łe

xe senpre stae par Ti, San Marco; e fełicisimi

senpre se gavemo reputá, Ti co nu, nu co ti;

e senpre co Ti sul mar nu semo stai iłustri e

virtuoxi.

 

Nisuni co Ti ne gá visto scanpar, nisuni co Ti

ne gá visto vinti e spauroxi!

 

 

E se sti tenpi prexenti, infełici par

inprevidensa, par disension, par arbitrii

iłegałi, par visi ofendenti ła natura e el gius

de łe xenti, no Te gavese cavá via, par Ti in

perpetuo sarave stae łe nostre sostanse, el

nostro sangue, ła vita nostra, e pitosto che

vedar Te vinto e dixonorá dai toi, el corajo

nostro, ła nostra fede, se gaverave sepełio

soto de ti.

 

Ma xa che altro no ne resta da far par Ti,

el nostro cuor sia ł'onoratisima to tonba,

e el piú puro e el piú grando to elogio

łe nostre łagrime.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il “Giuramento di Perasto”

Versione in Veneto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

In sto amaro momento, che lacera el nostro

cor; in sto ultimo sfogo de amor, de fede al

Veneto Serenissimo Dominio, el Gonfalon de

la Serenissima Repubblica ne sia de conforto,

o Cittadini, che la nostra condotta passada

che quela de sti ultimi tempi, rende non solo

più giusto sto atto fatal, ma virtuoso, ma

doveroso per nu.

 

 

Savarà da nu i nostri fioi, e la storia del

zorno farà saver a tutta l'Europa, che

Perasto ha degnamente sostenudo fino

all'ultimo l'onor del Veneto Gonfalon,

onorandolo co' sto atto solenne e

deponendolo bagnà del nostro universal

amarissimo pianto.

 

Sfoghemose, cittadini, sfoghemose pur; ma

in sti nostri ultimi sentimenti coi quai

sigilemo la nostra gloriosa carriera corsa

sotto el Serenissimo Veneto Governo,

rivolzemose verso sta Insegna che lo

rappresenta e su ela sfoghemo el nostro

dolor.
 

 

Per trecentosettantasette anni la nostra

fede, el nostro valor l'ha sempre custodìa per

tera e par mar, per tutto dove né ha ciamà i

so nemici, che xe stai pur queli de la

Religion.

 

Per trecentosettantasette anni le nostre

sostanze, el nostro sangue, le nostre vite le

xe stade sempre per Ti, o San Marco;

e felicissimi sempre se semo reputà Ti con

nu, nu con Ti; e sempre con Ti sul mar nu

semo stai illustri e vittoriosi.

 

Nissun con Ti n'ha visto scampar, nissun con

Ti n'ha visto vinti o spaurosi!

 

 

Se i tempi presenti, infelicissimi per i

mprevidenza, per dissenzion, per arbitrii

illegali, per vizi offendenti la natura e el gius

de le genti, no Te avesse tolto dall'Italia, per

Ti in perpetuo sarave stade le nostre

sostanze, el sangue, la nostra vita, e piutosto

che vederTe vinto e desonorà dai Toi, el

coraggio nostro, la nostra fede se avarave

sepelio soto de Ti!

 

Ma za che altro no resta da far per Ti, el

nostro cor sia l'onoratissima To tomba

e el più puro e el più grande elogio, Tò

elogio, le nostre lagreme.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il “Giuramento di Perasto”

Traduzione italiana

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

In questo amaro momento che lacera il

nostro cuore, in questo ultimo sfogo d'amore

e di fede al Serenissimo Dominio Veneto, ci

sia di conforto, o Cittadini, il Gonfalone della

Serenissima Repubblica, ché la nostra

condotta presente e passata giustamente ci

assegna questo atto fatale, per noi virtuoso e

doveroso.

 

 

Sapranno da noi i nostri figli, e la storia del

giorno farà sapere a tutta Europa, che

Perasto ha degnamente sostenuto fino

all'ultimo l'onore del Gonfalone Veneto,

onorandolo con questo atto solenne e

deponendolo bagnato del nostro universale

amarissimo pianto.

