Ciò che si può dire

 

                                   

in poesia

 

                                   

 

                                   

di Biagio Cepollaro - 2012

 

                                   

 

                                   

Riprese di Teresa Marino

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Prima parte di dieci

 

                                   

Forma e contenuto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ciò che si può dire in poesia può essere detto solo in

poesia, cioè ci sono delle cose che si possono dire

soltanto in poesia.

 

 

Cosa vuol dire?

 

Vuol dire che esiste una specificità della scrittura

poetica e della forma poetica.

 

 

L’atteggiamento formalista è l’atteggiamento che esalta

la forma, esalta l’organizzazione formale del testo

sottolineando però l’altra parte del discorso, che era la

cosa da dire.

 

Perché nell’espressione “Ciò che si può dire in poesia si

può dire solo in poesia” non c’è soltanto un riferimento

all’autonomia formale e alla specificità testuale, ma c’è

anche al cosa si dice, cioè ciò che si può dire si riferisce

a qualcosa.

 

 

Questo vuol dire che non c’è da un lato la forma e

dall’altro lato il contenuto: vuol dire che c’è l’invenzione

formale, che è una configurazione, una strutturazione

del contenuto.

 

In altri termini, quando mi trovo davanti ad una poesia

il senso che io riesco ad individuare non posso trovarlo

detto in altro modo, ma c’è un senso, fosse anche il

rifiuto del senso, come spesso è accaduto nelle

avanguardie storiche del non-sense.

 

 

Il non-sense o il senso sono la stessa cosa, perché

pongono l’accento sul senso appunto, in versione

positiva o negativa.

 

Allora il formalismo è da rigettare, in quanto è l’oblìo di

questa cosa da dire che può dire solo la poesia, ma è da

rigettare ovviamente anche il contenutismo…

 

 

Ora, stranamente, mi sembra che negli ultimi vent’anni,

quindici anni si sta affermando una attenzione

formalistica esagerata, anche attraverso l’importanza

che si sta dando alla metrica.

 

Questa importanza formalistica credo sia una

conseguenza dell’attenzione che si sta dando alla

diffusione dei poeti e delle poesie, cioè ad un

abbassamento generale dei contenuti.

 

 

A questo abbassamento generale dei risultati poetici si

sta reagendo con una chiamata endocorporativa, con

dei segni distintivi della corporazione e la metrica

sembra chiamata a segnalare questa distinzione

corporativa.

 

Ecco perchè credo che sia molto pericoloso per il valore

di questa arte l’insistere in maniera formalista sulla

metrica.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Seconda parte

 

                                   

Parola, immagine

 

                                   

e suono

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ciò che si può dire in poesia si può solo dire in poesia

vale anche per la dimensione sonora del testo: noi non

possiamo scindere la parola dal suono nella poesia.

 

Per la verità non possiamo scindere la parola

dall’immagine e dal suono perché la poesia è la sintesi

di parola, immagine e suono, parola intesa come senso:

senso, immagine e suono.

 

 

E vi è una specificità della poesia riguardo al suono, per

cui la poesia non può essere mutilata, non possiamo

considerarla stampata e silenziosamente stampata,

dobbiamo dare voce al suo suono, dobbiamo dare il

volume sonoro di ciò che è tridimensionale perché la

poesia è come una scultura sonora.

 

Nello stesso tempo la poesia letta ad alta voce, detta,

non è teatro perché il teatro è un’altra cosa, è un’altra

specificità.

 

 

Di conseguenza tutti gli effetti e gli effettacci del teatro,

del cabaret possono talvolta interessare la poesia in

alcuni momenti della sua storia, ad esempio i Futuristi

erano molto interessati o i Dadaisti al cabaret e ad

alcune dimensioni spettacolari della poesia, ma questo

aveva un senso per il carattere provocatorio di queste

prime avanguardie…

 

Ma la natura della poesia, la sua essenza, non ha a che

fare con la spettacolarizzazione, non ha a che fare con

l’aggiunta dell’effetto teatrale, perché la poesia non è

teatro e infatti quando si ascoltano degli attori leggere

delle poesie ci si accorge che c’è un enfasi che è

esagerata rispetto alla potenza di suono e di senso che

la poesia ha già in se incorporata, cioè il testo è un

potenziale già autosufficiente di espressione sonora.

