Khaos e Kosmos

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Il caos come

 

                                   

inviolata poesia della vita

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Se Kosmos o cosmo è semplicemente l'“ordine che

conosciamo”, come lo conosciamo e/o vogliamo che sia,

Khaos o caos è l'“ordine a noi ancora sconosciuto”, di

cui cioè ci sfugge il controllo, perché ancora non

riusciamo a com-prenderlo.

 

 

Se quindi “cosmo” sono le immagini che decidiamo di

crearci, i nostri piani, le tentate programmazioni della

nostra vita e, al peggio, anche di quella degli altri,

“caos” sono le emozioni, i sentimenti e i vissuti, tutto

quello che ci confonde, su cui non abbiamo potere...

- di fatto la parte più vera di noi e della nostra realtà.

 

Se Cosmo - κόσμος, kosmos - è la materia ormai

raffreddata e formata, la quale può quindi essere

facilmente porzionata, modellata e “messa in ordine”,

Caos è il magma primordiale che tutto brucia e disgrega

- χάος, kaos in Greco letteralmente “ciò che arde”, 

l'unico da cui tutto il “nuovo nasce.

 

 

La mitologia greca o “raccolta dei miti” e delle leggende

degli Elleni, in altre parole la loro concezione del mondo,

una specie di “traduzione dell’Universo in modo

comprensibile all’uomo”, include fra i cosiddetti “miti

dell’origine” o “miti della creazione” il racconto della

“Teogonia” di Esiodo, in cui tutto inizia dal Khaos visto

come un “gigantesco ed indistinto nulla”, il vuoto da cui

appare prima Gea, la Terra, con alcune divinità

primordiali, quali Eros, l'Amore, Tartaro, l'Abisso, e

Erebo, l'Oscurità...

 

Interessantissima la personificazione del vuoto dello

spazio infinito che, secondo la maggior parte delle

antiche “cosmogonie”, precede la creazione del mondo e

degli dei, e peculiare la sua contradditorietà, “un nulla,

un vuoto ed un disordine” o, meglio, mancanza di

ordine, in qualità di primogenia divinità creatrice non

creata capace però di generare le altre divinità ed il

Kosmos o Universo ordinato, che troverà la sua armonia

attraverso l'Amore!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Il dogmatismo del mito

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Interessante anche lo stesso termine mythos, in

Greco antico “parola”, nel senso di “discorso”, come

pensiero dogmatico del non discernibile, contrapposto a

“logos, anche questo “parola”, ma come pensiero

scientifico dell'intelligibile, infatti anche Platone, pur

grande filosofo, ripiega sui Miti proprio per spiegare le

verità più profonde.

 

La costante presenza del mito nell'identità culturale

greca diventa garanzia storica della preservazione di

concezioni religiose e morali della vita, che,

immortalando “Eroi”, perpetua con loro antichi valori, i

quali entreranno a far parte dell'educazione di nuove

generazioni, perché

 

                                   

 

                                   

per definizione un sistema,

qualunque esso sia,

tende sempre e soltanto

a preservare se stesso!

 

                                   

 

                                   

Il mito ha da sempre una “dimensione meta-storica”,

cioè di storia narrata al preciso fine di creare una

credenza, da cui poi far derivare un preciso e mirato

modello di condotta religiosa e/o morale.

 

In questo senso il mito o dogma è “il” fondamento sine

qua non di tutte le “Istituzioni”, non solo religiose ma

anche sociali, e ancora oggi anche la nostra, a detta di

molti benpensanti “evoluta”, società contemporanea è

in tal senso letteralmente “mitologica”.

 

 

Si potrebbe dire che la volontà di pochi “guidi” il

pensiero di molti a vedere nel “Cosmo” anche tutto

l'“ordine” e l'armonia che non c'è e, al contrario, porti a

trovare nel “Caos” tutto quel “disordine” che non vi

esiste affatto...

 

Da notare però come proprio nel Nuovo Testamento

della Bibbia Cristiana venga usato il concetto di “cosmo”

in riferimento sì al “sistema” ovvero “ordine delle cose

vigente” in questo mondo, ma - attenzione - da

cambiare! (Giovanni 12:31)!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Il Caos delle Meraviglie!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'astrofisica Margherita Hack definisce di fatto Caos

questo nostro cosiddetto “Cosmo”, come nella sua

famosa espressione: 

 

                                   

 

                                   

“Più lo impariamo

e più misterioso diventa per noi!”.

 

                                   

 

                                   

Briciola dopo briciola ne stiamo conoscendo ogni giorno

di più, nuove entità enigmatiche che tentiamo di

decifrare con risultati spesso sorprendenti ed

immancabilmente affascinanti, che ci attraggono,

incuriosiscono e stimolano irresistibilmente ad andare

“oltre” il nostro limite.

