La tomba-mausoleo di Curzio Malaparte, che domina Prato dall'alto

impervio del Monte Spazzavento

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

I ‘battibecchi’

 

                                   

di Curzio Malaparte”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

I battibecchi

 

                                   

del “maledetto Toscano”

 

                                   

parlano di nient'altro che

 

                                   

Libertà e Verità

 

                                   

 

                                   

   Non è poco...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Questa solita Italia

 ha nella Verità

 

il suo più pericoloso

  avversario.”

 

                                   

 

                                   

“Ma alle Cinque difficoltà di chi scrive la Verità, elencate

nel suo famoso saggio da Bertolt Brecht, l'autore di

‘Mutter Courage’, dobbiamo, noi Italiani, aggiungerne

un'altra, la Sesta:

 

la difficoltà di persuadere gli Italiani che una verità è

una verità, che la Verità è la Verità.

 

 

Poichè in Italia, dove è viva la tradizione della

Menzogna, ed è vivissima la tendenza a scambiar per

verità le menzogne della classe dominante, la prima

reazione dell'opinione pubblica di fronte alla Verità è di

negarla:
 


‘Non è vero, non può essere vero’.”

 

                                   

 

                                   

Gli Italiani, purtroppo

 

preferiscono la Menzogna

  alla Verità.

 

                                   

 

                                   

“È più facile, meno pericoloso, più comodo, e più

redditizio, credere nella Menzogna che nella Verità.

 

La Menzogna li lascia tranquilli, dà loro il senso della

sicurezza morale e materiale.

 

 

La Verità non solo non li fa arrossire, ma li spaventa,

turba i loro sonni, mette in pericolo i loro meschini

compromessi di tutti i giorni.

 

La Verità è nemica del conformismo.

 

 

E purtroppo gli Italiani inclinano ad esser conformisti

con la Menzogna, più tosto che con la Verità.

 

Sanno che si tratta di una menzogna, ma vi si

conformano.

 

 

In un Paese borbonico, come il nostro, la Verità è

sempre sediziosa.”

 

                                   

 

                                   

“Ecco perchè gli Italiani

 giudicano con sospetto

 

tutti coloro

  che dicono la Verità.”

 

                                   

 

                                   

“Si domandano che cosa spinga costoro a dire la Verità

contro il parere dei più, e contro il tornaconto di chi

comanda, quali segreti scopi perseguano, a quali

misteriosi interessi obbediscano; e il nome che essi

danno a questi sediziosi è tristissimo:

 

li chiamano ‘Nemici della Patria’.

 

Chiunque dica la Verità, in Italia, è un nemico della

Patria.

 

 

Vi sono due modi di amare il proprio Paese:

 

quello di dire la Verità apertamente, senza paura, sui

mali, sulle miserie, sulle vergogne di cui soffriamo;

 

e quello di nascondere la realtà sotto il mantello

dell'ipocrisia, negando piaghe, miserie, e vergogne,

anzi esaltandole come virtù nazionali.

 

 

Tra i due modi, preferisco il primo...”

 

                                   

 

                                   

“Nè vale la scusa che

 

i panni sporchi si lavano

 in famiglia.”

 

                                   

 

                                   

Vilissima scusa: un Popolo sano e libero, se ama la

pulizia, i panni sporchi li lava in piazza.

 

 

Ed è inutile e ipocrita invocare la carità di Patria.

 

La carità di Patria fa comodo soltanto ai responsabili

delle nostre miserie e vergogne, e ai loro complici e

servi, fa comodo a chi ci opprime, ci umilia, ci deruba, ci

corrompe...”

 

                                   

 

                                   

“Io non so che farmene di

 

una Patria

  che non sopporta la Verità.”

