"Nostro figlio" Alan - bambino di appena 3 anni, profugo, siriano -

annegato davanti agli occhi di suo padre e del mondo insieme alla mamma

e al fratellino, sulle coste turche, in un'alba di speranza del mese di s

ettembre Anno Domini 2015, poi dal mare dolcemente adagiato a dormire

su una spiaggia di conchiglie tutta per lui, restituito ai suoi sogni negati da

un elemento della natura sì a volte "crudele", ma evidentemente sempre

più "compassionevole" di noi...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il naufragio culturale

 

                                   

dell'Europa

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Piccoli resti

 

                                   

di umanità 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Di seguito il toccante necrologio dedicato da

un'anonimo lettore australiano ad Alan Kurdi sul

Sydney Morning Herald:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

   

“KURDI,

ALAN

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

non meritavi di annegare nel

freddo dell'acqua e nel gelo della

nostra umana indifferenza.

 

 

Non eri un “Migrante”.

Non eri un “Profugo”.

 

Ma semplicemente un bambino di

appena 3 anni che avrebbe voluto

giocare in serenità, lontano dalle

insidie della violenza e della

guerra.

 

In Cielo, continueranno a

prendersi cura di te coloro che ti

hanno amato, che ti hanno

baciato e che hanno per questo

scelto di rischiare tutto nella

speranza di farti raggiungere

spiagge di salvezza. 

 

 

Riposa In Pace Alan Kurdi.

 

E possa Dio perdonarci per averti

abbandonato.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

“Oh sublime bellezza

 

                                   

del creato!”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

La mattina di Ferragosto, mi

sveglio colpito dal silenzio di un

giorno di festa.

 

Tutto è fermo, l'Italia intera è

ferma, e si prepara a vivere una

giornata di riposo con la mente

sgombra e leggera.

 

 

Mi sdraio in terrazza a leggere la

fine del romanzo di Capuana, ‘Il

marchese di Roccaverdina’.

 

La storia è appassionante, un

gran melodrammone, che si

snoda come un romanzo rosa, a

dispetto del ‘verismo’ teorizzato

a piene mani dall'amico fraterno

di Giovanni Verga.

 

 

Il caldo è clemente, almeno dalle

mie parte, e nel cielo sopra le

montagne si vanno ammassando

nuvole nere che minacciano un

temporale.

 

Ma la Sicilia si sa, come diceva

Sciascia, è un continente, e il sole

deve splendere in tutta la sua

pienezza, se tanta gente ha fatto

tanta strada per godersi il mare.

 

 

Sono giunto nel punto più

intenso del romanzo, quello in cui

Capuana descrive la pazzia del

marchese, quando mi arriva un

SMS.

 

Me lo ha inviato Linda (che è una

mia carissima amica, oltre ad

occuparsi della produzione dei

miei film).

 

 

‘Non ci puoi credere!

 

C'è uno sbarco sulla nostra

spiaggia!

 

Piango!!!’

 

 

Portopalo, nella Provincia di

Siracusa.

 

La spiaggia è quella di Morghella.

 

Mi metto in macchina e vado fino

a lì, il lembo di terra più a sud

d'Europa, il parallelo più a sud di

Tunisi.

 

 

Lo spettacolo che si presenta ai

miei occhi è di una struggente

tristezza, è di una evocativa

bellezza.

 

Mi fa pensare alle parole del

grande Totò, marionetta gettata

in una discarica, sul finire di uno

dei più bei film di Pasolini: ‘Oh

sublime bellezza del creato!’.

 

 

A un centinaio di metri dalla

spiaggia, galleggia immobile nel

riverbero del sole sulle onde, un

barcone.

 

In realtà è un peschereccio,

simile a quello dei nostri

pescatori, solo più largo e tondo,

con le scritte in arabo sulle

pareti, i disegni di rose e fiori, e a

prua l'occhio di Maometto, come

una benedizione.

 

 

Sopra il peschereccio, sfidando

ogni legge della fisica, sono

ammassati più di un centinaio di

uomini, donne e bambini.

 

Hanno la pelle scura, dicono di

venire dalla Siria e fuggono

dall'inferno della guerra.

