“Auto-governo”

 

                                   

non è sinonimo

 

                                   

di disorganizzazione

 

                                   

né di sregolatezza

 

                                   

                                   

 

                                   

L'assenza dello Stato

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Come già detto, a parte ogni interpretazione del

pensiero o dei pensieri anarchici, vi rimane quindi di

essenziale ed irrinunciabile l'assenza dello Stato come

apparto centralizzato, questo definito come vero e

proprio “monopolio legalizzato della forza” in un

territorio a discapito di chi ci vive.

 

 

Nell'Antichità il concetto di “anarchia”, in Greco antico

ανά αρχή, significa alla lettera semplicemente “senza

governo (imposto)”, ma viene poi man mano

profondamente negativizzato da chi il potere se lo

arroga o lo detiene, per finire ad indicare la totale

degenerazione dello Stato con una conseguente

“mancanza di ordine”, quindi “anarchia” dall'originario

significato di “mancanza di ordine imposto” passa

arbitrariamente a quello tutt'altro e manipolativamente

anti-politico di “senza alcun ordine” - un machiavellico

triplo salto mortale e volo pindarico!

 

Polibio - storico greco vissuto nel II sec aC nell'antica

città di Megalopoli, nell'Arcadia - studia il mondo

politico del Mediterraneo dell'epoca, con particolare

attenzione quindi alla nascente superpotenza di Roma

della Seconda e Terza Guerra Punica, nelle cui

Istituzioni civili e militari repubblicane, oltre che nella

virtuosa onestà dei suoi Cittadini, vede le ragioni della

sua fortuna politica nell'area.

 

 

Non c'è dunque da meravigliarsi se questo storico arrivi

a classificare l'anarchia come “lo stadio peggiore

dell'evoluzione sociale”, la fase cioè di un “ricorso

storico” o “ana-ciclosi” in cui la “demo-crazia” (che in

Greco significa appunto governo del popolo!)

degenera fino alla “oclo-crazia” o “governo della

 

massa” e per lui sarebbe proprio lo stato di “an-archia”,

definita come “disordine e trionfo di istinti brutali”, a

creare i presupposti per la successiva fase di

“mon-archia” ovvero mono-archia o “governo di uno

solo”.

 

 

Questo pensiero dello storico greco dominerà per quasi

due millenni, o diciamo che farà comodo ai vari “poteri”,

più o meno o variamente “costituiti”, veder la cosa così

(e ancora più che mai oggi!), finché in tempi a noi più

recenti, soprattutto negli ultimi due secoli, XIX e XX, il

concetto di “anarchia” tornerà almeno per i

mentalmente, socialmente e politicamente onesti alla

sua più corretta, positiva accezione di “auto-governo”

dell'Uomo su sé stesso.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'autogoverno del Popolo

 

                                   

un'utopia?

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ma può veramente esistere una “società anarchica

autogestita dal popolo” e, in tal caso, ne esistono

esempi storici?

 

A dire il vero i tentativi storici di realizzare società più

giuste, basate su principi di autogoverno, sono

numerosi, ma tutti ostacolati o soffocati dal “potere”,

dalla reazione di chi cioè, facendo parte del per

l'occasione vigente sistema di assoggettazione degli

altri veda i propri privilegi ed interessi minacciati o

minati, come di seguito alcuni degli esempi a noi

geograficamente e storicamente più vicini.

 

                                   

                                   

 

                                   

I “Comuni” medievali

in Italia

 

                                   

 

                                   

Soprattutto dell'Italia Centro-Settentrionale tra l'XI ed il

XIV sec, sono delle piccole Città-Stato, in netto

contrasto con il centralismo normanno nell'Italia

Meridionale, costituiscono un chiaro esempio di nuova

forma politica di autogoverno locale, da cui

rinasceranno fenomeni associativi come le

Coniurationes, libere associazioni cittadine, e le

Corporazioni delle Arti e dei Mestieri, associazioni

professionali, da cui le Universitates ed i Collegia di

romana tradizione.

 

                                   

                                   

 

                                   

La “Comune” di Parigi

in Francia

 

                                   

 

                                   

In Francese la Commune, nella primavera del 1871 è il

primo tentativo storico della classe operaia di creare

una vera società anarchica, cioè autogovernata dal

Popolo, attraverso un'autorità locale legittimamente

eletta, la cosiddetta “Quarta Rivoluzione Francese”,

tentativo soffocato con il massacro e la deportazione di

decine di migliaia di lavoratori.

 

                                   

                                   

 

                                   

Le “Comuni” anarchiche rurali

in Ucraina

 

                                   

 

                                   

Soviet di lavoro” nel Sud Ucraina, 1918-1921, unità

produttive indipendenti del movimento contadino di

resistenza contro Austro-Tedeschi, Russi Bianchi e

Bolscevichi, in una rete di cooperative rurali a livello

locale, distrettuale e regionale, con un'organizzazione

anarchica economica e militare in un'area di 300 km di

diametro con una popolazione di 7 milioni di abitanti ed

un borgo di 30 mila!

