“Imparare

 

                                   

è un'‘esperienza’

 

                                   

 

                                   

Tutto il resto è solo

 

                                   

‘informazione’”

 

                                   

 

                                   

Albert Eistein

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

La parola

 

                                   

“informazione”

 

                                   

 

                                   

Dal Latino informatio, “nozione”, “idea”,

“rappresentazione”, oggi una delle parole più usate

spesso senza troppa “cautela” o “considerazione”, a

volte senza neppure troppa “coscienza” del suo

molteplice significato.

 

Politici, mass media e molti di noi per descrivere la

nostra epoca ed il mondo in cui viviamo usano volentieri

espressioni non molto accurate, come “età

dell'informazione” e “società dell'informazione”,

copiando pari pari concetti e termini “di moda”,

dall'Inglese Information Age rispettivamente

Information Society, oppure “età della conoscenza” e

“società della conoscenza”, da Knowledge Age e

Knowledge Society.

 

 

Si parla di “scienza dell'informazione” o Information

Science, e addirittura di rivoluzione dell'informazione

o Information Revolution...

 

Eppure bene dice Papa Francesco:

 

                                   

 

                                   

“Stranamente

 

non abbiamo mai avuto

più informazioni di adesso

 

ma continuiamo a non sapere

che cosa succede.”

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Il concetto

 

                                   

di “informazione”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ed essendo il termine” informazione uno dei più usati

e, contestualmente, “abusati” oggi, sta diventando una

di quelle cosiddette “verità di base”, non provabili né

negabili, da cui poi partono tutti i nostri “castelli” di

strutture più o meno “razionali”, più o meno “emotive”,

su cui si costruiscono enormi imperi di “aria fritta”.

 

Come “concetto” informazione è portatore di una

molteplicità di significati, a seconda di “chi” lo usi,

“perché” ed in quale “contesto” - quotidiano, sociale o

tecnologico.

 

 

Può voler esprimere una “regola”, una

“comunicazione”, un semplice “messaggio”, un

meccanismo di “controllo”, addirittura dei nudi “dati”,

un “prestampato” da compilare, un'“istruzione” da

eseguire, qualsiasi “stimolo mentale”, oppure la

“percezione” o “rappresentazione” di qualcosa, il

“significato” di qualcosa, una “matrice” da cui e con cui

riprodurre, un “modello” o uno “schema” e molto, molto

altro ancora...

 

Solo che la questione è decisamente un'altra: a parte la

“quantità” di informazione di cui si dispone, la domanda

più rilevante da porsi sarebbe piuttosto quale sia la sua

“qualità”.

 

 

L'“informazione” è anche definibile come la “diversità

percettibile” tra due o più elementi e questo può forse

aiutarci a creare un po' più di “chiarezza” nel concetto -

ecco tre esempi ed una variante con l'aiuto di una

cosiddetta “scala di grigi”:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- di seguito, due quadrati “neri”

 

Un'affermazione “probabile”, “vera” o “falsa” che sia,

però “non provabile” (in questo caso solo

apparentemente) , quindi (anche se qui solo

apparentemente) neppure “confutabile”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ma sì, ci sono davvero due quadrati “incollati”, ma

dello stesso colore “nero” dello sfondo, quindi non li

“vedi”, cioè “sensorialmente” non li puoi “percepire”...

 

Se non ci “credi”, prova ad “aprirli” separatamente,

o “copiarli” come immagini e, naturalmente, sono

di conseguenza “scaricabili” come file!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- qui sotto invece un quadrato “grigio chiaro” ed uno

“grigio medio”, cioè un po' “più scuro”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un'“informazione” di certo “migliore” della prima,

anche se “relativa”, dato che “credo” di distinguere

“molto bene” quale sia il quadrato “più chiaro” e quale

quello “più scuro”...

 

A sinistra il quadrato “più chiaro” e, a destra, quello

“più scuro”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- ma se sostituissi, come qui di seguito, solo uno dei

quadrati, ad esempio il “grigio chiaro”, a sinistra, con

uno “ancora più scuro” di quello “grigio medio”, a

destra?

 

Stranamente , il quadrato a destra, che “prima”

consideravo “più scuro”, al contrario“ora” lo

percepisco “più chiaro” dell'altro!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sì, il quadrato a destra è lo stesso “identico” come

nell'esempio precedente!

