Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il museo esteso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'"eco-museo" degli Anni Settanta

Cultura materiale ed immateriale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano - Panorama del Centro Storico con il Castello Orsini-Odescalchi, il Lago ed i

Monti Sabatini con Rocca Romana sullo sfondo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un inedito modo di mostrare il patrimonio naturalistico, storico e

artistico, uno spaccato di vita tradizionale e attività lavorative del

territorio, rappresentazione di una terra in tutte le sue sfumature

- ambiente, cultura, tradizioni ed usanze del luogo - con cui gli

abitanti stessi possono interagire come "fruitori attivi".

 

La risposta più immediata alla richiesta di una musealità

distribuita per la valorizzazione dei punti di forza di un territorio

attraverso il riutilizzo di edifici storici, la protezione di ambienti

naturali ed il recupero delle attività del passato altrimenti ormai in

via di estinzione, introducendo nuove attività economiche

agricole, artigianali e artistiche.

 

Si dimostrerà presto come una delle forme più innovative nella

difficile relazione tra conservazione e sviluppo, tra identità locale

e turismo, tra passato e futuro, praticamente privo di limiti, anzi

un'opportunità per (ri)scoprire e promuovere il territorio attraverso

attività che coinvolgano chi ne fruisca, come percorsi interattivi

adatti a tutte le età.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il museo "diffuso" degli Anni Novanta

Senza sede e senza pareti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Laghi di Bracciano e Martignano (in basso a sinistra) - Foto aerea

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutt'altro che quel "classico" luogo statico e asettico in cui la

cultura è letteralmente messa su un piedistallo davanti ad utenti

passivi e quasi in soggezione, le "quattro mura" della scatola

museale che esplodono aprendosi alla Comunità e al territorio,

alle proprie tradizioni e cultura, allora e così prende vita il museo

"diffuso".

 

Un museo che racconta quindi la "sua" gente ed il "suo" territorio

a "temi", valorizzandone particolari aspetti caratteristici e

distintivi, mai in conflitto con altre risorse culturali del sistema

locale, al contrario armonizzandosi con loro, contribuendo a

(ri)scoprirne ed evidenziarne potenzialità ancora non conosciute.

 

Racconterà così pezzi di storia "dimenticati", attiverà flussi

turistici in luoghi "nascosti", coinvolgendo giovani e adulti con

attività educativo-didattiche, chiamando alla partecipazione attiva

tutta la Comunità nel (ri)scoprire, riconoscere, tutelare e far

conoscere la propria memoria collettiva nel rapporto con le

risorse ambientali del territorio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il museo "esteso" di oggi

Esplosione cognitiva percettiva sociale

e tecnologica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Laghi di Bracciano e Martignano nel loro circondario - Mappa emozionale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il museo tradizionale può anche "estendersi" alla sua Comunità

locale interagendoci, "estendersi" all'intero territorio

contestualizzandovisi, "estendersi" nella cooperazione con gli

altri centri culturali lì presenti, biblioteca in primis, "estendersi" al

nuovo e sconfinato mondo digitale attraverso abbastanza

semplici strumenti.

 

Per offrire opzionali percorsi interattivi di approfondimento agli

utenti, "estendersi" ulteriormente adottando la nuova "realtà

aumentata", con l'utilizzo di codici "QR" che, tramite il proprio

telefonino, permettano di accedere a speciali contenuti digitali sul

Web, dedicati a luoghi, storia, geografia, cultura, arte, monumenti,

collezioni e reperti.

 

 

La realtà cosiddetta "aumentata", o "mediata" da elaboratore, in

un sistema di grafica interattiva offre flussi di immagini, testi e

video in presa diretta, partendo quindi da realtà già esistenti, ne

arricchisce la "limitata" percezione sensoriale grazie all’aggiunta

di informazioni e contenuti digitali non percepibili attraverso i

cinque sensi.