 

Di conseguenza quando gli attori recitano le poesie

aggiungono qualcosa di cui non c’è bisogno e di qui

nasce l’enfasi.
 

 

La stessa cosa è la trasformazione della poesia in

cabaret che sposta la questione verso la performance.

 

 

La performance è un’arte e una disciplina specifica,

quindi la poesia non può fingere di essere una

performance perche la poesia è un’arte diversa da

quella della performance.

 

E quando alcuni poeti, inconsapevoli di ciò, provano ad

essere performativi fanno torto alla specificità delle due

arti ottenendo risultati francamente deludenti.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Terza parte

 

                                   

Biografismo e autonomia

 

                                   

del linguaggio poetico

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ciò che si può dire in poesia ha a che fare sicuramente

con la biografia, dal momento che la biografia offre le

occasioni per far vivere l’autonomia del linguaggio

poetico.

 

Il linguaggio poetico è infatti talmente autonomo da

giocare la sua partita all’interno dei riferimenti

biografici.

 

 

Se si perde di vista questa connessione tra l’autonomia

del linguaggio poetico, della sua autoproduzione, della

sua gemmazione e i fatti della propria vita, in definitiva

i materiali della propria esperienza, se si perde questa

relazione tra i due piani, si perde qualcosa di

fondamentale:

 

- da un lato va via il linguaggio, come se non dipendesse

da nulla, come se fosse fiorito per partenogenesi, fuori

dalla storia anche personale

 

- dall’altro si perderebbe il motivo opposto della

biografia che non è quello del fatto vissuto, ma

piuttosto di quanto con quel fatto si è riusciti a

costruire in termini di linguaggio, di esperienza del

linguaggio.

 

 

E’ importante che i due poli siano costantemente in

tensione:

 

- né la pura arte combinatoria nell’autonomia del

linguaggio poetico

 

- né il biografismo sterile e ingenuo di chi crede che per

fare poesia occorrano semplicemente dei buoni

sentimenti e non invece quell’esplorazione anche dura

che il linguaggio fa su di sé e sulle sue contraddizioni.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quarta parte

 

                                   

Immagine, suono e senso:

 

                                   

il non-detto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ciò che si può dire in poesia si può solo dire in poesia.

 

Bisogna capire allora qual è la specificità della poesia: la

sintesi tra l’immagine, il suono e il senso.

 

 

Il senso della poesia è ‘caricato’ dall’immagine, dal

ritmo, dal suono.

 

L’immagine, il ritmo e il suono incidono in qualche modo

sul senso.

 

 

È la cosiddetta connotazione o polisemicità…

 

È questo complicarsi del senso tramite l’agire combinato

dell’immagine, del suono, del ritmo…

 

 

Ma perché?

 

Perché la denotazione punterebbe solo sul significato

tendenzialmente univoco e la connotazione invece

offrirebbe questa ricchezza inesauribile, che è poi la

ricchezza della poesia che può essere letta tantissime

volte senza esaurirsi e senza stancare?

 

 

Perché?

 

Perché probabilmente quell’immagine, quel suono,

costituiscono il non-detto della poesia.

 

 

Il non-detto è qui il serbatoio implicito della memoria

corporale dell’ascoltatore e del lettore, che entra in

risonanza con la memoria corporale dell’autore che

compone e produce…

 

Questa memoria corporale è fatta di immagine, di ritmo,

di risonanze provocate dalla combinazione

dell’immagine, del suono e del senso.

 

 

È questa la forza della poesia, la sua differenza da ogni

altro tipo di testo.

 

Ciò che si può dire in poesia si può solo dire in poesia,

perché soltanto in poesia l’immagine e il suono giocano

questa partita vincente con il senso.

 

 

E forse sono proprio queste la specificità e la forza del

discorso poetico.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quinta parte

 

                                   

Il ritmo del respiro

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Si ritiene carattere distintivo della poesia il ‘tornare a

capo’.

 

Questo non vuol dire che tutte le volte che un testo torni

a capo sia un testo poetico.