 

Sfoghiamoci, Cittadini, sfoghiamoci pure;

ma in questi nostri ultimi sentimenti, con i

quali sigilliamo la gloriosa carriera corsa

sotto il Serenissimo Governo Veneto,

rivolgiamoci a questa Insegna e in essa

consacriamo il nostro dolore.

 

 

Per trecentosettantasette anni la nostra fede

e il nostro valore la hanno custodita per

Terra e per Mare, ovunque ci abbiano

chiamato i suoi nemici, che sono stati anche

quelli della Religione.

 

Per trecentosettantasette anni le nostre

sostanze, il nostro sangue, le nostre vite

sono sempre state dedicate a Te, San Marco;

e felicissimi sempre ci siamo reputati di

essere Tu con noi e noi con Te; e sempre con

Te siamo stati illustri e vittoriosi sul Mare.

 

Nessuno con Te ci ha mai visto fuggire;

nessuno, con Te, ci ha mai visto vinti o

impauriti!

 

 

Se il tempo presente, infelicissimo per

imprevidenza, per dissennatezza, per illegali

arbitrii, per vizi che offendono la Natura e il

Diritto delle Genti, non Ti avesse tolto

dall'Italia, per Te in perpetuo sarebbero

state le nostre sostanze, il sangue, la nostra

vita; piuttosto che vederTi vinto e disonorato

dai Tuoi, il nostro coraggio e la nostra fede si

sarebbero sepolte sotto di Te!

 

Ora che altro non resta da fare per Te, il

nostro cuore Ti sia tomba onoratissima e il

più puro e grande elogio, Tuo elogio, siano le

nostre lacrime.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quindi, letto il proclama, il Conte si rivolge al piccolo

Annibale, suo nipote:

 

                                   

 

                                   

Inxenocite anca ti, Anibałe,

e tienteła mente par tuta ła vita!

 

                                   

 

                                   

“Inginocchiati anche tu, Annibale,

custodisci questo momento per tutta la

vita!”

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il campanile del Duomo della cittadina di Perasto, nel Montenegro, svetta

tra le profonde Gole del Cattaro sotto un cielo cristallino.

 

Oggi modesta meta idilliaca di turisti e nostalgici, la Città rimane per quasi

quattro secoli fedelissima alleata politica e avanzato caposaldo militare di

Venezia, al servizio delle sue mire ed interessi economici nell'Adriatico,

sede sicura e custode gelosa delle più alte insegne belliche della

Repubblica, patria della Guardia giurata dei "Gonfalonieri", pronti a morire

e di fatto molti di loro morti in battaglia per tenere alto il suo onore.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Breve storia

 

                                   

di Perasto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Risalgono al Medioevo le sue prime sinergie politiche,

economiche, commerciali e culturali con la Repubblica di

Venezia, di cui entra a far parte prima a periodi alterni e

definitivamente dal 1420 al 1797.

 

Nel Settecento il momento di massimo splendore per i

suoi 1.700 abitanti, con ben quattro cantieri navali, una

flotta di un centinaio di navi, mura di difesa con nove

bastioni mai espugnate dai Turchi, una fortezza, Santa

Croce della seconda metà del Cinquecento, sedici palazzi

barocchi e diciassette chiese cattoliche e due ortodosse.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

 

Omaggio veneto di grande riconoscenza alla irremovibile

"Perasto Fedelissima".

 

Per secoli baluardo eroico contro ogni pressione dello

strapotere dell'Impero Ottomano, mai caduta nelle sue

mani, ed esempio altissimo di dignità identitaria a riscatto

dell'onore di una Venezia, non certo meritevole di essere

abbandonata dai suoi stessi decadenti figli di fronte alla

pettata intimidatoria di rinnegati rivoluzionari predatori,

ultimo lembo di orgogliosa terra veneta libera nell'Adriatico.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Venuta nel 1368 in inaspettato soccorso della Flotta

Veneta sotto assedio, si guadagna sul campo il titolo,

poi mai perso, di “Fedelissima Gonfaloniera” della

Serenissima, custode gelosa della bandiera di guerra

della Flotta Militare della Repubblica di Venezia.

 

Avrà anche l'onore di fornire in battaglia la guardia

personale del Doge con l'alto compito di difendere fino

all'ultimo uomo il vessillo della nave ammiraglia:

durante l'epocale Battaglia di Lepanto dei dodici

Gonfalonieri di Perasto ne morranno ben otto!