 

                                   

                                   

 

                                   

La “Comune” di Kronštadt

in Russia

 

                                   

 

                                   

Città-fortezza russa appena riconquistata agli Svedesi e

principale porto militare dell'allora “Pietrogrado”,

soviet nel Golfo di Finlandia, agli inizi del 1921 ad opera

di contadini, cittadini e medesimi marinai e soldati della

Rivoluzione di Ottobre, una compatta rivolta libertaria

contro Lenin e i suo progressivo accentramento di

potere bolscevico per proclamare un autogoverno di

tipo federale e libertario represso nel sangue.

 

                                   

                                   

 

                                   

Le “Enclavi libertarie”

in Spagna

 

                                   

 

                                   

Comunità autonome di Catalogna e Aragona, durante la

Guerra Civile in Spagna tra il 1936 e il 1939, create da

lavoratori organizzati nella Confederación Nacional del

Trabajo - CNT, la Confederazione di Sindacati Anarchici

Spagnoli, con autogestione di trasporti pubblici ed

aziende industriali come agricole, abolita la proprietà

privata, collettivizzate le terre confiscate ai latifondisti

il tutto poi azzerato con la sconfitta militare.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

I “Comuni” medievali

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

L'Istituzione del Comune

 

                                   

 

                                   

 

                                   

I Comuni” o piccole Città-Stato, soprattutto dell'Italia

Centro-Settentrionale tra l'XI ed il XIV sec

(semplicemente a causa dell'allora dominante

centralismo normanno in quella Meridionale), sono un

chiaro esempio di nuova realtà politica creata per

raggiungere una forma di autogoverno locale.

 

 

Dopo il catastrofico crollo dell'Impero Romano

d'Occidente ed il lungo periodo di invasioni e distruzioni

con secoli di incessante paura e di pura sopravvivenza,

verso la fine del Medioevo con la “Rinascita dell'Anno

Mille” il rifiorire delle attività artigianali porta alla

rinascita delle città.

 

Le nuove città vogliono naturalmente tenere per sé

stesse il profitto ed il benessere generato, cercando

conseguentemente di liberarsi da penalizzazioni

territoriali di tipo feudale e dall'assoggettamento al

lontano, ma comunque onnipresente, potere imperiale.

 

 

In questo senso e con questa lettura il Comune non può

essere altro che l'espressione di una profonda lotta

politica per l'emancipazione delle classi cittadine, lotta

che di fatto porta ad una delle più epocali

trasformazioni sociali e le attività produttive artigianali

diventano dapprima piccolo industriali ed infine

industriali nel vero senso della parola.

 

Arriveranno a generare nuove attività commerciali le

quali, a loro volta, andranno a creare una nuova classe

sociale - il ceto della “borghesia” o abitanti del borgo o

città, in contrapposizione a quelli delle campagne - e

con essa la sperimentazione più o meno forzata di

nuove forme di governo, che fanno inesorabilmente

esaurire il ruolo del Comune a favore della “Signoria”

cittadina...

 

                                   

                                   

 

                                   

L'organizzazione e la gestione

del Comune

 

                                   

 

                                   

Il Comune ha un'organizzazione politica in cui è

governato da un “Consiglio generale cittadino”, il quale

a sua volta elegge ad esercitare il potere esecutivo

dapprima dei “Magistrati”, rappresentanti cioè della

collettività chiamati Boni Homines (cioè uomini buoni e

giusti di cui tutti si fidano) o “Consoli”.

 

Più tardi li sostituirà il cosiddetto “Podestà”, uno

straniero che possa essere “al disopra delle parti” in

quanto al di fuori dei conflitti interni, vale a dire un

funzionario di mestiere con compiti amministrativi del

territorio e di mediatore tra potere formale e

cittadinanza.

 

 

È proprio nel Comune che nasceranno i fenomeni

associativi delle Coniurationes, fra gruppi di cittadini, e

delle Corporazioni delle Arti e dei Mestieri, associazioni

di artigiani e mercanti a regolamentare e tutelare le loro

attività professionali.

 

“Arti” in Italia, Guildes in Francia, Guilds in Inghilterra,

Gremios in Spagna, Zünften in Germania, Gremi in

Sardegna, influenzata soprattutto al nord dalla Spagna,

ma il nome ufficiale rimane dappertutto in Latino

Universitates, di cui da noi ad esempio l'“Università

Agraria”, o Collegia, dal Corpus o Collegium di epoca

romana.

 

 

Da notare come i Consoli prestino giuramento di fedeltà

direttamente ai Cittadini, elencando i propri doveri di

eletti in una lista da considerare una delle prime

formule di “Statuto Cittadino”.

 

E come redigano il cosiddetto “Breve”, un protocollo,

ufficiale e da archiviare, di rendicontazione delle attività

svolte, con particolare nota delle opere pubbliche

iniziate ma non portate a termine (oggi diremmo delle

“promesse politiche elettorali non onorate”).