 

Quindi, un'informazione senz'altro “migliore”, però

non tantosicura”, come invece pensavo all'inizio...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- infine prendiamo un quadrato “bianco” ed uno “nero”

e ogni dubbio sparisce

 

Finalmente un'informazione “certa”!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Massimo” contrasto, quindi “massima” chiarezza con

due valori “assoluti”, in quanto non esiste un bianco

“più bianco”, come non esiste un nero “più nero”!

 

Checcé ne dica l'ingannevole pubblicità, o è “bianco” o

non lo è, o è “nero” o “non lo è”, affatto!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

E tutto quanto nel piccolo esperimento sopra lo

facciamo, attraverso sì “segnali”, impulsi dai nostri

“sensi”, i quali vanno a stimolare i “neuroni” del

“cervello”, ma con l'uso della nostra “intelligenza”.

 

Grazie cioè a quella “capacità di distinguere” “per

contrasto” tra “qualità” (“fisiche” o “astratte” e di

“oggetti” sia fisici che astratti!), cioè caratteristiche

“differenti” tra loro, al meglio se “opposte”.

 

Una “capacità” che, presente nella nostra “mente”, va

rafforzandosi continuamente nell'“esperienza”, fino a

diventare “abilità”, contribuendo così ad accrescere il

nostro vitale accumulo di “conoscenza” acquisita.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Informazione

 

                                   

e “comunicazione”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una prima “sgrossata” ai concetti:

 

- parlando di “informazione” si vuole principalmente

indicare una “trasmissione” - dal Latino trans, al di là,

e mittere, mandare, cioè trasportare da un luogo ad

un altro, da un tempo ad altro, passare da una persona

all'altra - qui comunicazione “uni-direzionale”, cioè

senza alcuno “scambio”

 

- la vera “comunicazione” implica infatti un modello del

tipo “un ‘mittente’ manda un ‘messaggio’ attraverso

un ‘’canale ad un ‘destinatario’, il quale viene

stimolato ad una ‘re-azione’ (cosiddetto feed-back

verso il mittente”, ora a sua volta destinatario.

 

Quindi una vera comunicazione è, per definizione,

sempre “bi-direzionale”, cioè uno scambio di

informazione.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

La “teoria” dell'informazione

o, meglio, della comunicazione

 

                                   

 

                                   

Una brevissima “infarinata” introduttiva a quel settore

dell'informatica che definisce le basi teoriche della

scienza dell'informazione da cui il modello appena

descritto sopra è tratto.

 

 

Nel 1948 l'ingegnere e matematico statunitense Claude 

Elwood Shannon pubblica l'articolo “A Mathematical

Theory of Communication”, cioè Una teoria matematica

della comunicazione, in cui per primo conduce lo studio

sistematico dell'informazione e della comunicazione.

 

Questa teoria definisce di fatto gli elementi ed i processi

fondamentali della comunicazione cosiddetta “digitale”:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- un “mittente” - in Inglese sender - la “persona” o la

“macchina” che invia l'informazione

 

- una “informazione” - information - cioè “dati”, data,

di partenza impacchettati in un “messaggio”

 

- un “trasmettitore” o emittente - transmitter - un

dispositivo che “codifica” i dati rendendoli

“trasmissibili” come segnali

 

- un “messaggio”, message, l'informazione così

“tradotta” e trasmessa

 

- un “canale”, channel, “attraverso cui” si trasmette il

messaggio

 

- un “ricevitore”, receiver, un dispositivo che riceve e

“decodifica” il messaggio

 

- un “destinatario”, receiver ma meglio recipient, la

persona o la macchina che riceve il messaggio

comprendendone il significato.

 

 

Nel caso di una comunicazione “interpersonale”, cioè

fra umani, il “mittente” è al tempo stesso “codificatore”

e “trasmettitore”, come il “destinatario” è insieme

“ricevitore” e “decodificatore”.

 

Nel caso di comunicazione “digitale”, cioè fra macchine,

come ad esempio due computer, l'informazione

ricevuta, cioè il messaggio o “pacchetto di dati

interrelati”, passa ad un processo di “elaborazione” e

“rappresentazione” per rendere il messaggio e i dati in

esso contenuti “interpretabili” da altre macchine ovvero

“intelleggibili” da un operatore (un umano), se alcuno.

 

 

Il cosiddetto “feedback” o “messaggio di ritorno” è la

trasmissione di un messaggio o reazione da parte del

destinatario “in risposta” al messaggio ricevuto.

 

Nel caso di comunicazione “interpersonale” chi

spedisce il messaggio lo fa con una finalità, si aspetta

una reazione allo stimolo inviato - ad esempio, nel caso

di un messaggio “pubblicitario” un produttore lo

pubblica per stimolare, a livello conscio e subconscio,

dei potenziali acquirenti.