 

                                   

 

                                   

L'Italia in cui credo, in cui ho sempre creduto, per la

quale ho combattuto in trincea, ho versato il mio

sangue, ho sofferto la prigione ed il confino, l'Italia per

la quale sono pronto, così oggi come ieri e come

domani, a lottare e a soffrire,

 

è la Patria ideale dell'Onore, della Libertà, della

Giustizia, la Patria di tutti coloro che hanno sofferto e

soffrono per la Verità, di tutti coloro che hanno dato la

vita per combattere la Menzogna:

 

 

è l'Italia degli uomini semplici, onesti, buoni, generosi,

chiusi da secoli in quella ‘prigione gratis’ della miseria e

della delusione,

 

delle leggi borboniche e degli arbitrii polizieschi, dei

privilegi di classe e della corruzione amministrativa,

 

che ‘Lor Signori’ chiamano Libertà Italiana.” 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dalla “Prefazione”, scritta a Forte dei Marmi nel 1955, per la raccolta

“Battibecco”...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'epigrafe sulla tomba di Curzio Malaparte:

 

"Io son di Prato, m'accontento d'esser di

Prato, e se non fossi nato pratese vorrei

non esser venuto al mondo"

 

da "Maledetti Toscani".

 

E ancora:

"E vorrei avere la tomba lassù, in vetta,

per poter sollevare il capo ogni tanto

e sputar nella fredda gora del tramontano"

 

in cima allo Spazzavento.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Orgoglioso

 

                                   

di essere Italiano

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Io sono orgoglioso

di essere Italiano

 

ma mi vergogno

d'essere un Cittadino

dello Stato Italiano.”

 

                                   

 

                                   

“A tutti coloro che bestemmiano l'Italia

 

per le sue leggi antiquate, per la sua magistratura, la

sua burocrazia borbonica, la sua cattiva

amministrazione, per gli scandali, per lo sperpero del

pubblico denaro, per i soprusi, le prepotenze, gli abusi

di autorità, per il concetto poliziesco con cui s'interpreta

la giustizia, la libertà, la democrazia, per le condizioni di

vera e propria servitù in cui il Cittadino è tenuto dallo

Stato,

 

io vorrei rispondere che l'Italia non c'entra.”

 

                                   

 

                                   

“Tutti i mali

della vita italiana

 

nascono non già dal Popolo

ma dallo Stato.”

 

                                   

 

                                   

“Poichè non è vero che ogni Popolo ha lo Stato che si

merita;

 

è infatti lo Stato che fa il Popolo e non il Popolo che fa lo

Stato...

 

 

A uno Stato che sperpera i denari del Popolo

corrisponde un Popolo che cerca di eludere il fisco.

 

A uno Stato che avvilisce e impaurisce i Cittadini,

corrispondono cattivi Cittadini...”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Da “Battibecchi”

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una tipica espressione di "sfida" da "toscanaccio" di Curzio Malaparte

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Imparate

 

                                   

dai Toscani! 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“O Italiani che usate

abbracciarvi l'un l'altro

 

e prendere tutto in facile

e veder tutto roseo

 

e tutto quel che fate

lo gabellate per eroico

 

 

e vi credete virtuosi

 

 

e avete la bocca piena

di libertà mal masticata

 

e pensate

tutti a un modo, sempre

 

e non v'accorgete

 di esser pecore tosate.”

 

                                   

 

                                   

“O Italiani che non amate la Verità, e ne avete paura.

 

 

Che implorate giustizia, e non sognate se non privilegi,

non invidiate se non abusi e prepotenze, e una cosa sola

desiderate:

 

esser Padroni, poichè non sapete essere Uomini Liberi e

giusti, ma o Servi o Padroni.

 

 

O poveri Italiani che siete Schiavi non soltanto di chi vi

comanda, ma di chi vi serve, e di voi stessi;

 

che non perdete occasione alcuna di atteggiarvi a Eroi e

a Martiri della Libertà, e piegate docilmente il collo alla

boria, alla prepotenza, alla vigliaccheria dei vostri mille

Padroni:”

 

                                   

 

                                   

“imparate dunque

dai Toscani

 

a ridere in faccia

 

a tutti coloro che vi offendono

e vi opprimono

 

a umiliarli con l'arguzia,

il garbato disprezzo,

 

la sfacciataggine

 allegra e aperta.”

 

                                   

 

                                   

Imparate dai Toscani a farvi rispettare senza timor

della legge, né degli sbirri, che in Italia tengon luogo

della legge, e della legge son più forti.