 

 

Ancora è fondamentale nel Comune il “Parlamento”,

organo composto - almeno all'inizio - da tutti i Cittadini

che godano di diritti urbani, anche se poi

progressivamente ed inesorabilmente ridotto ad un

piccolo gruppo di persone “dirigenti”.

 

I dirigenti verranno in pratica a rappresentare le

famiglie con più potere, quelle i cui membri cioè

godranno sempre più di maggiori diritti rispetto agli

altri (pensando proprio a Polibio verrebbe da dire

piuttosto l'“immancabile degenerazione

dell'anarchia”!), tutto ciò pur rimanendo il potere

esclusivo dei maschi maggiorenni, proprietari di una c

asa e tassati”, con la conseguente esclusione di donne,

poveri, servi, Ebrei e Musulmani non convertiti...

 

 

C'è anche da dire che il successo dei Comuni e la loro

successiva espansione dalle città alle campagne con la

creazione del cosiddetto “contado” o comitatinanza, a

comprendere il Comitatus delle campagne già del

Comune con il Districtus delle campagne annesse,

vengano sostenuti dall'evidente interesse delle Nobiltà

locali di sganciarsi dal controllo imperiale.

 

A riprova di questa ennesima manovra politica ancora

una volta a danno del Popolo il fatto che i Podestà,

professionisti con studi di diritto nelle nascenti

Università, siano loro stessi quasi tutti nobili!

 

                                   

                                   

 

                                   

Il Comune come innovazione

scomoda al potere

 

                                   

 

                                   

L'Istituzione Comunale entra in crisi alla fine del XII sec

e finisce con il collasso agli inizi del XIV sec, perché

scomoda ai “potenti” e quindi attaccata sia dall'esterno

che al suo interno.

 

 

Dall'esterno viene duramente combattuta fin dai suoi

inizi da parte degli Imperatori tedeschi del Sacro

Romano Impero, come Federico I il “Barbarossa”, il

quale vuole a tutti i costi riprendersi le regalie

“usurpategli” - in chiaro testo il diritto cioè di far pagare

tasse, battere moneta ed eleggere i Magistrati della

città.

 

Sconfitto il Barbarossa a Legnano nel 1176 dai Comuni

unitisi nella “Lega Lombarda”, solo 7 anni dopo si

raggiungerà un compromesso nella Pace di Costanza,

che da una parte fa tornare i Comuni ad una pur

“formale ubbidienza all'Imperatore” in cambio del

“sostanziale riconoscimento della propria autonomia”.

 

 

All'interno gli inevitabili contrasti sociali a tutti i livelli:

le solite Famiglie aristocratiche in lotta fra di loro per

primeggiare l'una sull'altra, il nuovo ceto borghese delle

Arti Maggiori che minaccia seriamente i Patrizi cittadini

nel loro ruolo di leader, la solita massa inquieta ed

insoddisfatta.

 

Sono tutti gli esclusi dal raggiunto benessere

economico, i sempre e comunque emarginati dal vero

potere, e a nulla servirà la inventata figura del

cosiddetto “Capitano del Popolo” ad affiancare, anche lui

spesso straniero, quella del Podestà, perché di fatto

anche questa carica finirà per rappresentare

esclusivamente gli interessi delle Arti Maggiori - la

nuova “borghesia”.

 

 

Più tardi i Comuni entreranno addirittura in lotta fra di

loro con le rispettive Nobiltà che con tutti i mezzi e ad

ogni costo cercheranno ingordamente di espandere

ciascuna i propri già enormi interessi nel Contado, s

ottraendo naturalmente terre ai Comuni limitrofi.

 

Infine con l'avvento delle Monarchie centralizzate verrà

dato il colpo di grazia all'autonoma Istituzione

Repubblicana del Comune e solo la Signoria cittadina

rimetterà “ordine” nelle strutture sociali, ma appunto

con dei “Signori” che per definizione presuppongono dei

“servitori”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

La “Commune”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

La Comune di Parigi

 

                                   

del 1871

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La “Comune di Parigi” è il governo democratico-

socialista della Città di Parigi da parte di un'autorità

locale legittimamente eletta, in Francese “Commune”,

per un periodo di appena due mesi nella primavera del

1871.

 

È uno degli eventi più socialmente e politicamente

significativi dell'epoca: viene anche chiamata la “Quarta

Rivoluzione Francese” ed è la prima rivolta socialista al

mondo della classe operaia.

 

 

Il primo tentativo storico di creare una vera società

“anarchica”, cioè “autogovernata dal popolo”.

 

Pur effimero e miseramente soffocato in cieca e

sanguinosa vendetta, con il gratuito massacro di decine

di migliaia di lavoratori, rimane ancora oggi conosciuto

ed onorato nella memoria collettiva dell'umanità libera,

punto di riferimento storico altamente significativo,

anche se pressoché ignorato nei libri di storia francesi e

non solo.