 

 

La maggior parte di loro non sa

nuotare.

 

Agitano le braccia per chiedere

aiuto.

 

 

I bagnanti sono tutti raccolti

sulla banchigia, i piedi a mollo e

le mani sugli occhi per pararsi dal

sole e poter vedere meglio.

 

C'è un silenzio irreale in quel

lembo di mondo, carico d'attesa e

di paura.

 

 

Poi anche il tempo si rabbuia, va

via il sole e si leva il vento da

ponente che agita il mare e fa

alzare le onde.

 

Il barcone ondeggia e si arena

con la prua in su.

 

 

Uno dei migranti cade (o si butta)

in mare e agita le braccia tra le

onde che sembrano volerselo

inghiottire.

 

Nessuno sulla banchigia dice una

parola o fa un gesto, e ‘la sublime

bellezza del creato’ che è

depositata nel fondo ogni cuore,

si fa largo nella mente degli

uomini e delle donne in costume

da bagno che stanno a guardare

come ipnotizzati, e li fa muovere.

 

 

Prima un vecchio, poi una

ragazza, poi un'altra ragazza, poi

un giovane, un padre posa sulla

sabbia il figlioletto che tiene in

braccio e s'avvia anche lui.

 

È un attimo.

 

 

Tutto avviene in silenzio, senza

enfasi.

 

Si forma una catena umana che

dalla spiaggia arriva fino al

barcone.

 

 

I giovani, i vecchi, i padri e le

madri di famiglia, si passano di

mano in mano le povere creature,

larve di bimbi che non hanno

neanche la forza di piangere, e

come fagotti vengono depositati

sulla sabbia.

 

Poi aiutano a scendere le loro

madri, che si precipitano a

cercare i loro figli per stringerseli

al petto.

 

 

E il miracolo si compie, senza

ardore né retorica, con gesti

semplici e naturalezza.

 

 

Non serve fare la cronaca di

quello che è successo (chi vuole

può collegarsi al sito Unità.it  e

può ‘vedere’ foto e immagini

riprese col telefonino da Linda).

 

Quello che mi preme dire è

un'altra cosa: non c'è eroismo in

tutto questo, non c'è retorica,

non c'è buonismo e non ci sono

scelte ideologiche.

 

 

C'è il cuore antico di un popolo

che si risveglia, spinto dal vento

che porta le parole di Papa

Francesco pronunciate nel

viaggio a Lampedusa, c'è

soprattutto l'esempio di

quest'uomo che viene ‘dalla fine

del mondo’ che tocca nel

profondo le coscienze di noi tutti

e ci spinge verso luoghi di cui ci

eravamo dimenticati l'esistenza.

 

 

E per finire mi si permetta di

citare un altro uomo, che viene

da ‘un altro tempo’, il nostro

Presidente Giorgio Napolitano.

 

Il suo encomio per i bagnanti

della spiaggia di Portopalo che

hanno soccorso i migranti, le sue

parole accorate e sincere, ci

riconciliano e rafforzano in noi

quella coscienza morale, quel

senso da dare alle nostre vite

troppo spesso smarrite nel

turbinio di messaggi e di

comportamenti idioti, nel

cicaleccio inconcludente a cui ci

ha ormai abituato una classe

politica povera di idee e

meschina nella difesa di interessi

e corruzioni d'ogni genere.

 

 

Personalmente non conosco il

nostro Presidente, ma ho

conosciuto bene Pio la Torre, che

era un suo amico carissimo, e

questo mi basta per farmi ben

sperare nel futuro.

 

 

Pasquale Scimeca, regista

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una famiglia di emigranti italiani verso l'America un secolo fa, ancora altri

"sporchi, ladri, stupratori" agli occhi degli Americani dell'epoca.

 

Farebbe bene ai tanti che vogliono chiudere i porti in faccia ai migranti di

oggi studiare la nostra storia, recuperare questa memoria perduta, tutti

quelli che non sanno, tutti quelli che fingono di non sapere, tutti quelli che

troppo facilmente dimenticano chi siamo e da dove veniamo, per ritrovare

il proprio senso di umanità nel soccorso e nell'ospitalità.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il sogno

 

                                   

The dream

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per chi non lo sapesse o per chi mai l'avesse

dimenticato...