 

Iniziando dalla Bracciano a cavallo tra il XIX e il XX sec, il focus si

estenderà al suo circondario a partire dal XVII sec e all'Europa del

XVIII, illustrandone la quotidianità di una vita di lavoro attraverso

utensili, arnesi, attrezzi, manufatti e memorie che rievocano

mestieri tradizionali legati all'uso delle risorse naturali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Bracciano storica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Territorio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I Laghi di Bracciano e Martignano - Foto satellitare (gli Appennini a Nord-Est, Monti della

Tolfa e Mar Tirreno a Sud-Ovest, Roma a Sud-Est)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parte Sud del macro complesso vulcanico "Volsino-Cimino-

Sabatino", Vico "il" vero vulcano, 600 mila anni fa il "Sistema

Sabatino" si articola su terre pianeggianti tra i Monti della Tolfa,

quei rilievi vulcanici detti del "complesso Cerite-Manziate", ad

Ovest, e i rilievi opposti, sedimentari calcarei, ad Est, cioè il

Monte Soratte e i Monti Cornicolani.

 

Le emissioni vulcaniche "esplosive" iniziano a Morlupo e

Castelnuovo di Porto, per spostarsi poi a Sacrofano, ad Est della

dorsale Baccano-Cesano, continuando così per oltre 200 mila

anni, fino ad interamente coprire enormi areali a corona Nord di

Roma, svuotandone la camera magmatica fino a causare il crollo

tettonico del bacino di Bracciano.

 

 

Esauritosi il vulcanismo attivo 40.000 anni fa - vedi "Rocca

Romana", "Vigna di Valle", "Lago di Martignano" e "Valle di

Stracciacappa" - al sovrapporsi strato su strato di fasi geologiche

costruttive seguiranno fenomeni erosivi molto complessi che per

millenni continueranno a modellare un paesaggio, oggi di

particolarmente difficile lettura.

 

Le trasformazioni antropiche disboscheranno poi ogni zona piana

e in leggera pendenza intorno al lago, sostituendovi l'agricoltura,

e inoltre dreneranno i due bacini lacustri dell'alveo di

Stracciacappa e la Valle del Baccano, bonificando molte delle

zone stagionalmente allagate, come il "Lago Morto" e la Palude di

Trevignano.

 

 

Questo habitat porterà a sviluppare una economia agro-silvo-

pastorale durata per millenni, fino alla selvaggia urbanizzazione

del nostri giorni, con l'acqua del Lago di Bracciano già bevuta

nell'antica Roma, da cui l'acquedotto di Traiano, restaurato da

Paolo V inizi Seicento divenendo "Acqua Paola", e l'odierna crisi.

 

Integro fino al Secondo Dopoguerra, il Lago si inquina Anni

Sessanta-Settanta con gli scarichi dei tre centri urbani e delle

attività agricole, almeno fino a Anni Ottanta, quando un collettore

circumlacuale viene realizzato e un depuratore, vietando noltre sia

la navigazione a motore che l'uso di fertilizzanti e pesticidi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima presenza umana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lago di Bracciano, Località "La Marmotta"

Piroga "monossile", cioè ricavata da un unico tronco di quercia, delle dimensioni di

10,5 x 1,08 m, del VIII millennio, recuperata durante gli scavi archeologici subacquei

del villaggio preistorico, il quale, ad oggi, risulta il più antico insediamento neolitico

rivierasco dell'Europa Occidentale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La presenza sul territorio di piccoli gruppi di cacciatori-

raccoglitori è antica di almeno 300 mila anni, come testimoniato

da strumenti del Paleolitico rinvenuti sul fondo del Lago di

Martignano ed ancora del Paleolitico Superiore e Medio ed in Età

Neolitica, VI-fine IV millennio aC, vi si costruisce un villaggio in

Località "La Marmotta".