 

 

Una brevissima storia di idealismo e insieme

pragmatismo quella della classe operaia di Parigi,

unitasi alle truppe ribelli della Guardia Nazionale.

 

Anche se pienamente coscienti di non poter resistere a

lungo, scelgono tuttavia una precaria libertà, prendendo

possesso di 400 cannoni e togliendo il potere al Governo

Francese, il quale ordina l'immediata evacuazione della

Capitale dei “fedeli” nelle forze armate, polizia,

amministratori e specialisti per fuggire a Versailles nella

speranza che la città venga gettata nel caos.

 

 

Ma la neoeletta Commune - o “Consiglio Comunale” di

92 membri - è costituita da persone competenti, operai

qualificati, professionisti tra cui avvocati, medici e

giornalisti, attivisti politici come Riformisti,

Repubblicani libertari, Socialisti, Anarchici, Blanquisti e

Giacobini, non quali “rappresentanti” del popolo, ma

suoi “delegati”, che gli elettori, se insoddifatti, potranno

sollevare dal loro incarico in qualsiasi momento.

 

Negli appena suoi 60 giorni di esistenza la Commune

svolge  una enorme mole di lavoro, riattivando la

maggior parte delle funzioni amministrative, esecutive e

legislative, andando prontamente a soddisfare i bisogni

primari della popolazione con mense e punti di pronto

soccorso e riuscendo in pratica a mantenere attivi i

servizi pubblici essenziali ad una città di ben

due milioni di abitanti.

 

 

Le truppe regolari francesi inviate a soffocare la rivolta,

davanti a una così efficiente organizzazione e ferma

decisione della popolazione di non voler rinunciare né

alla sua riacquisita dignità né ai suoi cannoni, si

rifiutano di sparare sulla folla disarmata e anzi girano le

armi contro i propri ufficiali, fraternizzano con la Guardia

Nazionale e residenti e molte unità dell'Esercito

finiranno per unirsi ai ribelli.

 

Tutto questo con enorme imbarazzo del Governo a

livello nazionale ed internazionale, anche se si cerca in

tutti i modi di non far trapelare dalla città le notizie

della nuova politica, di fatto più indirizzata verso una

progressiva “socialdemocrazia”, piuttosto che la

paventata e propagandata “rivoluzione” sociale.

 

                                   

                                   

 

                                   

Quell'insieme

spauracchio del potere,

perché l'unione

è l'unica che fa la forza

 

                                   

 

                                   

La creazione della Commune viene resa possibile solo

grazie ad una totale sollevazione civile che coinvolge

trasversalmente tutte le forze progressive e

rivoluzionarie di Parigi in concomitanza con l'epilogo

della Guerra Franco-Prussiana, incautamente mossa

nell'estate del 1870 dall'Imperatore Napoleone III,

Luigi Bonaparte, nipote di Napoleone.

 

 

Il conflitto si dimostrerà presto un memorabile disastro

per la Francia, la cui stessa Capitale finisce subito sotto

assedio, una città in cui scarsità di cibo e incessanti

bombardamenti portano all'esasperazione la già latente

fortissima tensione fra ricchi sempre più ricchi e poveri

sempre più poveri.

 

Un clima sociale questo in cui una classe operaia che va

radicalizzandosi decide che per la città sia giunto il

momento di autogovernarsi economicamente attraverso

l'adozione di un modello amministrativo più

democratico, di per sé non rivoluzionario e all'epoca già

diffuso in molte altre città francesi, ma negato

ripetutamente a Parigi proprio per timore

dell'“ingovernabilità” della sua popolazione.

 

 

Agli inizi del 1871, dopo ben quattro mesi di assedio,

Marie Joseph Louis Adolphe Thiers, oppositore di

Napoleone III, già tre volte Primo Ministro durante la

prima metà del secolo e presto Capo Esecutivo e poi

Presidente della cosiddetta “Terza Repubblica”, cerca

attivamente di raggiungere un armistizio con i

Prussiani, i quali però insistono nell'imporgli una sia pur

breve occupazione “cerimoniale” di Parigi.

 

Questa è un'umiliazione che, nonostante tutto, i Parigini

non sono affatto disposti ad accettare, per cui si teme

che la instabile situazione possa favorire il formarsi di

un centro alternativo di potere politico con lavoratori

armati capaci di provocare la rappresaglia dei Prussiani.

 

 

È proprio quanto avviene quando delle decine di

migliaia di Cittadini appartenenti alla milizia detta

“Guardia Nazionale”, armati dallo stesso Governo a

difesa della Città, i battaglioni dei Distretti più poveri

decidono di eleggere i propri Ufficiali, si appropriano

dei cannoni pagati con sottoscrizioni pubbliche e

migliorano l'organizzazione militare e civile delle zone

“liberate”.

 

Si preparano così a resistere ad un doppio “nemico” -

quindi non solo l'Esercito Prussiano, ma anche quello

Governativo Francese, limitandone al primo

l'occupazione della Città ad una minima area e tenendo

del tutto in scacco il secondo nelle restanti zone della

metropoli.