 

 

La profonda devozione di questa cittadina del

Montenegro e la sua assoluta fedeltà alla Repubblica

della Serenissima non verranno a mancare neppure

quando la stessa Venezia si sarà arresa il 12 maggio

1797, avendo deposto il Doge le insegne di San Marco.

 

Quelle custodite a Perasto rimarranno alte durante altri

tre lunghi mesi in autogoverno ad opera dei suoi

Cittadini, che, ostentatamente ed orgogliosamente

Veneti e militarmente Veneziani, si rifiuteranno di

arrendersi ai Francesi di Napoleone Bonaparte, tenendo

duro fino alla sopraffazione degli Austriaci di Francesco

II d'Asburgo, intervenuto come occupante subentrato a

seguito del Trattato di Campoformio.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Carta di epoca veneziana dell'imprendibile Golfo di Cattaro, con la sua

temuta "Bocca", tanto da venir semplicemente chiamato "'Bocche' o 'Gole'

di Cattaro", "Boche de Càtaro" in Veneto, "Boka Kotorska" in Montenegrino

e Croato.

 

Cerchiata in rosso la minuscola cittadina di Perasto/Perast, in cirillico

Пераст, con davanti a se i due guardiani, l'Isola di San Giorgio/Sveti Ðorđe

e l'Isola dello Scarpello, unica isola artificiale dell'Adriatico, costruita dai

Perastini letteralmente partendo da un singolo scoglio, con il Santuario

della Madonna dello Scarpello/Gospa od Škrpjela del XVII-XVIII sec, a

metà costa fra le vistosamente fortificate città di Castel Novo e

Cattaro/Kotor, Котор, l'antica Acruvium romana.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Con i vessilli veneti issati fino al 23 agosto 1797,

Perasto sarà di fatto l'ultimo territorio della Repubblica

di Venezia a soccombere, segnando questa data, e non

quella della resa della Città di Venezia il 12 maggio di

quel nefasto anno, la vera fine della Serenissima.

 

E anche allora si preferirà seppellirli, con una cerimonia

ufficiale solenne, nel luogo più sacro della cittadina,

sotto l'altare del Duomo, piuttosto che consegnarli al

nemico, occasione in cui il Capitano della Guardia, Conte

Giuseppe Viscovich, pronuncerà davanti a popolo e

milizie il discorso passato alla storia come “Ti co nu, nu

co ti”, che diverrà anche motto per eccellenza degli

“Irredentisti”, primo fra tra tutti Gabriele D'Annunzio,

che lo adotterà per la sua famosa Squadriglia Aerea del

volo su Vienna.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Josip Lalić, Giuseppe (Pietro Maria Girolamo Doimo) Lallich, "Il Bacio di

Perasto", Museo Civico e Del Mare di Perasto/Perast, Montenegro/Crna

Gora, Црна Гора.

 

Josip Lalić, impressionista, nasce da famiglia borghese a Spalato nel 1867

e morirà a Roma, sua dimora dall'immediato Primo Dopoguerra, nel 1953,

già allievo di Alessandri, D’Andrea e Molmenti all'Accademia di Belle Arti di

Venezia, si trasferisce dopo gli studi a Milano, dove illustra per l'Editrice

Vallardi, quindi a Parigi, per poi sposare la pittrice Elisa Duramani e

tornare a casa, a Spalato/Split e Ragusa/Dubrovnik, prima di trasferirsi

definitivamente in Italia.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Viscovich sarà il primo a baciare il Gonfalone

Repubblicano bagnandolo di lacrime, seguito da ogni

soldato e da ciascun abitante.

 

Reso omaggio anche dall'ultimo cittadino, la Bandiera

del Leone Marciano verrà chiusa in una cassetta e

deposta sotto l'altare maggiore, storicamente parlando

l'ultimo atto formale della Repubblica di Venezia!
 



La
lingua di Viscovich è quella Dalmatica, ma

indiscutibilmente la Veneta, anche se il discorso verrà

per la prima volta trascritto parecchi anni dopo, nel

1812-1823, e in Italiano, comunque da testimoni diretti,

ancora molto più tardi, fra il 1859 e il 1865, ne

circoleranno le prime versioni in Lingua Veneta, e

addirittura del 1898 ne è l'unica versione serbo-croata

ad opera di Francesco Viscovich, nipote del Conte

Giuseppe, mentre non risulta alcuna versione in Lingua

Dalmatica.