 

Nell'Età del Bronzo (III- II millennio aC) delle particolarmente

favorevoli condizioni naturali favoriranno poi l'insediamento di

numerosi villaggi palafitticoli sulle rive del lago -  a Vicarello,

Acquarella, Vigna di Valle, Bracciano - tutti oggi sommersi a causa

delle notevoli variazioni del livello delle acque a cui questo bacino

è da sempre soggetto.

 

 

Nel Periodo Etrusco il territorio sabatino subisce l'influenza

politica e culturale dei due grandi centri di Vejo, ad Est, e

Cerveteri, ad Ovest, con una necropoli a Trevignano Romano,

oggetti preziosi da tutto il Mediterraneo e carri da parata,

testimoniano la presenza di famiglie principesche che sfruttano le

risorse agricole dell'area.

 

Dalla fine del IV sec aC i Romani vi realizzano quindi importanti

vie di comunicazione, anche riutilizzandone antiche, come la Via

Clodia, terme, come le Aquae Apollinares Veterae e Novae, molte

lussuose ville "residenziali" intorno al lago ed insediamenti

agricoli produttivi o ville "rustiche", come Santo Stefano ad

Anguillara Sabazia.

 

 

Proprio lungo la Via Clodia, circa 23 miglia o 37 km a N-O di

Roma, ad occidente del Lacus Sabatinus, oggi Lago di Bracciano,

sui pendii del colle della "Macchia della Fiora", l'insediamento di

Forum Clodii, una delle stationes (sosta) o forse mansiones (sosta

e ristoro), collegata a Nord del lago anche alla Via Cassia presso

Vacanae, Baccano.

 

Sede vescovile da inizi IV sec, Diocesi "Foroclodiense", poi

insieme a quella di Manturanum, Monterano, da inizi VII sec,

nell'area rimane la chiesetta dedicata ai "Santi Marco, Marciano e

Liberato", VIII-XIX sec, una lapide di Età Augustea, che chiama il

luogo Pausilypona, ed altre iscrizioni che nominano il Foro

Clodiense.

 

 

Al collasso finale dell'Impero Romano, l'insicurezza dei territori

sotto frequenti invasioni barbariche e le alternanze politiche

provocano il totale abbandono degli insediamenti romani e la

rinascita di piccoli centri abitati spesso sotto controllo e

protezione dell'Autorità Ecclesiastica, la cui conoscenza è molto

scarsa nell'Area Sabatina.

 

Con il fenomeno cosiddetto dell'"incastellamento", cioè la

costruzione delle roccaforti di Bracciano, Trevignano Romano e

Anguillara Sabazia e loro relativi "borghi", il territorio assumerà

infine quelle le forme di limitata urbanizzazione conservate poi

fino a tempi non lontani da noi, prima cioè della criminale

"villettificazione" del paesaggio degli ultimi decenni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dal Medioevo al Settecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Castello Orsini-Odescalchi - L'imponente fortezza-residenza dei Duchi di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il primo documento storico su Bracciano è del 1234, atto

riguardante i confini dell'allora Castrum Brachiani, "luogo

fortificato", nel Medioevo anche chiamato Brachianum, Brazanum,

Brasanum o Barcenium, tutti nomi legati a "braccio", oggi sullo

stemma del Comune insieme ad una rosa, simbolo questa della

Famiglia Orsini.

 

Salvo qualche interruzione i Prefetti Di Vico ne conserveranno la

piena proprietà fino a tutto il XIV sec, quindi il territorio andrà a

passare alla famiglia Orsini, si suppone il 1 Settembre 1419, con

l’assegnazione del Vicariato di Bracciano per un triennio da parte

di Papa Martino V, possesso consolidato come feudatari della

Chiesa.

 

 

È Napoleone Orsini che nel 1470 darà inizio ai lavori di

costruzione del castello, un capolavoro di architettura militare e

civile, ampliando la precedente rocca dei Di Vico, opera

completata dopo la sua morte dal figlio Gentil Virginio, che

chiama a decorarla Antoniazzo Romano, uno dei principali pittori

romani di quel tempo.