 

                                   

                                   

 

                                   

Il Libero Comune di Parigi

 

                                   

 

                                   

Le libere elezioni e la riuscita auto-organizzazione della

Cittadinanza di Parigi sono già di per sé segnali politici

pericolosamente forti verso il resto del Paese, ma la

Città, proclamatasi “Comune Indipendente”, va oltre ed

esorta l'intera Francia a diventare una libera

“Confederazione di Comuni”.

 

 

Dopo la dipartita dei Prussiani in una Parigi che

continua ad essere accerchiata dall'Esercito Francese il

Consiglio della Comune emette tutta una serie di decreti

dei quali purtroppo solo pochi troveranno il tempo di

essere messi in vigore:

 

- gli affitti da molti proprietari aumentati a causa della

guerra non dovranno venir pagati per il periodo

dell'assedio

 

- il lavoro notturno nei panifici verrà abolito come

 

- abolita sarà anche la ghigliottina

 

- non solo alle mogli e ai figli legittimi, ma anche alle

compagne e ai loro figli di membri della Guardia

Nazionale caduti in battaglia verrà riconosciuta una

pensione di indennità

 

- verranno istituiti orfanotrofi che si prendano cura dei

figli dei caduti

 

- tutti gli arnesi dati in pegno dai lavoratori specializzati

durante l'assedio per ottenere un prestito verranno

gratuitamente restituiti

 

- tutte le scadenze delle cambiali verranno rinviate ed

 

- aboliti gli interessi sul debito

 

- ai lavoratori dipendenti sarà permesso di appropriarsi

e condurre in proprio l'impresa abbandonata dal

proprietario

 

- verrà abolita la coscrizione e

 

- l'Esercito verrà sostituito dalla Guardia Nazionale dei

cittadini in armi

 

- la Chiesa verrà separata dallo Stato, il quale ne

rileverà tutti i beni

 

- le scuole verranno laicizzate e

 

- l'insegnamento della Religione bandito

 

- i preti potranno continuare le loro attività di culto

nelle chiese, i cui locali verranno però utilizzati anche

per incontri politici pubblici serali diventando primari

centri di partecipazione popolare politica della Comune

 

- l'istruzione superiore e l'addestramento tecnico

saranno resi liberamente accessibili a tutti

 

- i materiali scolastici verranno forniti gratuitamente

come

 

- tutti gli studenti riceveranno vestiario e cibo gratuiti

 

- verrà riadottato il calendario repubblicano francese

 

- il Tricolore sarà sostituito dalla bandiera rossa...

 

 

Tutto avviene quindi senza il sostegno da parte dello

Stato, anzi con una negazione chiaramente formulata

dello Stato perché

 

                                   

 

                                   

“nessun governo è rivoluzionario”

 

                                   

 

                                   

ed un appello viene lanciato al resto del mondo a fare lo

stesso.

 

 

Esempio concreto che una nuova società organizzata

dal basso sia possibile, mettendo per la prima volta in

pratica la teoria anarchica, creando sui luoghi di lavoro

cosiddette “associazioni cooperative” autogestite da

Consigli di operai, come l'“Unione Meccanica” e

l'“Associazione dei metalmeccanici”, che

trasformeranno i lavoratori “da dipendenti in

partecipanti”, ed una “Commissione Comunale” il cui

compito sarà

 

                                   

 

                                   

l'“abolizione

dello sfruttamento dell'uomo

da parte dell'uomo”

 

                                   

 

                                   

in modo che l'uguaglianza non rimanga una parola

vuota.

 

La forte decentralizzazione, a comprendere

l'autogestione dei Quartieri, mostra già

sufficientemente l'attiva ricerca di nuove formule

politico-amministrative, non più caratteristiche di uno

“Stato” tradizionalmente repressivo, ma transitorie

verso l'abolizione dello Stato in quanto tale, un modello

innovativo per tutto il mondo da seguire.

 

 

Nel nome della fratellanza e a supporto

dnell'internazionalismo ella Commune tutta la comunità

straniera di rifugiati politici ed esiliati a Parigi si

mobilita e all'estero, nonostante l'estrema difficoltà a

far uscire notizie dalla Città circondata, si organizzano

raduni sindacali e socialisti di solidarietà.

 

Ma in Francia i movimenti amici di Narbonne, Limoges e

Marsiglia vengono soffocati sul sorgere e qualsiasi

speranza di aiuto concreto dalle altre città francesi

svanisce rapidamente.

 

                                   

                                   

 

                                   

La spietata repressione

 

                                   

 

                                   

Dopo intensi ed ininterrotti bombardamenti da parte

delle forze governative dell'Esercito di Versailles, la

città è allo stremo, ma Thiers, consapevole della sua

prevalenza militare, non concede alla Commune di

negoziare.