 

Il “sogno europeo” degli Africani e degli Asiatici di oggi

è stato il “sogno americano” degli Italiani di ieri.

 

Siamo noi stessi infatti un popolo di emigranti,

noi più di tutte le altre Nazioni Europee.

 

 

Specialmente a partire dagli ultimi due secoli l'Italia

vive scottante sulla propria pelle il fenomeno

dell'“emigrazione” e a cominciare proprio dal “Nord” -

soprattutto Piemonte, Veneto e Friuli, che inizialmente

ne costituiscono il 50% - poi, dopo il 1880, anche il

“Sud” - con 3 milioni solo da Calabria, Campania, Puglia

e Sicilia - e il resto d'Italia, interessando in totale

l'equivalente dell'intera popolazione italiana censita

all'unificazione d'Italia - 23 milioni!

 

I nostri si trasferiranno continuamente in cerca di

“fortuna” praticamente in quasi tutti gli Stati

Occidentali e nel Nord Africa, ma il grande “esodo”

italiano avviene:

 

- in una prima lunga ondata tra la fine del XIX sec e gli

Anni Trenta del XX sec con preponderante flusso verso

le Americhe (in America del Sud verso Argentina e

Brasile, in Nord America verso gli Stati Uniti

d'America)

 

- seguita nel Secondo Dopoguerra a partire dagli Anni

Cinquanta da una nuova ondata di emigrazione in

Europa (Belgio, Francia, Germania e Svizzera) e verso

l'Australia, ancora più lunga e non ancora terminata,

anzi...

 

Verso l'Africa raggiunge il suo picco con la creazione da

parte del Regime Fascista delle Colonie di Libia ed

Eritrea, ma consistente anche verso Egitto, Tunisia,

Marocco e, da ultimo, Unione Sudafricana.

 

 

“The Dream” dei nostri connazionali - nudo e crudo -

anche quello spesso finito in sogni infranti da

“sfruttamento” e rinnovata “povertà”!

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Il sogno americano

 

                                   

degli Italiani

 

                                   

 

                                   

The American Dream

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La New York Italiana di inizio Novecento in una strada di Little Italy,

"Piccola Italia", nella parte meridionale di Manhattan, il più famoso dei

"ghetti" italiani negli Stati Uniti d'America, sotto vista dai cortili - c'è molto

Sud e molta Napoli in questo marasma di bucati di famiglie evidentemente

numerose

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dopo le malsopportate pene di una lunga traversata oceanica, finalmente

lo sbarco in America - per molti solo l'inizio di un nuovo calvario...: la

registrazione anagrafica, con regolari storpiamenti di nomi e cognomi,

quindi, sotto, l'obbligatorio anche se superficiale controllo medico-

sanitario a Ellis Island, un po' come alla fiera del bestiame, prima di essere

lasciati entrare nel nuovo Paese  

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Da ora tocca reinventarsi una vita - e torna utile l'arte di arrangiarsi con

quel poco che si ha, quel poco che si sa fare e quel poco - ancora meno -

che viene concesso di fare, magari cercando di sfruttare la nostalgia per la

propria terra e gli affetti lasciati che mangia chi più chi meno tutti da

dentro, andando a ricreare un'atmosfera amica "di casa" con una vecchia

pianola a rullo, sotto, o un aorganetto da strada - rischiando così di

diventare agli occhi degli altri (ironicamente qui chi da tanto chi da poco

anche loro tutti immigrati!) dei "pittoreschi piagnoni" e di finire come

curiosità folkloristica su una cartolina per turisti... 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Poi c'è il lavoro duro e monotono nelle fabbriche, specialmente quello

schiavizzante e sottoretribuito delle donne e il loro organizzarsi nel

privato, dandosi reciproco sostegno per far sopravvivere le famiglie, sotto

- nasce da questo fenomeno infame, mai ad oggi debellato, tra l'altro la

"festa" dell'8 marzo!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

E c'è lo sfruttamento selvaggio dei minori, se possibile ancora più abietto

(che ancora oggi ne coinvolge nel mondo oltre 150 milioni!), bambini, cui

si toglie il diritto al gioco, alla scuola e quel poco di spensieratezza proprio

della loro età, per metterli come piccoli animali da soma a sfinirsi ed

ammalarsi per quattro soldi in ambienti malsani e pericolosi dall'alba al

 