 

Con Gentil Virginio Bracciano raggiungerà la sua massima

estensione territoriale, diventando così il più grande feudo dello

Stato Pontificio, almeno fino a che Carlo VIII Re di Francia non

scenderà in Italia, e lui, con altri a capo dell’esercito napoletano

alleato di Papa Alessandro VI, invece di fermarlo a Nord di Roma,

ve lo ospiterà.

 

 

Nel 1496, accusato il Gentil Virginio di tradimento e

scomunicatolo, il Papa muoverà guerra a Bracciano, a difenderla i

coniugi Bartolomea Orsini e Bartolomeo d’Alviano (il bastione

"della Sentinella" a modifica della cinta muraria), che non solo

resisteranno all’assedio per mesi, ma a Soriano sconfiggeranno le

truppe pontificie.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Ducatus Braccianus olim Sabatiae Regio" - Finissima incisione in rame 40,2 x 54 cm di

Jacomo Oddi, databile al 1636-1637, poi inserita da G. Blaeu nel vol. VIII dell'Atlas Major

del XVII sec, Biblioteca Apostolica Vaticana, Racc. I. S. 137 (8) (ne esiste una ristampa

dedicata da Daniele Widman a Paolo Giordano II Orsini, Duca di Bracciano, conservata

presso BNW Atlas Stosch, 49. A. 16).

 

Lo storico Campagnia descrive il Ducato come composto di “sette terre” - Anguillara,

Bracciano e Cerveteri (menzionate) più Campagnano, Formello, Monterano e

Trevignano (non menzionate) - con feudi minori e tenute di Baccano, Bardella,

Cantalupo, Castel Giuliano, Cesano, Galeria, Isola, Palo, San Gregorio, Saracinesco,

Scrofano, Vicarello, cui verranno aggiunte Ischia, Licenza, Monte Virginio, Oriolo,

Pietraforte, Rota, Scarpa, Sorbo, Stigliano, Stracciacappe e Viano, terre dei "cinque

laghi di acqua viva". 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel 1560 Paolo Giordano I Orsini, investito da Papa Pio IV "Duca

di Bracciano", sposa la figlia del Granduca di Firenze, Isabella De

Medici (matrimonio d’amore e morte "naturale" di lei!), il quale fa

costruire il primo acquedotto impiantandovi anche le prime attività

industriali - ferriere, arazzeria, tipografia, industria dello zolfo.

 

Bracciano conoscerà di conseguenza il suo primo forte sviluppo

economico (dalla produzione degli arazzi Via dell'Arazzeria), reso

possibile da una accresciuta disponibilità di acqua attraverso il

nuovo acquedotto fatto costruire 1573-1575 dal Duca, ad attingere

dalle sorgenti della Fiora, su cui la cappella Santa Maria della

Fiora, oggi riscoperta.

 

 

È grazie allo sviluppo economico che il Paese fine Cinquecento

potrà arrivare a contare circa 700 famiglie, quindi 3.000-3.500

abitanti, ma le permanenti, anzi ora aggravate, difficoltà

economiche degli Orsini alla fine li porteranno comunque a

vendere Bracciano con il rango ducale, acquisiti fine Seicento

dagli Odescalchi e tuttora mantenuti.

 

Degno di nota Virginio II Orsini, figlio di Paolo Giordano I ed

Isabella De Medici, educato alla corte medicea di Firenze, in

contatto con il Re di Francia Enrico IV, sposo di sua cugina Maria

De Medici, e la Regina Elisabetta I d’Inghilterra, il quale sposerà

Flavia Damasceni Peretti e sua moglie arriverà a dargli ben undici

figli...

 

 

Il gran numero di eredi e forti investimenti militari causeranno un

forte dissesto della situazione economica della famiglia, già

problematica - così uno dei figli di Virginio, anche lui Virginio,

entrerà nell’Ordine dei Carmelitani Scalzi donando la terra sulla

quale nel 1668 verrà costruito l’Eremo oggi appunto detto "di

Montevirginio".