 

Imparate dai Toscani a sputare in bocca ai potenti, ai

Re, agli Imperatori, ai Vescovi, agli Inquisitori, ai

Giudici, alle Signorie, ai Cortigiani d'ogni specie, come si

è sempre fatto in Toscana, e si fa tuttora.

 

 

Imparate dai Toscani che ‘un uomo in bocca a un altro

non si è mai visto’, che ‘un uomo vale un altro, e anche

meno’.

 

                                   

 

                                   

“Imparate dai Toscani

 

che non c'è nulla di sacro

a questo mondo

 

fuorché l'umano

 

e che l'anima di un uomo

è uguale a quella di un altro:”

 

                                   

 

                                   

“e che basta sapersela tenere pulita, all'asciutto, che

non pigli polvere nè umido, come sanno i Toscani, che

dell'anima propria son gelosissimi, e guai a chi gliela

volesse sporcare, o umiliare, o ungere, o benedire, o

impegnare, affittare, comprare;

 

e che vi sono anime femmine e anime maschie, e che le

anime dei Toscani son maschie, come si vede da quelle

che escon di bocca ai morti nel Camposanto di Pisa: il

solo Camposanto che sia al mondo, tutti gli altri son

Cimiteri.

 

 

Imparate dai Toscani a non temer l'odio della gente, né

l'invidia, il livore, la superbia, a non temer nemmeno

l'amore.

 

Imparate a rispondere alla malvagità coi calci bassi, al

sospetto con i morsi alla gola, ai baci sulla guancia con

le dita negli occhi.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Da “Maledetti Toscani”

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Amare l'Italia significa anche con dolore saperne dir male:

 

"La peggior forma di patriottismo è chiudere gli occhi davanti alla realtà",

parole di Curzio Malaparte scritte oltre mezzo secolo fa ma sempre così

attuali.

 

Di "quale! genuina "Identità Italiana" stiamo ancora parlando?

 

Quella della "Libertà" della Menzogna e dell'Ipocrisia?

 

 

Quella che addita come "Traditore" e "Nemico" della "Patria" (e certo

dioceneguardi di parole come queste in bocca di taluni - son pura

bestemmia!) chiunque alzi il coperchio del pentolone e dica uno schizzo di

Verità?

 

Perché quel che salta fuori son solo gli schizzetti del "marcio" che ci bolle

dentro!

 

(Luca del Baldo, "Curzio Malaparte", olio su tela 60x80 cm, 2011,

dettaglio)

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Mala-parte”

 

                                   

(che cambia spesso parte) 

 

                                   

e tutti i Bona-parte...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nasce Kurt Erick Suckert, da padre tedesco e madre

italiana, a Prato nel 1898.

 

“Curzio Malaparte” - pseudonimo davvero azzeccato

viste le sue in successione diverse e addirittura

contraddittorie scelte ideologiche, sempre giudicate

“sbagliate”! - diventa giovane Repubblicano, poi

Fascista ed in seguito Antifascista, quindi Filocomunista

e, anche se in extremis, convertito Cattolico...

 

 

Malaparte “cambia” cioè “parte” come il peggior

“voltagabbana”: ma lo fa sempre per convinzione

- e con la stessa passione.

 

Complesso e intelligente, incoerente e stravagante,

crudemente logico e raffinatamente di gran gusto,

paradossale e bizzarro “maledetto Toscano”, è -

indiscutibilmente ormai - uno degli scrittori italiani più

indipendenti del XX secolo.

 

 

Appena sedicenne è già volontario nella Legione

Garibaldina dei “Cacciatori delle Alpi” per combattere in

Francia, sulle Argonne, tra il 1914 e il 1915, e,

all'entrata in guerra dell'Italia contro l'Austria, si

arruola nell'Esercito Italiano.

 

Dopo la Prima Grande Guerra tenta di pubblicare la sua

opera prima, “Viva Caporetto!”, sulla guerra appena

terminata, dove una Roma corrotta è “il nemico numero

uno da combattere”, opera rifiutata da molti editori e

alla fine autopubblicata a spese dell'autore solo nel

1921, quindi immediatamente sequestrata, ma

ripubblicata quello stesso anno con il titolo “La rivolta

dei santi maledetti”.

 

 

Ed è solo l'inizio di Malaparte controverso come

scrittore e, d'ora in poi, come giornalista.