 

Certo e ben documentato è invece il grido di guerra

degli Eserciti di Mare e di Terra della Serenissima

Repubblica di Venezia - “Italia!!!” - e questo molto

prima dei Moti Risorgimentali di Unificazione Nazionale!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La canzone

“Ti con nu - Nu con ti”

 

                                   

 

                                   

Alla commovente fedeltà di Capitan Viscovich e di

Perasto sono dedicate due canzoni di gruppi di musica

alternativa della Destra Identitaria.

 

 

“Addio a Perasto” della Compagnia dell'Anello, come gli

Amici del Vento* considerati i fondatori della musica

alternativa di Destra negli Anni Settanta (* da non

confondere con i Casa del Vento, gruppo combat folk

aretino nato nei primi Anni Novanta).

 

"Ti con nu - Nu con Ti!” degli Ultima Frontiera, i

componenti tutti originari del Friuli-Venezia Giulia,

formatosi a Trieste nel 1998 e scioltosi nel 2013 a

Udine.

 

 

Di quest'ultima riproduciamo qui di seguito l'audio

originale ed il testo integrale:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                       

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Ti con nu - Nu con Ti!”

 

                                   

 

                                   

 

 

In quest'ultimo momento

che lacera il nostro cuore

In quest'ultimo solenne

atto di fede e di amore

Rinnoviamo il Giuramento

di Fedeltà al Gonfalone

Di Venezia che, tradita

dai suoi figli, oggi muore

 

Più il Vessillo non garrisce

nel mio cielo azzurro e vasto

Custodito sia il Leone

sotto il Duomo di Perasto

Fedelissimi guerrieri

di San Marco fummo il vanto

Ne bagniamo il Gonfalone

con amarissimo pianto!

 

 

Sotto l'altare il Vessillo seppellirò:

“Ti con nu - Nu con Ti!”, non ti abbandonerò!

Traditori e stranieri giammai servirò,

per te ho combattuto e combatterò!

Ma se guerriero e libero più non sarò

a questa santa terra figli non darò!

Giammai schiavi di barbari io li vedrò

col vessillo la mia stirpe per sempre

seppellirò!

 

 

Quattro secoli di fede

a te abbiamo consacrato

Sangue, vite ed ogni sforzo

a te abbiamo donato

Sempre insieme a te sul mare

fummo illustri e vittoriosi

Sempre insieme a te mai fummo

né vinti, né paurosi

 

Tempi tristi e tradimento

all'Italia ti han strappato

Non sopporterà Perasto

di vederti disonorato

Noi che abbiamo sostenuto

fino all'ultimo il tuo onore

Gloria tua sia il nostro pianto

e tua tomba il nostro cuore!

 

 

“Ti con nu - Nu con Ti!”, al tuo fianco sarò,

col mio pianto il Gonfalone bagnerò!

Nella tomba con te il mio cuor lascerò,

a stranieri e vigliacchi non ti consegnerò!

 

“Ti con nu - Nu con Ti!”, il Leone vivrà,

questa terra all'Italia ritornerà!

Terra romana e veneta sempre sarà,

il tuo grido di guerra un giorno ancora

risuonerà!
 

 

“Ti con nu - Nu con Ti!”, al tuo fianco sarò,

col mio pianto il Gonfalone bagnerò!

Nella tomba con te il mio cuor lascerò,

a stranieri e vigliacchi non ti consegnerò!

 

“Ti con nu - Nu con Ti!, il Leone vivrà,

questa terra all'Italia ritornerà!

Terra romana e veneta sempre sarà,

il tuo grido di guerra un giorno ancora

risuonerà!