tramonto o ridurli fino ad espedienti estremi di pura sopravvivenza, come

le tre spaesate e sporche contadinelle sotto - oltre un secolo prima

nostrane proto-"vuo'cumprà" - cercando di vendere tipiche ceste fatte con

le proprie mani, nel cuore di New York a frettolose dame "benestanti" fino

a sera...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Così, in un susseguirsi di mai perse speranze per lo più soffocate da una

assillante quotidianità senza sbocco, le nuove generazioni di migrati si

adattano all'in fondo "meno peggio" - proprio loro, che nell'immaginario

collettivo degli ancora più poveri, decimati e affamati parenti, amici e

conoscenti rimasti nei rispettivi paesini d'origine, per generazioni a venire

rimarranno comunque i "nuovi ricchi d'America"!

 

Certo, alla fine, uno su milioni ce la fa, sotto, e diventa l'icona del sogno

ancora "a portata di mano", quello che con tanti sacrifici e un po' di

fortuna può sempre avverarsi, da un momento all'altro - anche se

incomparabilmente spesso mai...

 

Ma non tutti accettano la delusione e la sconfitta, c'è chi nonostante tutto

vuole provarci "a modo suo" (se non in un modo nell'altro!), magari

prendendo le solite scorciatoie e finendo spesso male.

 

Si viene così a creare la finora inedita, molto più universale icona

dell'Italiano "mafioso", un marchio pregiudiziale che ancora oggi continua

a perseguitarci ovunque nel mondo, spesso tollerato perché buttato lì con

levigati toni "scherzosi", malcamuffato in battute pur sempre di dubbio

gusto ("Oh, you are Italian: spagedi, mandulin, maffia - capesce? Ah, ah,

ah..." - beh, dopo un secolo ormai un monotono mantra tipo rituale

mungitura di palle!)

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un sogno che non muore mai

(ma per cui spesso si muore!)

 

                                   

 

                                   

Da noi - a parte il Ventennio Fascista - non stiamo 

parlando di chi “fugga” per la vita da guerre e

persecuzioni: quelli si chiamano “rifugiati”, umanitari o

politici!

 

Perché il diritto di “asilo”, dal Greco antico άσυλον, fa

parte della nostra cultura fin dall'antichità come

“consuetudine di ospitalità”, già praticato da Egiziani,

Greci, Romani ed Ebrei, poi tradizione occidentale come

diritto umano di protezione e immunità (nella Roma

antica “Asylum la depressione tra Arx e Capitolium

legata alla leggenda di Romolo, per cui a chiunque lo

avesse raggiunto la nuova città avrebbe “garantito”

accoglienza e protezione, cioè dato “asilo”, un diritto

esteso addirittura agli schiavi!).

 

 

La “Convenzione Europea per la Salvaguardia dei Diritti

dell'Uomo e delle Libertà Fondamentali” - CEDU - è stata

firmata a Roma il 4 novembre 1950 ed è entrata in

vigore il 3 settembre 1953, il “Diritto d'Asilo nell'Unione

Europea” si rifà al “Regolamento Dublino II”

(Regolamento CE n. 343/2003), a sostituire la

precedente del 1990, la “Normativa ONU” consiste poi

nell'Articolo 14 della “Dichiarazione Universale dei

Diritti dell'Uomo”.

 

No, stiamo parlando di emigrazione... “volontaria”!

 

 

Comunque anche la grande emigrazione “estera”

italiana ha sempre come cause la stessa diffusa

“povertà” di intere macroaree, la stessa acuta

mancanza di “lavoro”, la tanta voglia di “riscatto” da

parte di chi sia stato troppo a lungo ignorato, umiliato o

emarginato in Patria, la stessa speranza di un futuro

“migliore” per i propri figli.