 

La difesa e la sopravvivenza diventano prioritarie e non

lasciano molto spazio all'azione politica, con addirittura

operaie che si organizzano nella Guardia Nazionale

formando un battaglione tutto femminile, il quale avrà

un importante ruolo negli imminenti combattimenti

urbani, difendendo eroicamente la Place Blanche,

passaggio obbligato per raggiungere i pezzi di

artiglieria pesante strategicamente piazzati sul colle di

Butte Montmartre.

 

 

Quando alla fine il primo cancello delle mura cittadine

verrà forzato o, come più probabile, aperto da qualche

traditore e spia benestante rimasto in cittá, le nuove

truppe del Governo Francese di Versailles, create in

fretta e furia con ex prigionieri di guerra rilasciati ad

hoc dai Prussiani, potranno dar via alla riconquista della

città, dove però li aspetteranno comunque ben sette

lunghi giorni e notti di duri combattimenti, di strada

in strada.

 

Il labirinto di stradine impenetrabile nelle precedenti

rivoluzioni non esiste più e si combatte lungo i nuovi

ampi boulevard, tutto a vantaggio della moderna

artiglieria delle truppe di Versailles agli ordini di un

comando centralizzato, fino all'ultima resistenza dei

Comunardi nel Cimitero di Père Lachaise a Montmartre.

 

 

Ogni Arrondissement o “Quartiere” combatte

disperatamente fino ad essere sopraffatto, ma la

resistenza più strenua viene dai distretti “operai”, dove

guerriglia urbana proseguirà per tutta la cosiddetta

“Semaine sanglante”, la “Settimana di sangue”, dal 21

al 28 maggio 1871.

 

Cadute le ultime barricate e definitivamente sconfitte le

truppe armate della Comune nei combattimenti al

Cimitero di Montmatre inizierà la vera orgia di vendetta

e repressione spietata contro i “Comunisti”, con le

truppe governative che si danno a numerosissimi

rastrellamenti ed esecuzioni sommarie

per lo più di gruppo contro Comunardi già fatti

prigionieri, come quella al cosiddetto “Muro dei

Comunardi” nel cimitero di Père Lachaise, e massacrano

civili disarmati.

 

 

Ancora molto peggiore, si dimostra la barbarica sete di

sangue della classe borghese e dei clericali, la quale non

conoscerà né pietà né limiti, null'altro che mostri

lasciati liberi di linciare a volontà decine di migliaia di

militari già arresisi e civili inermi, addirittura

scempiandone e mutilandone i corpi quale estremo

gesto di disprezzo prima di gettarli in fosse comuni

(molti fotograficamente documentati)!

 

Le rappresaglie continueranno anche dopo il letterale

bagno di sangue dichiarando un crimine qualsiasi

appoggio dato alla Commune, con migliaia di persone

deportate a Versailles per essere processate, giorno

dopo giorno colonne senza fine di uomini, donne e

bambini sotto scorta militare, verso campi di prigionia,

processi farsa, esecuzioni capitali, condanne ai lavori

forzati, deportazioni a vita nelle Isole Francesi del

Pacifico.

 

 

Un numero esatto delle vittime degli scontri e dei

massacri della Semaine Sanglante rimarrà impossibile,

anche se le stime in assoluto più basse arrivano a più di

30 mila morti, circa 40-50 mila feriti ed, in seguito, altri

50 mila fra imprigionati (ben 10.137 le condanne poi

ufficializzate, solo nel 1889 oggetto di un'amnistia

generale) e giustiziati, con oltre 7 mila confinati in

Nuova Caledonia.

 

Nel 1876 alcuni calcoli stimeranno che la violenta

repressione ordinata dallo zelante Generale Gaston de

Galliffet, soprannominato “il macellaio della Comune”

abbia comportato un numero di fucilati tra i 17 e i 20

mila, mentre nel 1880 il bilancio totale delle vittime dei

combattimenti e delle susseguenti carneficine verrà

confermato a 30 mila, incluse le esecuzioni di circa 6-7

mila Communards, questo a fronte delle proprie perdite

dichiarate dal Governo di Versailles di appena 877

morti, 6.454 feriti e 183 dispersi...

 

                                   

                                   

 

                                   

Un odio così incontrollato

può essere generato solo dalla paura

 

                                   

 

                                   

Questo fenomeno storico e primo esempio di governo

diretto delle masse ha un effetto terrificante sui

benestanti e benpensati non solo di Parigi, ma della

Francia e del mondo intero.

 

E continuerà a lasciare in profondo sgomento la

maggior parte degli storici, specialmente di Destra,

anche se molti di questi saranno loro malgrado costretti

a riconoscere alla Commune il valore socio-politico di

molte delle riforme proposte e a condannare per onestà

mentale l'inaudita e selvaggia repressione di cui viene

fatta oggetto, non riuscendo comunque mai a spiegare

l'odio senza precedenti che la Comune provoca nei ceti

borghesi medio-alti, al punto da far rimanere Parigi

precautivamente sotto leggi marziali per altri

ben cinque anni.