 

 

È chiaro che non basta interrompere la linearità della

scrittura perché ci di sia l’intensità del testo poetico…

 

Perché ciò che caratterizza questa interruzione, questo

tornare a capo, è l’esaurirsi di un respiro.

 

 

Il verso è legato al respiro.

 

Un pensiero che si lega al corpo si lega al respiro.

 

 

Ciò che accade nei versi è l’andamento ritmico di questo

pensiero.

 

Il pensiero, invece di procedere in maniera caotica e

casuale, si organizza secondo un ritmo, secondo una

certa temporalità.

 

 

E questo radicamento nel ritmo è anche una sorta di

radice lontana della poesia: non solo l’oralità ma anche

la danza.

 

Ora la metrica, nel corso dei secoli ha codificato

quest’esperienza straordinaria del senso potenziato

dall’immagine e dal suono, dal ritmo.

 

 

La metrica che noi studiamo nei manuali è a posteriori la

codificazione di questi processi ma poi diventa anche un

a priori, un precetto.

 

La metrica dal punto di vista del precetto conta molto di

meno rispetto alla codificazione di un’esperienza

compiuta in maniera originale e originaria.

 

 

Di conseguenza non basta fare un sonetto metricamente

riconoscibile come sonetto, perché si tratti di una

poesia: potrebbe trattarsi benissimo di un fallimento

estetico totale.

 

E questo perché la poesia non consiste nella

codificazione del suo ritmo, ma in quella straordinaria

sintesi - come si è detto - di immagine, suono e senso.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sesta parte

 

                                   

Poesia e prosa

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

È quasi un tormentone, almeno dalla fine dell’Ottocento

e per tutto il Novecento, questo della relazione tra la

prosa e la poesia, a partire dai “Poemetti in prosa” di

Baudelaire, alle speculazioni dei Vociani, ai tentativi dei

Vociani.

 

Quello della prosa era uno spazio inedito per una

versificazione costretta e codificata come quella

ottocentesca, soprattutto l’apertura verso la distensione

della prosa…

 

 

Ma cos’è che distingue la prosa dalla poesia?

 

Dovrebbe semplicemente essere l’insistenza micro-

linguistica che talvolta nella prosa c’è a dichiararlo:

quando la prosa insiste sul livello dell’unità minimale,

quindi micro-lingustico, la percezione che si ha è che

non si tratti più di prosa ma di poesia.

 

 

Perché?

 

Perché intervengono gli elementi tradizionali della

poesia e cioè l’incidenza del ritmo e del suono

sull’immagine e quindi sul senso.

 

 

Ma ‘prosa’ è un concetto molto più vasto di quello di

‘narrativa’, così come quello di poesia è un concetto

molto più vasto rispetto a quello di codificazione

metrica…

 

Di conseguenza non ci sarebbe da speculare molto,

oltre, ormai nel Duemila su queste cose…

 

 

Da riflettere invece è sull’incidenza che la rete e il suo

flusso di informazioni hanno sulla percezione delle

diverse testualità.

 

Oggi non si ha più la percezione unica del testo legato al

libro, legato ad un inizio e ad una fine, che è poi la

definizione di testo come qualcosa che inizia e finisce (le

pagine del libro)…

 

 

Il libro supporta un flusso immobile, per così dire, di

linguaggio che si può percorrere dall’inizio alla fine, ma

anche fermarsi e tornare indietro.

 

A ciò si contrappone la percezione della rete come un

flusso continuo, che si può leggere in maniera quasi

casuale: il montaggio lo fa direttamente chi naviga.

 

 

Tutto questo sottrae autorità alla testualità intesa come

definizione autoriale iniziale.

 

Il passaggio alla percezione della prosa e della poesia

sicuramente viene investito da questa trasformazione

della percezione.

 

 

La testualità è talmente indebolita una volta che viene

sganciata dal supporto del libro che può assumere

forme disparate…

 

Si pensi ad esempio alla testualità che passa attraverso

i messaggini o SMS… su cui qualcuno ha fatto degli

esperimenti poetici…

 

 

I risultati poi ovviamente non dipendono dagli

esperimenti, ma dal senso dell’operazione, in fondo dal

fatto che ci sia qualcosa da dire…

 

Resta sempre il problema della necessità di configurare

un senso attraverso l’esplorazione formale, se questo

non c’è l’operazione è praticamente nulla, sia in un

ambito di testualità tradizionale, sia in un ambito di

testualità ‘liquida’, come si direbbe oggi, in cui ci si

trova a vivere e a navigare…

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Settima parte

 

                                   

Complessità della poesia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La complessità della poesia, la complessità del senso

della poesia, spesso dà la sensazione che ci si trovi di

fronte ad un mistero… come se la poesia indicasse

qualcosa di vicino al mistero.