 

Per non parlare dell'altro “scandaloso” fenomeno

dell'emigrazione cosiddetta “interna” già dalla seconda

metà dell'Ottocento e primi del Novecento (soprattutto

dagli “irredenti” Trentino-Alto Adige e Venezia Giulia),

poi durante il Secondo Dopoguerra, Anni Cinquanta e

Sessanta, quella dalle “campagne” alle “città” e quella

altrettanto epocale dal “Sud” al “Nord”, verso le città

industriali.

 

 

Solo in Stati Uniti d'America, Brasile e Argentina vivono

attualmente circa 80 milioni di oriundi italiani, molti di

più degli Italiani in Italia (nel piccolo Uruguay

addirittura ben oltre il 40% della popolazione è di

discendenza italiana).

 

Per non finire a riparlare di quella mezza “Nord” Italia

che è e rimane notoriamente “terrona”!...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una volta i corpi allineati a terra dei migranti annegati erano anche di

Italiani, come nel 1906 al naufragio del piroscafo "Sirio" che, salpato da

Genova il 2 agosto per il Brasile, Uruguay e Argentina, solo due giorni

dopo, navigando a tutta forza di fronte a del Capo Palos a Cartagena, sulla

costa mediterranea della Spagna, si incaglia, sbalzando violentemente con

la prua e inabissandosi a poppa: nel panico generale saranno oltre 500 le

vittime.

 

Oggi decine di migliaia di nuovi migranti muoiono ancora tentando di

raggiungere clandestinamente l'Unione Europea, soprattutto vittime di

naufragi nell'intero Mediterraneo, da Est ad Ovest: nel drammatico 3

ottobre 2013, al largo di Lampedusa, perdono la vita 368 delle circa 500

persone stipate su quel maledetto barcone, molte delle quali, come

racconteranno i testimoni, bambini vestiti a festa, la festa per una nuova

vita, lontano da guerre, persecuzioni, fame e povertà...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Nella speranza

di una qualche spontanea e salutare

    riflessione...

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Siamo tutti

 

                                   

“migranti”!

 

                                   

V

                                   

V

                                   

Affrontare ad occhi aperti il tema della migrazione non è

facile, ci “sconvolge”, ci “spaventa”, meglio restare nei

luoghi “comuni”, nella paura “irrazionale” e nel “pre-

giudizio”:

 

“Rimandiamoli tutti a casa loro!”

 

 

La verità è che - in un modo o nell'altro - siamo tutti

“migranti” e che epici “spostamenti” per terra e per

mare “caratterizzano” la storia umana per centinaia di

millenni e lo faranno millenni a venire... sempre che

“sopravviveremo” a tutto il male che siamo facendo a

noi stessi e al nostro ambiente.

 

Da intere popolazioni, trasmigrazioni “di massa” su

lunghissime rotte, fino a trasferimenti “territoriali”,

abitanti di “piccole” realtà locali o addirittura “singoli”

nuclei familiari.

 

 

È fenomeno di sempre, l'Homo Sapiens dall'Africa

Centrale verso il resto del Continente e del Pianeta, i

grandi flussi “preistorici” da Oriente fino all'Oceano

Atlantico e ritorno, poi, in tempi “storici”, migrazioni

“bibliche”, invasioni “barbariche”, all'interno

dell'Europa, verso le Americhe e l'Australia, in cerca di

“libertà”, di “lavoro”, di asilo “politico” o protezione

“umana”, fuggendo da “povertà”, “fame”, calamità

“naturali”, “guerre”, contrapposizioni “etniche”,

persecuzioni “religiose”...

 

Migrazioni a volte con conseguenze “disastrose” e

“drammatiche” nei Paesi di destinazione, come nel caso

dell'emigrazione per lo più “europea” verso le

“Americhe”, che vi cancella più del 90% delle

popolazioni “indigene”, o verso l'“Australia”, dove gli

“Aborigeni” rimangono vittime di altro “genocidio”,

verso la “Palestina”, con Ebrei “di ritorno a casa”

destinano a “profughi” tre quarti della popolazione

“palestinese”.