 

Nel 1920 è “Fascista della prima ora” nel Partito

fondato da Benito Mussolini e nel 1922 partecipa alla

Marcia su Roma.

 

 

Arriva presto a gestire case editrici “di Regime”.

 

Già nel 1924 “La Voce”, e, all'indomani del delitto

Matteotti, si fa addirittura accanito sostenitore dello

“Squadrismo Intransigente” nella rivista “La conquista

dello Stato”, da lui fondata e diretta, supportando

tenacemente Mussolini, almeno fino al discorso di questi

del 3 gennaio 1925, cioè alla proclamazione della

Dittatura.

 

 

Firmatario del Manifesto degli Intellettuali Fascisti

ancora nel 1925, è agli inizi uno degli “ideologi” del

Fascismo, di cui contribuisce a “teorizzare” movimenti

anche opposti, come “Strapaese” e “Stracittà”,

riassumendo in sé quella contraddittorietà tipica fascista

di elementi sia tradizionali, contadino-agrari, che

innovativi, moderno-industriali.

 

Si firma per la prima volta “Curzio ‘Malaparte’ Suckert”

in Italia barbara” sempre del 1925, poi subito

cambiando in semplicemente “Curzio Malaparte”.

 

 

Anche se nel 1928 assume la direzione della rivista

“L'Italia letteraria”, dal Regime Fascista comincia in

effetti a prendere le distanze si può dire non appena

instaurata la Dittatura, crescentemente deluso nelle sue

speranze di una vera e giusta rivoluzione sociale, ed

inizia a pubblicare in Francia...

 

Lì pubblica infatti nel 1931 “Technicque du cop d'état”

“Tecnica del colpo di Stato” (che in Italia potrà essere

stampato e divulgato solo dopo la Seconda Guerra

Mondiale, nel 1948), da molti - sia di sinistra che di

destra - superficialmente considerato un “incitamento a

conquistare il potere attraverso il rovesciamento

violento dello Stato”, ma al contrario - e coerentemente

rivendicato dallo stesso Malaparte - un diretto e

rischioso attacco frontale contro Hitler e Mussolini “in

difesa dello Stato”.

 

 

Fatto sta che questa sua analisi in “Tecnica del colpo di

Stato” contribuisce a farlo prima “allontanare” nel 1933

dalla direzione del quotidiano “La Stampa” di Torino

perché “troppo individualista” (già la “Roma corrotta”

ne “La rivolta dei santi maledetti” del 1921 non era

proprio andata giù al potere...) e poi confinarlo per

cinque anni sull'Isola di Lipari, ora apertamente

accusato di “attività antifasciste all'estero”, anche se

continua a pubblicare sotto lo pseudonimo di “Candido”

sul “Corriere della Sera”.

 

Altri guai glieli procura la sua appassionata relazione

amorosa con Virginia Bourbon del Monte, vedova di

Edoardo Agnelli, che lo porta più volte a scontrarsi con

la potente famiglia Agnelli: al proposito scriverà

 

                                   

 

                                   

“Meglio un giorno

 da leone

 

che cento

da Agnelli!”.

 

                                   

 

                                   

Solo grazie al diretto interessamento di Galeazzo Ciano

tornerà libero e a poter scrivere, come corrispondente

di guerra, insieme a Dino Buzzati, per il “Corriere della

Sera”.

 

Nel 1936 si fa costruire dell'architetto Adalberto Libera

“Villa Malaparte” a Capri, un “nido d'aquila”

letteralmente arroccato su una scogliera a strapiombo

sul mare, presto celebrato salotto mondano e punto

d'incontro di artisti ed intellettuali dell'epoca.

 

 

Fonda nel 1937 la rivista “Prospettive”, che dirige fino

al 1943, tribuna autorevole “tra fronda e opposizione”

al Regime Fascista.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Malaparte

 

                                   

uomo, giornalista, scrittore

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sia come uomo che giornalista e scrittore,

rimane sempre essenzialmente libero:

 

una libertà di “pensiero” e libertà di

“espressione” la sua, a suo profondo

convincimento necessaria alla scrittura

 

una libertà che sola permette di arrivare

alla verità - quella della letteratura o della

cronaca non importa.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Kaputt” del 1944, resoconto degli ambienti militari e

diplomatici Nazisti e deciso atto di accusa contro le

atrocità della guerra, e “La Pelle” del 1949, la

“liberazione” di Napoli, città totalmente prostrata, da

parte degli Americani.