 

Bisogna però chiedersi cos’è questo mistero…

 

 

Spesso si tratta di un’incongruenza logica nell’associare

le parole tra di loro.

 

Quest’incongruenza logica può dar vita a dei suggestivi

momenti di ‘mistero’, che però, a ben guardare e a bene

analizzare, non lasciano trasparire un senso particolare

al di là di questa suggestione.

 

 

È ciò che può accadere, ad esempio, in alcuni testi di

matrice simbolista o surrealista, dove l’incongruenza

logica sembra avere di per sé importanza, come se il

testo poetico proprio esibendo un’incongruenza nella

successione delle parole producesse un sapere quasi

oracolare, un sapere in più rispetto al sapere ordinario.

 

Viceversa il senso di mistero può scaturire

dall’accostamento di esperienze di diversa natura

operato dal testo poetico.

 

 

In questo caso si crea, si genera un senso di mistero,

ma questo ‘mistero’ non è dato da un’incongruenza

logica, ma dall’obiettiva tensione che si viene a creare

quando si collegano avvenimenti, temi, esperienze e

concetti di diversa natura.

 

Quest’incontro imprevisto tra dimensioni così diverse

sicuramente genera della suggestione, ma nello stesso

tempo accende degli interrogativi.

 

 

Questo può accadere, ad esempio, nella tradizione della

poesia di pensiero di matrice inglese: penso a John

Donne e in generale a tutte le volte che la poesia tende

a riorganizzare il senso dell’esperienza in modo inedito

provocando in noi un senso di affascinante mistero.

 

Penso anche a Lucrezio, ovviamente: anche il tema

scientifico della descrizione della natura può generare

effetti di grandissima poesia, proprio grazie alla

capacità della poesia di associare temi e situazioni

lontane.

 

 

Ma è soprattutto in epoca moderna, nella tradizione

della critica letteraria che lega Benjamin a Luperini,

tradizione della critica letteraria che ha approfondito il

tema dell’allegoria, soprattutto all’interno di questa

tradizione critica che si è sottolineata questa capacità

da parte della poesia di costellare un senso avvicinando

situazioni della realtà diverse.
 


E ciò in maniera molto diversa dalla tradizione poetica

simbolista, che cerca invece nel gioco delle parole la

produzione della suggestione e del mistero.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ottava parte

 

                                   

Simbolismo e allegorismo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Si potrebbe dire che la persistenza della poesia

simbolista, nata nella seconda metà dell’Ottocento, ma

poi protrattasi per tutto il Novecento in varie forme e

per successivi aggiornamenti, debba addebitarsi

(secondo l’indicazione di Foucault) ad una sorta di

rimozione che la rivoluzione scientifica seicentesca e, in

generale, lo spirito cartesiano avrebbero prodotto sullo

spirito europeo.

 

Il rimosso sarebbe tornato a galla grazie alla poesia

simbolista che, in una sorta di felice delirio, avrebbe

dato voce a ciò che era stato cancellato dal rigore

geometrico di una ragione troppo spesso piegata a

finalità tecnologiche o utilitaristiche.

 

 

Ma detto questo, il simbolismo finisce con l’essere in un

certo senso complice proprio di quella realtà da cui

vorrebbe emanciparsi con il suo anarchismo verbale…

 

Al contrario, si potrebbe dire, la poesia allegorica non ha

rifiutato la ragione come punto di riferimento,

intendendo, si badi bene, per ragione un complesso di

differenti modelli di ragione.

 

 

Esiste infatti un modello di ragione che permette una

visione poetica del mondo che sia al tempo stesso

conoscitiva.

 

Si tratta di quell’approccio che la tradizione critica da

Benjamin a Luperini ha definito allegorico e che

individua nel frammento, nel lacerto, nello scorcio,

l’allegoria, appunto, di realtà più vaste.