 

 

Oggi, nella maggior parte dei casi, l'“immigrazione” non

ha tali conseguenze “distruttive” sui Paesi che

“accolgono”, al contrario a rischio sono gli “immigrati”,

“vittime” di violenza “razzista” ed “abusi” di ogni tipo,

nonostante venga loro riconosciuto lo status di rifugiato

“politico” o dato un permesso “umanitario”, perché

“perseguitati” nel loro Paese d'origine, o, residenti da

lungo tempo, facciano parte di una “minoranza”.

 

Anche se l'ignoranza alla base del razzismo non glielo

riconosce, l'immigrazione è di fatto una grande

“ricchezza” e gli “immigrati” portano al nuovo Paese

contributi tanto quantitativo-“economici” quanto

qualitativo-“culturali”, molti di loro integrandovi ed

sviluppandovi le proprie “competenze”, fino a diventare

figure di spicco in “politica”, negli “sport” e nelle “arti”.

 

 

Molti Paesi pongono però “restrizioni” all'afflusso di

“immigrati”, a meno che non siano “ricchi”, riservando

calda accoglienza ad uomini “d'affari” stranieri in cerca

di opportunità di “investimento”, idem a “potenti”, che

vi possono “risiedere” liberamente, e a “capitali” e

“merci”, che vi possono “circolare” liberamente,

attribuendogli un “valore” di gran lunga superiore a

quello delle persone...

 

Solo ai “poveri” si dice no, ricacciandoli fuori dai confini,

ma fino a quando i “poveri” del mondo saranno

condannati alla “disperazione” da un sistema

internazionale controllato dai “ricchi”, i Paesi

industrializzati avranno il dovere “morale” di accogliere

tutti quelli che loro stessi hanno reso “poveri”.

 

 

Ci impressionano e preoccupano i “barconi” e i

“gommoni” che attraccano alle coste italiane stracolmi

di “extra”-comunitari che “minacceranno” i posti di

lavoro, ma sarebbe bene prima guardare allo scenario

della migrazione “interna” europea, dove sono decine e

decine di milioni i “migranti” insediati in altri Paesi

dell'Unione Europea che il proprio.

 

Anche se i numeri vengono spesso “dilatati” da politici e

fanatici per motivi puramente “ideologici”, al confronto

gli extra-comunitari “regolari” non ne sono che una

minoranza “marginale”, cosiddetti “clandestini” inclusi,

questi ultimi comunque i più economicamente

“sfruttati” soprattutto nell'agricoltura, di fatto i veri

nuovi “schiavi”.

 

 

Alle “radici” del fenomeno migratorio esistono sempre

ben “identificabili” cause, che “spingono” ad emigrare,

non certo lo spirito di “avventura” o la “scarsa” volontà

di lavorare nel proprio Paese.

 

Le odierne migrazioni non sono l'affermazione di un

“diritto” ad emigrare, piuttosto il “disperato” tentativo

di “sopravvivere” a situazioni di miseria e di rischio per

la vita, la cui “responsabilità” va ascritta proprio alla

“globalizzazione” del sistema “capitalistico” occidentale,

il modello “1-99%”, “patrimonialmente” parlando, o

l'altro modello “20%” di “privilegiati” che consumano

l'“80%” delle “risorse” disponibili, con “ricchi” che

diventano sempre più ricchi e “poveri” sempre più

poveri.

 

 

Questi “poveri” però non sono “”bestie né “”oggetti, ma

“umani”, “persone”, non raramente con tanto di titoli di

studio e curriculum, che per “drammatiche” ragioni,

“economiche” e “sociali” - “impoverimento” di grandi

aree del Terzo Mondo e crescente “disparità” di reddito

rispetto ai Paesi sviluppati - hanno necessità di

“sopravvivenza”, spesso “esasperate” da ragioni di tipo

“ecologico”, “politico” e “culturale”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La IOM - International Organization for Migration, l'Organizzazione

Internazionale per le Migrazioni, fondata nel 1951, è la principale

organizzazione intergovernativa in ambito migratorio a livello mondiale.

 

Offre sul suo sito internazionale una mappa interattiva per aiutarci a

capire i flussi migratori da e per ciascun Paese del mondo, Italia inclusa,

chiamata “Where we're from” ossia “Da dove veniamo”.