 

Dopo Virginio il figlio Paolo Giordano II, colto, amante di

etteratura e musica, prenderà in sposa Isabella Appiani,

Principessa di Piombino, dai cui possedimenti il ferro lavorato

nelle ferriere, ma senza alcuni decisivi miglioramenti per

l'economia familiare, tanto è vero che nel 1696 Flavio Orsini sarà

costretto a vendere il Ducato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dall'Ottocento al nulla di oggi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano - Panorama"

L'asse di Via Principe di Napoli, già Via dei Cappuccini, vista dal Castello su su fino a

Santa Lucia (a destra il "Villino Bresciani", in prospettiva seminascosto dietro il Palazzo

Comunale, e il palazzo Paciotti), 1925

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli Odescalchi manterranno la proprietà di Bracciano fino al 1803,

poi, in difficoltà economiche, costretti a venderlo al Marchese

Torlonia, ma con un patto di "jus redimendi", cioè la possibilità di

riscattarlo, cosa che avverrà puntualmente nel 1848, grazie al

matrimonio di Livio III con la ricchissima principessa polacca

Sofia Branicka.

 

Diverrà un centro di lavorazione di prodotti agricolo-forestali,

botteghe artigiane, opifici - mulini, frantoi, cartiera, tipografie,

ferriere, centro di addestramento militare, cantieri aeronautici e

navali, importante centro studi e ricerca - prima Stazione

Meteorologica in Italia, "Centro Sperimentale Idrovolanti e

Armamenti", Idroscalo militare e Aeroscalo civile della Capitale...

poi il nulla!

 

 

Atmosfere e fascino della ormai lontana civiltà contadino-

arigianale-piccolo industiale - in un Catalogo museale e DVD con

introduzione, cenni storici commentati, ampie spiegazioni e ricca

fotoraccolta di utensili dei lavori agricoli, attrezzi artigianali,

macchine industriali, oggetti di uso casalingo, abiti tradizionali,

vedute storiche di luoghi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Museo Civico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

della Città di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano, Centro Storico - Il cosiddetto "Chiostro degli Agostiniani" nel complesso

del loro ex Convento, oggi sede del Museo Civico della Città di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Inaugurato nell'aprile 2006, il primo della triade museale

pianificata per Bracciano da Bruno Panunzi e Luciano Russo,

quale valido strumento di conoscenza e valorizzazione della Città

e del suo territorio, dei loro beni storico-culturale-artistici, dai

primi insediamenti etruschi fino al XIX secolo, luogo di memoria

identitaria collettiva.

 

Viene allestito nell'ex Convento di Santa Maria Novella, ad

affacciarsi sul cosiddetto "Chiostro degli Agostiniani", qui fino a

fine XIX secolo da quando il complesso è fondato, per volontà del

Cardinale Giordano Orsini, nel 1436, all'origine "fuori le mura",

soltanto da fine XV sec all'interno del nuovo sistema di

fortificazioni cittadine.

 

Al centro del chiostro un bellissimo pozzo ottagonale, rimasto a

unica testimonianza della costruzione originaria del convento,

decorato con lo stemma a ricordo delle nozze nel 1553 di Paolo

Giordano I Orsini con Isabella de' Medici, figlia di Cosimo I

Granduca di Toscana, l'intero edificio poi ampliato più volte fino

agli attuali volumi di prima metà XVIII sec.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Venere e Adone", opera dello scultore braccianese Cristoforo Stati,

1556-1619, anche conosciuto come "Cristofano da Bracciano", che

lavora alla decorazione scultorea della Cappella Paolina della Basilica

di Santa Maria Maggiore, oggi con opere esposte tra gli altri al MET, il

Metropolitan Museum di New York, e all'Art Institute of Chicago

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La proprietà dei reperti risulta soltanto in parte comunale

(Comune di Bracciano) ed in parte statale (Fondo Edifici di Culto),

ma in maggior parte ancora privata (Collezione Panunzi), con un

percorso espositivo articolato attraverso cinque sale organizzate

in due sezioni, la grande archeologica e la storico-artistica, con

testimonianze anche sacre.