 

Sono tipici esempi di romanzi scaturiti dalla sua diretta

esperienza di corrispondente di guerra sui fronti

tedesco, polacco e finlandese durante la Seconda

Guerra Mondiale, come dalle corrispondenze da Russia e

Francia nascono “Il Volga nasce in Europa” del 1943 e

“Il sole è cieco” del 1947, mentre come inviato

dell'Unità (!) racconta l'azione dei franchi tiratori

fiorentini, che dalla sponda Nord dell'Arno impediscono

alle avantruppe anglo-americane di varcare Ponte

Vecchio...

 

 

Sostanzialmente “anarchico”, iniziando dall'epoca di

Napoli “liberata” del 1944 a e per tutto il Dopoguerra,

si avvicina sempre di più al Partito Comunista Italiano.

 

Accolto e respinto allo stesso tempo, se per molti anni

gli si continua a negarne la tessera, ed in più

ferocemente criticato dall'élite culturale italiana

contemporanea per il suo “camaleontismo” ideologico e

politico.

 

 

Ma Malaparte, al di là del percorso evolutivo del suo

pensiero o delle sue scelte opportuniche che dir di

voglia, pur attraverso tutte le immagini barocche ed uno

stile decadente, denuncia, scandalizza e provoca in

questi “crudi” diari giornalistici e romanzi “veristi”

insieme, descrivendo disilluso degradazione e miseria,

atrocità e orrori con a modo suo profonda

partecipazione, umanità e sofferenza.

 

Viene decisamente da domandarsi chi siano gli “ipocriti”

se la Chiesa Cattolica prontamente “mette all'Indice”

“La Pelle”, dove tra l'altro scrive:

 

                                   

 

                                   

Oggi si soffre e si fa soffrire, si uccide e

si muore, si compiono cose meravigliose

e cose orrende,

 

non già per salvare la propria anima, ma

per salvare la propria pelle.

 

 

Si crede di lottare e di soffrire per la

propria anima, ma in realtà si lotta e si

soffre per la propria pelle.

 

Tutto il resto non conta.”

 

                                   

 

                                   

Vivere - direttamente in situazioni come pochi - la

Prima, ma soprattutto la Seconda Guerra Mondiale, è

un'esperienza di vita decisiva, che lo segna e lo forma.

 

 

Prima con il grado di Capitano nel 5º Reggimento Alpini

prende parte alla Guerra Italo-Greca dall'autunno 1940

alla primavera 1941.

 

Poi è in Jugoslavia, unico corrispondente di guerra

straniero al seguito delle Truppe Tedesche, assiste

quindi in Croazia “alla creazione e all'organizzazione del

nuovo Stato di Croazia, l'NDH, nominalmente

indipendente, ma di fatto satellite delle Potenze

dell'Asse sotto il Governo collaborazionista Ustaša,

Ustascia, di Ante Pavelić.

 

 

Dall'estate 1941 viene comandato sulla frontiera

romeno-sovietica in previsione di un imminente

conflitto con l'Unione Sovietica e segue una Divisione

dell'11ª Armata Tedesca durante l'avanzata in

Bessarabia e in Ucraina.

 

All'inizio del 1942 viene spostato sul “Fronte Orientale”,

dove i Nazi-Tedeschi neppure gli permettono di

avvicinarsi al teatro delle operazioni militari e da cui

appena un mese dopo lo cacciano per aver apertamente

criticato nei suoi scritti il Regime Nazista e lodato

l'efficienza dell'Esercito Sovietico...

 

 

Corrispondente di guerra anche sui fronti francese e

polacco, la caduta di Mussolini e del Fascismo il 25

luglio 1943 lo trova da oltre un anno in Finlandia.

 

Rientra in Italia e nella sua villa di Capri viene arrestato

da agenti del C.I.C., il Controspionaggio Alleato, per

finire di nuovo a Regina Coeli, dove insiste perché gli

venga assegnata la medesima cella che già lo ha

ospitato nel 1933.