 

 

Questo tipo di poesia, pur essendo aderente alla realtà

degli oggetti e delle cose comuni e collettive, riesce a

far presente a chi ascolta contesti molto più vasti.

 

Ecco perché i Fiori del male di Baudelaire, ad esempio,

mostrano nel loro impianto allegorico qualcosa di

commensurabile e di comune a tradizioni anche molto

lontane, perfino regionali.

 

 

È così che si possono chiamare in causa anche poeti

dialettali come Vincenzo Russo e Salvatore di Giacomo

che, in ambito regionale, riproducevano l’opposizione

tra allegorismo e simbolismo, sempre sul finire

dell’Ottocento e all’inizio del nuovo secolo.
 


Questa tradizione allegorica, che inventa sempre nuove

forme di realismo, la ritroviamo ne La ragazza Carla di

Pagliarani, che si muove tra cose estremamente

concrete…

 

 

Eppure queste cose estremamente concrete alludono

ad un intero universo, quello capitalista degli Anni ’60,

universo in cui si sperimentavano forme nuove di

alienazione, mai vissute prima in Italia, prima del boom

economico.

 

E tutto questo viene significato a partire da riferimenti

estremamente precisi.

 

 

Si potrebbe fare lo stesso discorso per le immagini e per

le situazioni descritte da Giancarlo Majorino o Luigi Di

Ruscio.

 

Questo tipo di realismo, maturato alla metà degli Anni

’50 ed esploso negli anni ’60, era riuscito, seguendo una

strada alternativa al simbolismo (e all’ermetismo, suo

sostanziale aggiornamento), a individuare i punti

nevralgici della contemporaneità.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nona parte

 

                                   

Stile della poesia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lo stile in poesia, come nell’arte in genere, è una sintesi

davvero sorprendente, misteriosamente efficace…

 

Ma soprattutto una sintesi viva di molti elementi, come

se la vita dell’artista, la sua storia, i suoi incontri, anche

la sua biografia intellettuale e la relazione che ha con i

materiali trovassero nello stile una loro sintesi

assolutamente nuova e imprevista per l’autore stesso.

 

 

Quando questo ‘miracolo’ si riproduce non si sa mai

prima…

 

Uno stile che abbia l’apparenza della semplicità

possibile solo ad un livello alto di maturazione.

 

 

Appare semplice, senza sforzo, addirittura, si potrebbe

dire, felice.

 

Esiste una felicità della scrittura, esiste una felicità della

pittura, esiste una felicità della composizione.

 

 

Questa felicità consiste nel fatto che lo stile non cerca

più, perché ha già trovato.

 

Lo stile è felice quando dice non la sua ricerca, non la

sua perplessità o la sua sofferenza, la sua mancanza, la

sua manchevolezza o la sua tensione…

 

 

Lo stile dice quando finalmente può lasciare alle spalle

ciò che ha preceduto il suo assetto maturo e finalmente

si rilassa.

 

A questo punto l’autore utilizza questo stile per dire le

cose.

 

 

Certo le cose non saranno le ‘solite cose’, saranno le

cose attraversate da questo stile, ma non c’è forma

riuscita che non abbia questa naturalezza seconda, una

naturalezza ottenuta dopo aver attraversato tutti gli

artifici di questo mondo…

 

Non a caso è proprio della classicità questa capacità di

dipingere con pochi tratti equilibrati una situazione e

appare sempre classica questa facilità, questa felicità

della scrittura.

 

 

È sicuramente un mito romantico questo della classicità,

ma qualcosa d’importante c’è nell’aver acquisito questa

dote.

 

Il pensiero insomma non può più di tanto esibire la sua

ricerca e il suo sforzo: ad un certo punto deve mostrare

ciò che può fare…

 

 

Lo stile una volta che viene fuori in questo modo è

sempre una decisione inconsapevole in fondo, ma una

decisione sintetica di tutti questi elementi che lo hanno

preceduto.

 

Può essere uno stile che decora la realtà invece che

demistificarla, ma comunque porta sempre con sé una

connotazione etica.