 

La Sala A ospita "La Comunità", poi la Sezione Archeologica, in

ordine cronologico "L'Età Etrusca" nella Sala B e nella Sala C

"L'Età Romana e Paleocristiana" (Forum Clodii), a seguire la

Sezione Storico-Artistica, nella Sala D "La Committenza e gli

Artisti" (Venere e Adone, Cristoforo Stati) e da ultimo

"Testimonianze d'Arte Sacra" nella Sala E.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Museo dell'Opera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del Duomo di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bruno Panunzi"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le trecentesche Pale del Ss. Salvatore, già oggetto di un laborioso e

delicato restauro, sono un "trittico" a doppia faccia, datato 1315,

opera di Gregorio e Donato d’Arezzo, "Graegorius et Donatus de

Aretio me fecerunt  anno Domini MCCCXV".

 

Sul fronte aperto, al centro il "Salvatore del Mondo" sul trono,

affiancato da due piccoli angeli e mostrante la scritta "Ego Sum Lux

Mundi", "Io sono la luce del mondo" (Giovanni 8:12), mentre sui due

sportelli, a sinistra S. Giovanni detto "il Battista" e, a destra, S. Nicola,

Vescovo di Myra in Licia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A marzo 2011, ad un anno dalla scomparsa di Bruno Panunzi,

verrà poi inaugurato il "Museo dell’Opera del Duomo", secondo

della triade da lui così fortemente voluta, allestito negli spazi

appena restaurati della antica Sacrestia del Duomo di Bracciano,

con l'impegno determinante dell’Associazione Forum Clodii, ora

gestore responsabile.

 

Vi si conservano paramenti sacri e suppellettili liturgiche,

collezioni di reliquiari, quadri devozionali e statue processionali

con l’Archivio del Duomo, custode di documentazioni

fondamentali per la ricca storia della vita della Comunità, in

apposita sala attigua esposte due opere di alto valore artistico e

simbolico, anche queste di recente restaurate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sul retro aperto delle Pale, al centro l'"Assunta" o "Assunzione di

Maria in Cielo", con ai lati sugli sportelli a sinistra S. Lorenzo e, a

destra, S. Stefano Protomartire, cui la chiesa è dedicata, non a caso

entrambi diaconi ed martiri.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima, un doppio trittico o "Pale" del Santissimo Salvatore del

1315 a firma di Gregorio e Donato d’Arezzo, come nitida recita

l'iscrizione "Graegorius et Donatus de Aretio me fecerunt anno

Domini MCCCXV", sul cui fronte domina il Salvatore assiso in

trono, sul retro la Madonna Assunta che porge la cintola a San

Tommaso.

 

La seconda, grande pittura su tavola, raffigurante l'"Assunzione

della Vergine", già nella Chiesa di San Lorenzo in Pisciarelli, due

registri, il superiore con la Vergine e il Cristo nella gloria tra angeli

ed arcangeli, l'inferiore con gli Apostoli, attribuito a  Pedro

Fernandez da Murcia, detto lo "Pseudo Bramantino", fine XV

inizio XVI sec.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La pittura su legno dell’"Assunzione della Vergine", proveniente dalla

Chiesa di San Lorenzo nella Frazione di Pisciarelli, del pittore

ispanico-fiammingo Pedro Fernandez da Murcia,  artista girovago

nell'Italia del primo Cinquecento, detto "lo Pseudo-Bramantino"

perché in passato spesso confuso con Bartolomeo Suardi, appunto

detto "il Bramantino"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Museo Storico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dell'Aeronautica Militare Italiana