 

 

A cercare di espiare i propri inevitabili e più che di

sicuro motivati sensi di vergogna e di colpa e di

cancellare allo stesso tempo il ricordo dell'ultimo,

impari ed eroico corpo a corpo dei Comunardi a

Montmartre, la medesima borghesia e il clero, impuniti

barbarici mostri omicidi, vi faranno inutilmente

costruire la Basilica del Sacré-Coeur, monumento

ipocrita, che solo può gridare tremenda vendetta

davanti agli occhi degli uomini e del loro dio!

 

La Comune di Parigi verrà al contrario ovviamente

ammirata dalla Sinistra Socialista, Comunista e

Anarchica e dai suoi leader, come Marx, Lenin e Mao,

quale primo modello di “dittatura del proletariato” e

prima esperienza pratica dello smantellamento dello

Stato con la creazione di una società libera attraverso la

democratica partecipazione dal basso.

 

 

Nel 1883 la salma di Marx verrà avvolta in una bandiera

rossa della Commune e nel 1964, la navetta sovietica

“Voskhod 1” porterà nello spazio i resti di un'altra

bandiera della Comune.

 

Propaganda a parte, resterà comunque per sempre

preziosa l'eredità storico-culturale della Comune di

Parigi, se la scritta

 

                                   

 

                                   

“Vive la Commune!”

 

                                   

 

                                   

riapparirà testardamente un secolo dopo rossa sangue

su tutti i muri di Parigi durante la grande Rivolta del

1968 e non certo per l'ultima volta...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

La Machnovščina Ucraina

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

L'Armata Nera Anarchica

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Machnovščina, in Ucraino махновщина, è l'Esercito

Insurrezionalista dell'Ucraina - così chiamato dal suo

leggendario comandante, l'appena ventinovenne

anarchico, rivoluzionario e generale contadino figlio di

poveri contadini ucraini Nestor Ivanovič Machno, in

Ucraino Нестор Іванович Махно, soprannominato

“Padre Machno”, un esercito conosciuto anche come

l'“Armata Nera”, la cui breve storia va dal 1918 al 1921.

 

Nonostante la sua giovanissima età Machno partecipa

già sedicenne ai violenti tumulti della Rivoluzione del

1905 organizzata autonomamente dalle masse

contadine della sua Regione e diventa anarchico:

condannato a morte dallo Zar sconterà otto anni “ai

ferri”, unica sua scuola di vita i lavori forzati ed il

carcere in cui riceverà una elementare

alfabetizzazione grazie ad un compagno di prigionia.

 

 

Al 1918 risale infatti la formazione delle prime Bande

Insurrezionaliste, quando cioè secondo il Trattato di

Brest-Litovsk Lenin cede parte del territorio

dell'Ucraina, la Gubernija, al controllo degli Imperi

Centrali e conseguentemente l'Esercito Austro-

Germanico la invade, la conquista in appena tre mesi e

vi impone un regime di destra.

 

Dopo il trattato e l'instaurazione di un governo

repressivo, gli anarchici ucraini si organizzano in un

Esercito di Liberazione per azioni di guerriglia contro

l'invasore, cercando allo stesso tempo, ma inutilmente,

di ottenere rinforzi militari e ricevere aiuti materiali dai

compagni anarchici della Russia Bolscevica.

 

 

Il crescente autoritarismo burocratico del nuovo Regime

colpisce però duramente il Movimento Anarchico Russo

attraverso l'azione repressiva della Polizia Politica

Comunista, rendendolo in pratica del tutto inefficace ed

anche il breve incontro di Machno con Lenin non fa che

mettere definitivamente a nudo la diametrale diversità

fra la visione anarchica e quella bolscevica della futura

società.

 

Machno rischia addirittura di venire assassinato prima

di riuscire a rientrare in Ucraina e non va meglio una

volta nel proprio Paese, dove viene purtroppo arrestato

dagli Austro-Tedeschi per possesso di materiale

propagandistico e liberato su cauzione grazie ad una

raccolta di ingenti fondi ad opera dei suoi fedeli

compagni anarchici.

 

 

Machno diventa così il leader del Movimento di

Resistenza Ucraino contro non soltanto gli invasori

Austro-Tedeschi, ma anche gli oppressori Russi Bianchi

ed i nuovi nemici Bolscevichi.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

La potente anarchia rurale

 

                                   

 

                                   

Mentre liquidare all'inizio i piccoli nuclei anarchici

cittadini, isolati ed impotenti, risulta estremamente

facile, al contrario nel Sud contadino dell'Ucraina si

consolida una fortissima ed efficiente organizzazione

anarchica rurale, sia economica che militare,

solidamente radicata nel territorio la cui gente ha una

tradizione ribelle.

 

Una Regione questa popolata da ben 7 milioni di

abitanti a formare geograficamente un cerchio del

diametro di quasi 300 chilometri, la cui punta sud

fruisce di un porto sul Mare di Azov e con al centro un

borgo di circa 30 mila abitanti.