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Lingua

 

                                   

Dalmatica

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il “Dalmatico” o “Dalmata” è una lingua romanza ora

estinta, già per secoli parlata lungo l'intera costa della

Dalmazia, dal Golfo del Quarnero/Kvarner a

Ragusa/Dubrovnik, con “due varianti” principali (vedi la

* nota sotto):

 

- il Dalmatico “Settentrionale” o cosiddetto “Veglioto”,

perché proprio dell'Isola di Veglia - in Veneto Vegia, in

Dalmatico Viklain, in Croato Krk, in Latino Curicta, in

Greco Classico Κύρικον, Kyrikon - già del Liburni, la in

assoluto più popolata e, con Cherso/Cres, la più

grande isola della Croazia e di tutto il Mare Adriatico,

nel Golfo del Quarnero/Kvarner, Arcipelago delle Isole

Quarnerine al largo di Fiume/Rijeka

 

- il Dalmatico erroneamente detto “Meridionale”, ma più

correttamente da definire “Centrale” * o cosiddetto

“Raguseo”, perché proprio della quinta Repubblica

Marinara, quella di Ragusa, in Croato Dubrovnik, del

quale si conservano anche antichi documenti e

memorie.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

*

Nota

 

Questa precisazione secondo il Professor Žarko Muljačiċ di Spalato/Split,

famoso linguista croato specializzato romanista e italianista, allievo di

Petar Skok, zagabrese, e Mirko Deanović, ragusano (entrambi tra i

fondatori della tradizione italianistica in Jugoslavia).

 

“Premio Galileo Galilei” 1983 per i suoi contributi di studio alla Lingua

Italiana, già apprezzato Professore presso la Filozofski fakultet Sveučilišta

u Zagrebu, la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Zagabria, e

uno dei massimi esperti e ricercatori nella macroarea adriatica.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

 

 

Il Professor Žarko Muljačiċ, purtroppo scomparso nel 2012,

durante la cerimonia di assegnazione del “Premio Galileo

Galilei” 1983 per i suoi contributi di studio alla Lingua

Italiana

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Secondo appunto il Professor Muljačiċ esisterebbe

anche un terzo ramo del Dalmatico, non solo il

cosiddetto “Bocchese”, ma esteso fin molto più a Sud

delle Bocche di Cattaro/Boka Kotorska, ciò provato da

numerose sopravvivenze di elementi neolatini anche nel

Montenegrino, cioè la štokavo-Ijekavo Crnogorski jezik

o Црногорски језик (il puro Ijekavica è invece una delle

due varianti del Serbo, parlato oggi da una maggioranza

dell'80% nel Montenegro!) e in varianti albanesi

settentrionali, appunto il già Dalmatico “Meridionale più

propriamente detto” o “Labeatico”, soprattutto

documentato dal lavoro di Lipovac Radulović.

 

D'altronde il “Ghegho” di Scutari/Shkodër in Albania ha

addirittura quasi i 2/3 del proprio vocabolario di origine

neolatina:

 

- vuoi per la professata Religione Cristiana nell'ambito

della Chiesa Cattolica

 

- vuoi per rimanere storicamente parte dell'Albania

Veneziana per secoli

 

- vuoi per un tempo il diffusissimo uso dell'Italiano

commerciale

 

- vuoi ancor prima, nell'Alto e Basso Medioevo, per la

lingua romanza autoctona delle Popolazioni Illiriche

romanizzate, chiamiamola appunto con il Professor

Muljačić “Labeatico”.

 

 

Il Labeatico è della stessa famiglia del Dalmatico di

Ragusa/Dubrovnik, come del resto almeno fino al

Trecento a Durazzo/Durrësi, la romana Dyrrhachium,

dove in seguito, sotto la pressione degli Arebesh, i

lontani cugini pastori delle montagne, oggi minoranza

etnica gelosa della propria lingua e delle proprie

tradizioni nell'Italia Meridionale, la abbandonano per

passare all'Albanese Ghegho...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Dalmazia

dopo Roma 

 

                                   

 

                                   

Al collasso dell'Impero Romano d'Occidente nel V sec

dC, le popolazioni romanizzate dell'Illiria rimangono in

balìa di bellicose orde barbariche, in prevalenza Avari e

Slavi.

 

Già nel VII sec dC la regione risulta in pratica spaccata

nettamente in due, e cioè:

 

- la costa, ovvero la Dalmazia vera e propria

 

- l'area montuosa interna, in cui sì sopravviveranno

gruppi neolatini, come i Morlacchi, ma per il resto

completamente slavizzata.