 

 

Ma la prigionia dura solo pochi giorni, venendogli

riconosciuto dal “nemico” il ruolo di tramite avuto fra

Galeazzo Ciano ed il Governo Greco nelle trattative

precedenti all'attacco italiano.

 

Anzi, ricompare presto da protagonista sulla scena

storica addirittura riarruolato quale Ufficiale di

Collegamento tra l'Esercito Italiano e le Truppe Alleate,

nella persona del Colonnello Henry Cummings, proprio

del C.I.C., cui inoltra rapporti settimanali fino alla

Liberazione...

 

 

A riprova di quanto sopra ne “La pelle” Malaparte fa la

seguente, amara dedica:

 

                                   

 

                                   

“All'affettuosa memoria del Colonnello

Henry H. Cumming, dell'Università di

Virginia

 

e di tutti i bravi, i buoni, gli onesti soldati

americani, miei compagni d'arme dal

1943 al 1945

 

morti inutilmente per la libertà

dell'Europa.”

 

                                   

 

                                   

Spirito inquieto, essendogli dopo la Guerra anche

oggettivamente difficile ritrovare attualità, consenso e

successo in Italia, dal 1947 si trasferisce per un lungo

decennio a Parigi, dove tenta di realizzarsi in opere

teatrali non apprezzate né dalla critica né dal pubblico.

 

Poi, nel 1957, via di nuovo come corrispondente, questa

volta nell'Unione Sovietica di Josef Vissarionovich Stalin

e ancora nella Cina Popolare di Mao Zedong.

 

 

Ma un tumore polmonare - molto probabile

conseguenza dell'intossicazione da iprite subita già

nella Prima Guerra Mondiale - lo riporta bruscamente in

Italia, consumandolo a rapida morte, quello stesso

anno, nella Clinica Sanatrix a Roma.

 

Curzio Malaparte “riposa” - si fa per dire - nella

originale tomba-mausoleo costruitagli dai concittadini,

secondo le sue volontà sulla cima del Monte

Spazzavento a dominare l'amatissima Prato, con

riportate nella pietra le già in apertura riportate due

famosissime frasi:

 

                                   

 

                                   

“Io son di Prato,

m'accontento d'esser di Prato

 

e se non fossi nato pratese

vorrei non esser venuto al mondo”

 

 

“Vorrei avere la tomba lassù,

in vetta allo Spazzavento

 

per sollevare il capo

ogni tanto

 

e sputare nella fredda gora

del tramontano”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Entrambi i citati da “Maledetti Toscani”

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

"C. Malaparte, Lipari, Marzo 1934" - al confino sull'isola dal 1933 al 1936

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

(Ri)scoprire

 

                                   

Curzio Malaparte

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Bisogna prenderlo “com'è”.

 

Come la sua casa, come la sua tomba:

prendere o lasciare.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Militare, corrispondente di guerra, inviato speciale,

diplomatico, agente segreto, scrittore, poeta, saggista,

sceneggiatore, regista cinematografico...

 

Figura centrale dell'“Espressionismo” in Italia e del

“Neorealismo”, amato e odiato, sempre circondato di

notorietà e polemiche.

 

 

Le dure critiche contro di lui troppo legate al

personaggio di “giovane intellettuale” intelligente ma

superficiale.

 

All'estremo opposto, chi per difenderlo da accuse di

camaleontismo e trasformismo, gli attribuisce qualità

“morali” che non ha, lui coerente solo con sé stesso.

 

 

“Arcitaliano” arcinoto soprattutto all'estero, stile

arcirealistico, crudo, cinico e compassionevole allo

stesso tempo, di una letteratura che da fatti reali o

autobiografici ne costruisce altri immaginari,

volutamente esagerati fino al farsesco, a denunciare

delle atrocità spesso taciute della guerra.

 

“Arcianarchico” intellettuale arcilibero e arcischietto,

fin troppo per i gusti pecorili italiani, controverso,

penalizzato dall'ostracismo di cultura e politica d'ogni

colore, dalla morte fino a tempi recenti colpito da

damnatio memoriae di critica e pubblico, neppure

“citato” in letteratura.