 

 

Lo stile diventa etico quando chiama in causa - in

qualche modo lo fa sempre, comunque, anche senza

volerlo - il mondo a lui contemporaneo.

 

È importante stabilire il segno di questa relazione, se è

un segno apologetico o se è un segno di contestazione o

contraddizione…

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Decima e ultima parte

 

                                   

Piacere e conoscenza

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

C’è un nesso tra piacere e conoscenza nella poesia.

 

Questo nesso era stato individuato nella “Poetica” di

Aristotele a proposito della tragedia…

 

 

In quel caso vi era un contenuto che andava offerto in

termini di piacere, provocando le passioni che

avrebbero condotto alla purificazione, alla catarsi.

 

Questo piacere è stato spesso interpretato come la

funzione della retorica, che era quella di ornare e

abbellire un contenuto di conoscenza preesistente.

 

 

La poesia moderna crea un nuovo nesso tra piacere e

conoscenza, perché non c’è più un contenuto

preesistente che deve essere offerto in modo piacevole,

in quanto il linguaggio con la sua autonomia, con

l’autonomia del significante, produce una sorta di

piacere che è insieme anche conoscenza.

 

Probabilmente questa radice di piacere che nella poesia

moderna si esprime è l’attività dell’inconscio, che può

godere di sé attraverso i significanti, attraverso il

linguaggio.

 

 

Se usciamo da questa prospettiva, che è appunto la

prospettiva della poesia moderna e ci affacciamo ad una

possibilità per l’esistenza contemporanea, la situazione

sembra essere diversa.

 

L’inconscio sembra ormai come svuotato, del tutto

estroflesso: di questo se ne erano accorti i Surrealisti

che ne avevano fatto una poetica già negli Anni ‘20.

 

 

Ma ormai l’inconscio sembra essersi estroflesso come

paesaggio, attraverso la pubblicità, attraverso la

comunicazione sociale, attraverso i massmedia in

genere.

 

Sembra di viaggiare in un mondo onirico già

passeggiando per strada.

 

 

Per non parlare del mondo pulsionale che viene

continuamente rappresentato come un flusso

inarrestabile di immagini e di parole…

 

È l’erotizzazione della pubblicità e del paesaggio, che

non vuol dire ovviamente che vi siano corrispondenti

vissuti:  anzi, sembra una sorta di deserto associarsi a

questa fioritura puramente apparente del desiderio…

 

 

Oggi, nella contemporaneità, potremmo pensare ad un

rapporto tra piacere e conoscenza per la poesia in altro

modo.

 

La conoscenza si costituisce attraverso il linguaggio.

 

 

Ma non attraverso il linguaggio in quanto autonomo, nel

senso di sganciato da qualsiasi riferimento che non sia

appunto inconscio, ma un linguaggio da intendersi come

agganciato alla percezione.
 


Immagino una conoscenza che dia piacere perché è essa

stessa piacere.

 

 

In un certo senso la precisione della percezione dà

piacere, la concentrazione della percezione dà piacere.

 

Se questa percezione riuscisse ad attirare a sé la

retorica e a modellarla sulla sua struttura, sul suo

impulso, se insomma l’autonomia del linguaggio fosse

comunque connessa ad un processo conoscitivo,

probabilmente questa connessione tra conoscenza e

piacere avrebbe una nuova configurazione.

 

 

La poesia può presentare nel contemporaneo

un’esperienza in cui ciò che conosci è esattamente il

modo in cui lo dici.

 

Non c’è più un dire che sia ornamento di una

conoscenza precostituita (retorica classica) e non c’è

neanche un dire che presuma di essere esso stesso

conoscenza (poesia moderna), ma c’è un conoscere che

appunto coincide con il modo di dire.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Biagio Cepollaro

 

Poeta e artista visivo, teorico del 'postmoderno critico', Napoletano

trapiantato a Milano, dove insegna Storia e filosofia al Liceo Virgilio.

 

Primi Anni '90 cofondatore della rivista di sperimentazione letteraria

Baldus e tra i promotori del Gruppo 93 di avanguardia letteraria.

 

Dal 2004 online con Poesia italiana E-book, ripubblicazione di poesia e

prosa degli Anni '70-'90 nonché di inediti, responsabile delle riviste

"Poesia da fare" e "Per una critica futura".