 

 

Di quest'Uni-verso o “Multi-verso” che sia, sempre più

conosciuto e al tempo stesso sempre più misterioso in

cui abitiamo, sappiamo oggi l'età - 13,7 miliardi di anni.

 

Ma sappiamo anche che è ancora dinamico e ricco di

energia e sappiamo che il futuro delle sue strutture sarà

di continuo cambiamento, stelle doppie e sistemi

planetari spariranno, oggetti oggi rari diverranno

comuni, il suo destino finale sarà continuare ad

espandersi fino all'estrema rarefazione.

 

 

Ciò accade spesso nella scienza e ogni nuova scoperta

porta ad un nuovo mistero, ad esempio il fatto che la

materia “ordinaria”, di cui siamo fatti stelle, pianeti,

pietre, piante e umani, sia una minima percentuale del

Tutto.

 

Un Tutto dominato da materia altra, quella “oscura”, e

dall'ancor più enigmatica “energia oscura” - perché la

vera “poesia” dell'Universo, quindi anche dell'Uomo sua

infinitesimale parte, è in quello che ancora non ne

conosciamo e che forse non conosceremo mai: per dirla

ancora à la Hack, “il Caos delle Meraviglie!”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

La matematica del caos

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La “Teoria del Caos” si occupa dei cosiddetti “sistemi

caotici” nel senso di dinamici, caratterizzati cioè da

estrema sensibilità nelle condizioni iniziali ed alto grado

di imprevedibilità nel loro evolversi, in cui anche le più

infinitesimamente piccole variazioni nelle condizioni

iniziali ovvero di ingresso o input possono produrre

enormi differenze a lungo termine ovvero in uscita o

output.

 

In fluidodinamica e termodinamica, ad esempio, la

turbolenza dell'aria fa sì che il fumo di fiammiferi accesi

a medesime condizioni di pressione, temperatura e

corrente d'aria segua comunque traiettorie sempre

molto differenti.

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Teoria della farfalla

 

                                   

 

                                   

Questi aspetti di estrema sensibilità iniziale ed alta

imprevedibilità evolutiva della teoria sono intimamente

legati alla famosa cosiddetta “Teoria della farfalla”,

meglio conosciuta come Butterfly Effect o “effetto

farfalla”, in nuce già nel 1963 per un intervento alla

New York Academy of Sciences, poi presentata nel 1979

dal fisico Edward Lorenz ad una Conferenza annuale

della American Association for the Advancement of

Science.

 

Ipotizza come il battito delle ali di una farfalla nelle

foreste amazzoniche del Brasile attraverso una catena

di eventi possa arrivare ad ampliarsi fino a provocare

una tromba d’aria nel Texas o cicloni in altre parti del

mondo o un uragano addirittura ai suoi antipodi!

 

 

È anche legata alla “Teoria delle Casualità”, cioè piccole

singole azioni vanno a determinare imprevedibilmente il

futuro.

 

Ad esempio, dovrei fare una cosa, ma per un minimo ed

accidentale disguido non riesco a farla, ne faccio

conseguentemente un'altra e questa mi comporta, a sua

volta e a poco a poco, a lungo termine decisivi, non

pianificati, anche drastici cambiamenti nella mia vita.

 

 

A riscontro della Teoria della Farfalla, ridicolizzata da un

meteorologo il quale fa ironicamente notare come in tal

caso un battito d'ali di gabbiano basterebbe ad alterare

le tendenze climatiche globali per sempre...

 

Un sofisticato programma informatico di simulazione

del clima conferma come, ripetendo la medesima

simulazione con i valori di ben dodici variabili,

semplicemente “arrotondati”, prima a sei decimali e via

via successivamente fino a tre, il computer elabori di

fatto evoluzioni climatiche drammaticamente diverse,

crescendo le differenze in modo esponenziale e quindi

producendo radicali cambiamenti dei risultati.

 

 

Proprio partendo da queste osservazioni si arriverà allo

sviluppo della “Teoria del Caos”, la quale pone limiti

definiti alla prevedibilità dell'evoluzione di sistemi

complessi non lineari, ad esempio, il movimento

altrimenti assolutamente regolare di un pendolo che,

fissato questo ad un sostegno elastico, diventa

altrettanto incontrollabilmente casuale.

 

Se è impossibile quindi “prevedere il comportamento di

un sistema caotico” anche a breve distanza di tempo, in

tal caso la stessa “dinamicità” della vita rende tutto

caotico, quindi di fatto

 

                                   

 

                                   

il nostro compulsivo desiderio

di prevedere e controllare

tutto ciò che siamo, ci circonda e avviene

è la vera “utopia”!