 

 

Sedicenne volontario, interventista nella Grande Guerra,

fascista “della prima ora” marcia su Roma, sostenitore

della sinistra intransigente del Fascismo rivoluzionario,

se ne allontana una volta Regime, mandato al confino

quale suo critico oppositore quando non ci crede più.
 


Mai filonazista, mai antisemita, mai repubblichino, dopo

l'8 settembre nell'Esercito Cobelligerante Italiano del

Regno d'Italia, arrestato dagli Alleati e liberato come

“collaboratore pesantemente critico , nel Counter

Intelligence Corps, il controspionaggio degli Alleati, per

lotta contro Nazisti e Fascisti della R.S.I..

 

 

Aderisce al Partito Repubblicano Italiano già da

giovanissimo, da ex anticomunista lavora per il Partito

Comunista Italiano nel Secondo Dopoguerra, ateo si

converte in punto di morte alla Religione Cristiana,

come servita della Santa Chiesa Cattolica Romana...

 

Dal 1925 sotto lo pseudonimo “Mala-parte”, contro tutti

i “Bona-parte”, lui “maledetto Toscano” mezzo

Tedesco, che riesce nella contraddittorietà della sua

complessa personalità a racchiudere con sopravanzo, se

non tutti, almeno i peggiori difetti e i migliori pregi degli

Italiani.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sugli scogli, a tavola dieta mediterranea e vino Tiberio della sua Toscana

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nel bene e nel male

 

                                   

specchio del suo tempo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Cronista disilluso del suo tempo.

 

Angosciato testimone di irragionevoli

stragi.

 

Depredato di sogni, utopie e speranze.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lo “scrittore maledetto” e la guerra, rapporto istintivo,

quasi “animale”, da cui una visione del mondo non

fatalistica ma disincantata, testimone privilegiato di un

collasso generale della cosiddetta “civiltà” occidentale,

come fino ad allora costruita e intesa in Europa.

 

Sgomento tra gli orrori dei “fatti di sangue”, perso in

amare riflessioni ben oltre il singolo avvenimento, sulla

propria ragione di esistere, interprete fedele del punto

di rottura di una realtà complessa e contraddittoria, di

cui lui stesso - complesso e contraddittorio - fa parte.

 

 

Cronista in continuo movimento ritrasmette immagini

del suo vissuto: dalla vita di trincea e l'allucinante

stillicidio da Prima Guerra Mondiale, vive in Caporetto il

rovesciamento della morale “borghese”, che di una

“sconfitta storica di incapaci e codardi” fa “vendetta del

popolo umiliato e offeso”.

 

Isterico e tormentato il suo resoconto della Seconda

Guerra Mondiale, in cui, attratto e inorriditone, vede il

suo Continente, culla della civiltà, allo sfascio nel

marciume di società moderna, sprofondare

irrimediabilmente nella guerra più sporca di sempre,

frutto della follia umana.

 

 

Una prosa d'istinto la sua, espressivamente realistica

quanto immaginifica, teatralmente sontuosa di ogni

possibile metafora e similitudine, sempre alla

esasperata ricerca poetica di nuove prospettive, inedite

e sorprendenti con cui “assalire” e scuotere il lettore.

 

Nell'esperienza carsica col ritorno ad una “normalità”

politica che cerca di nascondere la disfatta, non un

ammutinamento militare, ma il sociale perturbamento

di una rivoluzione, nell'Europa sconfitta, la fine da

incubo degli ideali di purezza in una coscienza

vergognosa, umiliata e disfatta.

 

 

Lontano dalla politica nel Dopoguerra ha massimo

successo letterario con la estremamente realistica

descrizione, insieme violenta e tragica, della guerra

come “perfezionata come arte del massacro”, con una

prosa “raffinata” mista ad un cinico macinare tutto fino

al ridicolo.

 

E letterario “gioco al massacro” il suo, con ironico sense

of humour dove atmosfere malinconicamente infernali

albergano il processo di corrosione e depravazione

dell'intero sistema sociale e civile occidentale,

testimoniato con personale dolore, disperazione e schifo

per violenza e oppressione.