 

Questi “rispondono” allo stimolo con un comportamento

“adeguato”, cioè acquistando il prodotto, oppure, nel

caso di un messaggio “politico”, il potenziale elettore

verrà stimolato a votare per questo o quel partito,

questo o quel candidato.

 

 

Al modello sopra va aggiunto solo quello che gli

Anglosassoni chiamano “noise”, cioè tutti quei

“disturbi” o “interferenze” che nei successivi “contesti”

o “ambienti”, ad esempio nello stesso canale di

trasmissione, possano “deformare” o “indebolire” e,

quindi, rendere “meno chiaro” il messaggio.

 

Tale modello estremamente “meccanico” non considera

comunque in alcun modo né l'“autenticità”, né la

“veridicità”, né la “rilevanza” del messaggio.

 

In altre parole non “verifica” che “chi” o “cosa”

spedisca il messaggio usi la propria legittima “identità”,

né che i “contenuti” del messaggio siano “veritieri”,

nenche che il messaggio abbia “importanza” per chi lo

riceva - ma questa è tutta un'altra storia...

 

 

Nel lavoro pionieristico di Shannon vengono inoltre

sviluppati i due importantissimi concetti:

 

- l'“entropia”, la misura della quantità di “incertezza” in

un segnale e la sua minima “complessità” possibile,

cioè quanto si possa “comprimere” il dato senza per

questo “deteriorarlo”

 

- la “ridondanza”, che è una sovrabbondanza di

informazione, di per sé “non necessaria”, ma utile”

come riserva.

 

 

Tutto questo per stabilire “quanta” e “quale” parte di

un messaggio possa essere eliminata senza provocare

una sostanziale “perdita” di informazione, che lo

renderebbe “meno” o “non” interpretabile.

 

La sua teoria si è dimostrata valida e non soltanto in

informatica...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

“Misurare”

l'informazione

 

                                   

 

                                   

Qualsivoglia tipo di “comunicazione” comporta quindi

una doppia trasmissione, in entrambi i versi, o

“scambio” di informazione.

 

La cosa avviene attraverso un convenuto “alfabeto” di

simboli, generalmente codificati in modo “binario”,

usando cioè due soli “elementi”, che sia chi trasmette

sia chi riceve associa ai medesimi componenti

dell'informazione, con una cosiddetta riduzione di

incertezza a priori sul simbolo trasmesso.

 

 

La “probabilità” di trasmissione di un determinato

simbolo e la “quantità” di informazione ad esso

associata si misura in “bit” .

 

Il valore medio della quantità di informazione alla

sorgente viene chiamato “entropia” della sorgente.

 

 

La “velocità” di informazione di una sorgente - non la

“frequenza di emissione” dei simboli! - è il prodotto

dell'entropia dei simboli emessi dalla sorgente per la

loro frequenza di emissione, cioè la “velocità” di

segnalazione.

 

Quindi la “trasmissione” di informazione collegata ad

un simbolo codificato dipende dalla “probabilità” di

trasmissione associata al simbolo e dalla “quantità” di

informazione alla sorgente, calcolata mediamente su

tutto l'alfabeto adottato.

 

Più specificamente la “trasmissione” di informazione

eqivale al prodotto tra la “probabilità” di ciascun

simbolo di essere trasmesso ed il suo “contenuto”

informativo.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

“Codificare”

l'informazione

 

                                   

 

                                   

La “codificazione” dell'informazione - cioè la sua

“traduzione in simboli” in base a regole assegnate o

convenute - consiste nel trasformare un'informazione

“generica” in una “comprensibile” da un qualsiasi

dispositivo o comunque “adatta” alla successiva

elaborazione.

 

 

Infatti il problema di fondo, praticamente in tutti i

processi di “elaborazione” dell'informazione, è la sua

cosiddetta “rappresentazione”.

 

L'informazione come ricezione di “un” messaggio tra

tanti possibili presuppone una definizione, la più esatta

possibile, di “quale” informazione sia rappresenta da

ciascuno in un numero “finito” di simboli affidabili e

facilmente “distinguibili”.

 

 

Nelle apparecchiature digitali, come ad esempio un

“calcolatore elettronico” o computer, “rappresentiamo”

l'informazione attraverso due “livelli” di tensione,

ovvero la “magnetizzazione” o “demagnetizzazione” di

dispositivi.