 

Vi si possono facilmente studiare i flussi migratori da e verso ciascun

Paese del mondo, secondo gli dati diffusi dalla Banca Mondiale ed elaborati

dalla IOM.

 

 

Istruzioni per l'uso:

 

1. In alto a sinistra, scegliere la direzione del flusso cliccando su:

 

IN, "A", per informazioni sui migranti da tutto il mondo verso un certo

Paese, loro destinazione

 

oppure

 

OUT, "DA", per informazioni sui migranti da un certo Paese, loro punto

di partenza, verso il resto del mondo.

 

2. Cliccare quindi sulla carta il Paese che interessa indagare, i cui confini si

evidenzieranno di giallo:

 

- in caso di immigrazione (IN), i rispettivi nuclei di migranti si

trasferiranno naturalmente dai rispettivi Paesi di origine a quello di

destinazione;

 

- in caso di emigrazione (OUT), al contrario i rispettivi nuclei di

migranti si trasferiranno dal Paese di origine verso i Paesi di

destinazione nel mondo.

 

 

Sarà possibile leggere il numero di migranti da/verso ciascun

Paese passando con il cursore o sopra i nuclei stessi (il rispettivo Paese di

provenienza si colorerà automaticamente sulla carta), o direttamente

sui rispettivi Paesi di provenienza.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Siamo tutti

 

                                   

“Africani”!

 

                                   

 

                                   

V

                                   

Da sempre attraverso il fenomeno della “migrazione” gli

esseri “viventi” si “diffondono” nell'ambiente naturale

del Pianeta, così nel caso del genere “Homo”, un

“primate” della famiglia “Hominidae”, il quale si

“espande” progressivamente sull'intera superficie

terrestre e la cui unica specie oggi vivente è l'Homo

“Sapiens”, nella sua subspecie Homo Sapiens “Sapiens”.

 

La comparsa della specie Homo Sapiens Linnaeus, 1758,

ha “documentatamente” luogo nell'Africa Orientale e la

sua “diversificazione” avviene a partire dal “Paleolitico”

Medio, circa 200 mila anni fa, più precisamente lungo la

valle del Fiume Omo in Etiopia e sicuramente 195 mila

anni fa, con una “tolleranza” di datazione di appena ± 5

mila anni.

 

 

È quindi dall'Africa che la prima grande “migrazione”

umana ha inizio almeno circa 85-65 mila anni fa, in

coincidenza con una drastica “riduzione” della

popolazione le cui “cause” sono tuttora da definire,

molto probabilmente di origine “climatica”.

 

“Parte” della specie si avvia dunque lungo una prima

rotta “migratoria”, che utilizza un “unico” cosiddetto

“corridoio” medio-orientale, da cui tre “distinti”

percorsi si differenziano rispettivamente verso

“Occidente”, “Settentrione” ed “Oriente”, i quali

porteranno nel tempo alla “colonizzazione” dell'intero

Pianeta.

 

 

Oggi da mappe chiare ed attendibili del nostro passato

collettivo sappiamo per certo che molto semplicemente

tutti noi esseri “umani” abbiamo un'origine “africana”.

 

Ogni pseudo-polemica su “evoluzione” e selezione

“naturale” non può ormai che risultare “viziosa” e

“faziosa”, quindi l'ultimo “appiglio” per chi vi si opponga

rimane piuttosto l'“accuratezza” della datazione.

 

 

Ma qualsivoglia la “tecnica” di datazione della nostra

storia comune ovvero della nostra comune “umanità”, le

eventuali “differenze” di valutazione dell'età di fossili

non possono far “negare” il processo evolutivo di

selezione naturale in sé.

 

                                   

 

                                   

L'evoluzione

di tutti gli esseri viventi,

noi “umani” inclusi

 

non richiede alcuna

spiegazione “soprannaturale”

 

né “divinità”

né miti di una “creazione”

 

 

La nostra “evoluzione”

 

rimane entro i confini

del mondo “naturale”

 

ed inizia

in un “luogo” ben preciso:

“Siamo tutti Africani!”

 

                                   

 

                                   

Siamo tutti

 

                                   

“Africani”!