 

 

I contadini rivoluzionari si impadroniscono dei latifondi

e sono pronti a difendere la propria terra con le armi,

contro i tentativi degli Austro-Tedeschi di restituirli ai

vecchi proprietari come anche contro i tentativi di

requisizione dei commissari bolscevichi.

 

In Ucraina si tenta quindi per la prima volta nella storia

di applicare su larga scala i principi del “Comunismo

Libertario”, cioè l'Anarchismo, secondo gli ideali di

indipendenza di un grande movimento popolare di

Machno e dei suoi, del tutto antitetici a quelli del

modello autoritario imposto in città e campagne dal

potere bolscevico.

 

 

In un paese a stragrande maggioranza contadina

qualsiasi sviluppo economico deve necessariamente

partire dalla terra, dal controllo dei campi.

 

È lì che l'Anarchismo mette rapide radici con la legittima

aspirazione dei contadini di uscire da un secolare

latifondismo estremo, consegnando quindi al

bracciantato agricolo, così affamato di terreni da

coltivare per sopravvivenza, quelli confiscati ai grandi

proprietari, in modo che piccole collettività contadine

locali possano formarsi e vivere l'esperienza di una

completa autogestione.

 

                                   

                                   

 

                                   

Le Comuni anarchiche

 

                                   

 

                                   

I contadini si organizzano spontaneamente in singole

unità produttive dette “Comuni” o Soviet di lavoro”

indipendenti, coltivando insieme la terra senza direttive

o controlli di una autorità centrale, in un sistema

totalmente egualitario e creando una rete di relazioni

tra le cooperative contadine, sia a livello locale che

distrettuale e regionale.

 

Questo modello dimostrerà pienamente, al di là di ogni

teoretico dubbio, come in realtà le aspettative

anarchiche si possano realizzare e nella pratica si

realizzino man mano in forme di collaborazione a tutti i

livelli senza minimamemte andare a limitare la libertà

personale, un successo anche a livello propagandistico

che non potrà essere accettato a lungo dall'apparato

bolscevico.

 

 

I principi di fratellanza e di uguaglianza del Comunismo

Libertario vengono applicati nell'Ucraina liberata e di

fatto spontaneamente rispettati da tutti - uomini, donne

e bambini - in modo che ciascuno contribuisca al lavoro

comune secondo le proprie forze e chiunque di loro,

autentici lavoratori, venga temporaneamente eletto a

funzioni di gestione (i politici di mestiere sono

tassativamente esclusi dal potere “sovietico”, cioè del

soviet!) torni poi al suo lavoro abituale nella Comune.

 

Ogni soviet è l'esecutore diretto della volontà dei

contadini locali, unità di produzione federata ad altre

unità in un Distretto e i distretti in Regione: un sistema

economico complessivo fondato sull'uguaglianza sociale

e sulla assoluta indipendenza, anche se il punto debole

del movimento è il povero supporto culturale ed

educativo da parte di intellettuali libertari che possano

anche portare avanti una forte “trattativa diplomatica”

con il Governo Bolscevico.

 

 

A questo punto il “Manifesto Machnovista”, che si

proclama

 

                                   

 

                                   

“categoricamente e definitivamente

contro ogni partecipazione ai soviet,

divenuti organismi puramente politici,

organizzati su una base

autoritaria, centralizzatrice, statale”

 

                                   

 

                                   

e precisa fin troppo chiaramente la dottrina dei “soviet

liberi”, verrà considerato dalla controparte come una

vera e propria dichiarazione di guerra.

 

                                   

                                   

 

                                   

La Guerra Civile Russa

 

                                   

 

                                   

La difesa militante di questi ideali anarchici insieme al

preteso totale smantellamento dell'autorità a favore

della libertà dei contadini e degli operai portano

inevitabilmente a quattro lunghi anni di dure lotte dei

“machnovisti” nell'ambito della Guerra Civile Russa.

 

Con azioni mirate di guerriglia contro l'Esercito Austro-

Tedesco, con innumerevoli scontri armati ed anche

importanti vittorie militari, soprattutto contro la

cosiddetta “Armata Bianca” degli Zaristi antibolscevichi,

ed infine contro la neo-costituita “Armata Rossa” dei

Bolscevichi dalla fusione delle unità di Guardie Rosse.

 

 

I due eserciti machnovista e bolscevico si trovareranno

d'accordo solo in due occasioni critiche, in azioni militari

coordinate contro il pericolo interventista rappresentato

dalle Forze Bianche, nel 1919 e 1920, poi l'Armata

Rossa tornerà a volgere le proprie armi contro i

partigiani anarchici.

 

Agguati, arresti e fucilazioni di partigiani disarmati

durante incontri di falsa trattativa preludono alla

definitiva offensiva contro Gulyai-Polyé, in uno scontro

fra “libertari” e “autoritari” che durerà quasi un anno,

ma ogni giorno sempre più impari.