 

 

La Lingua Morlacca o cosiddetta “Morovalacca” è

anch'essa infatti una delle lingue romanze balcaniche e,

anche se più connessa alla Lingua Istro-Rumena,

ugualmente legata alla Lingua Dalmatica.

 

Come presenti sono molte parole di origine latina nel

dialetto croato Ikaviano o Ikavica, a dimostrare la

progressiva contaminazione del Morlacco con il Croato

nel Medioevo, lingue neolatine che secondo il linguista

Pavle Ivić, filologo serbo, vengono parlate fino

all'invasione ottomana nell'area balcanica dal Mar

Adriatico alle Alpi Dinariche.

 

 

Secondo il censimento croato del 1991 anche la Lingua

Morlacca è oggi quasi scomparsa totalmente dal

Quarnero, dalla regione della Morlacchia e

dall'entroterra della Dalmazia.

 

Ma, al contrario di quelle della zona montuosa interna,

le popolazioni lungo la zona costiera riescono a resistere

meglio alle ondate delle invasioni e, quindi, a mantere la

propria identità originale, rifugiandosi in porti fortificati

come Zara/Zadar, Spalato/Split e Ragusa/Dubrovnik,

come pure nel Montenegro/in cirillico Црна Гора,

latinizzato Crna Gora, letteralmente proprio “Montagna

Nera”.

 

 

A Ragusa, secondo lo storico Giovanni De Castro, ancora

nell'XI sec parlano il Dalmatico oltre 50 mila persone,

poi la politica aggressiva della Repubblica di Venezia e

le sue progressive conquiste marittime e territoriali

nell'Adriatico faranno sì che il Dalmatico verrà in gran

parte sostituito dal Veneto.

 

Il Dalmatico scompare a Zara già prima del

Rinascimento, nella variante di Raguseo resisterà nella

Repubblica di Ragusa come lingua principale fino all'XI

sec, ancora molto diffusa fino a metà Quattrocento, per

poi estinguersi alla fine del secolo, mentre in alcune

aree limitate come sulle isole del Quarnero/Kvarner e

Lissa/Vis, il Dalmatico sopravvivrà fino a Napoleone.

 

 

L'ultimo parlante il Dalmatico, da ultimo quello

Settentrionale della variante “Veglioto”, morirà a fine

Ottocento, quindi la lingua è oggi completamente

estinta, ma nonostante ciò molto ne rimane nel dialetto

croato detto “Čakavo-Ikavo” o Ikavica, quello cioè

parlato dai Croati di Dalmazia, ben diverso da quelli

slavi per i tanti prestiti di:

 

- vocaboli italiani

 

- soprattutto vocaboli di Lingua Veneta

 

- elementi lessicali dell'estinto Dalmatico.

 

 

Diversa la sorte della Lingua Italiana in Istria e

Dalmazia, più che estinta estirpata, dato che,

soprattutto dopo la Seconda Guerra Mondiale ed il

forzato Esodo Istriano-Dalmata di circa 300 mila

cittadini di etnia e lingua italiane, le popolazioni di

Lingua Veneta e Italiana dell'intera macroarea socio-

culturale sono ridotte oggi ad un'esigua minoranza, in

tutta la Croazia nel 2014 circa 35 mila...

 

Il processo di “croatizzazione” lascia oggi degli oltre 55

mila italofoni censiti a metà Ottocento

dall'Amministrazione Austro-Ungarica, già scesi nel

1910 a meno di 20 mila, nel 2001 circa 500 nell'intera

Dalmazia/Dalmacija!

 

Ad esempio:

 

- Traù/Trogir ne conta attualmente neppure l'1% della

sua popolazione

 

- Zara/Zadar, un tempo punto di riferimento culturale

italiano della Dalmazia, una comunità sparuta di decine

 

- stessa cosa pure a Spalato/Split con i suoi sette

Castelli/Kaštela

 

- i più concentrati in Istria/Istra, dove ancora (r)esiste

 

l'unica cittadina croata a maggioranza assoluta

italofona Grisignana/Grožnjan

 

l'unica Comunità con maggioranza assoluta di

italiana, Gallesano/Galižana, Frazione di popolazione

Dignano/Vodnjan, con un sorprendente 60%!