 

L'“affidabilità” di tali simboli è molto efficiente, proprio

perché soltanto due - “0” e “1”, corrispondenti a due

livelli di tensione, i quali formano appunto la cosiddetta

“numerazione binaria”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'informazione

come “messaggio”

 

                                   

 

                                   

Se cosmos è l'ordine “che conosciamo” e “come

possiamo conoscerlo”, allora il caos è l'ordine che

“ancora non conosciamo” e che forse “neppure siamo in

grado di conoscere”.

 

 

Un “messaggio” è un pacchetto di “dati” - presi da un

qualsiasi contesto “di origine” ed in “relazione” uno

all'altro - “codificati” attraverso simboli che siano i più

intellegibili possibile, in modo che, una volta

trasmessi e ricevuti, risultino “riusabili” nel “nuovo”

contesto, mantenendo il “significato” che “hanno” o

viene“loro dato” alla fonte.

 

Non è un processo da poco!

 

 

E questo riguarda “qualsiasi tipo” di informazione.

 

La “notizia” trasmessa al telegiornale, il “racconto” in

un libro, i dati conservati in un archivio, ma anche

tutto quello che “noi” comunichiamo con le “parole”,

scritte o dette, nel primo caso insieme alla nostra

“grafia”, nel secondo insieme alla nostra “espressione”

facciale, i “gesti”, la “voce”, come pure la “funzionalità”

e la “struttura” contenute nel DNA degli esseri viventi,

la “configurazione” degli atomi degli elementi che

costituiscono le stelle e ogni cosa.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

L'informazione

come “dati”

 

                                   

 

                                   

Tutto quello che chiamiamo “dati” è la rappresentazione

“codificata” di fatti.

 

Soltanto una corretta “interpretazione” dei “simboli” ci

porterà alla “conoscenza” del “codice”, questo ci darà

la “comprensione” dei “dati” e, contestualmente, 

l'acquisizione di “coscienza” dei “fatti”.

 

Il conoscere i “fatti” ci aiuterà a “(ri)creare contesto” -

a vederli cioè nel loro “ambiente” naturale - cosa che ci

renderà i fatti” e i “dati” che li rappresentano ancora

più “comprensibili”, a sua volta permettendoci di creare

ancora “più contesto” o addirittura “nuovi contesti”!

 

 

Non è “complicato”, è “complesso”...

 

Tutti i “linguaggi” usano “alfabeti” di simboli, che

vanno a rappresentare un “concetto”, una “quantità”,

una “misurazione” , una “qualità” e così via.

 

Queste stesse “parole” che stai leggendo sono quindi,

genericamente parlando, dei “dati”, i quali stanno a

“rappresentare” dei “fatti”, da me “codificati” e

“trasmessi” e a te arrivati “comprensibili” dato che ne

conosci il “codice” (o almeno così voglio sperare...).

 

 

“Dati” sono quindi tutti gli elementi “base” che vanno a

comporre qualsiasi “messaggio”, dal più semplice al

più strutturato ed articolato, loro stessi “informazione”

come pure contengono “informazione”, ma acquistano

“rilevanza”, riescono cioè ad essere “letti” e a

“trasmettere” quindi il loro contenuto di informazione,

solo quando posti nel contesto “appropriato”.

 

 

L'informazione, una volta acquisita, diventa poi

“conoscenza”, che contribuisce a sua volta alla 

“comprensione”, tutto il nostro “sapere”.

 

Questo nuovo sapere “cosciente” ci aiuta a sua volta a

creare nuovi “contesti” e a facilitare quindi l'inizio di un

ulteriore “ciclo” nel processo prima di acquisizione di

conoscenza e poi di comprensione - e così via.

 

 

“Estraendo informazione da un contesto la nostra

elaborazione “dati” risulterà un percorso di passaggi

“logici” cosiddetti “deduttivi”, mentre “costruendola”,

mettendone insieme i pezzi, di passaggi cosiddetti

“induttivi”.

 

È percorrendo su e giù questa “via della conoscenza”

che noi potremo capire sempre meglio il “contesto” e,

quindi, imparare anche a “leggere” più accuratamente i

“dati”.

 

 

Arriveremo così ad una “nostra” sempre più validata

“conoscenza” e, di conseguenza, più corretta personale

“comprensione” dei “fatti”, poi a livello sociale da

cercare di “condividere” con gli altri.

 

Infine: se addirittura il cammino stesso potremo,

voorremo e decideremo di farlo “insieme”, in un gruppo,

allora raggiungeremo il “piacere della conoscenza”...