Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ringraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un grazie grande a te, Bruno

 

compagno di viaggio e di lavoro, amico, sostenitore, consigliere,

mentore, persona cara, leale, competente, entusiasta, instancabile

- vivremo questa sfida anche per te!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grazie ai tanti

 

che con noi ci hanno creduto e continuano a crederci, alle "pore

famije che c'hanno da sopporta' co' 'sto chiodo fisso!", e a chi coi

fatti, o magari pure solo a parole, ci sta aiutando a realizzarlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grazie a tutti

 

coloro che ci hanno voluto dimostrare grande fiducia, o

donandoci o affidandoci oggetti personali e i ricordi di famiglia,

così tanto gelosamente conservati, per condividerli con la

Comunità intera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grazie a quanti

 

che decideranno di accompagnarci in questa iniziativa con lavoro

volontario nell'allestire e gestire la struttura e a chi in altro modo

piacerà sostenerci, ai visitatori del sito e ai futuri del Museo fisico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attività in corso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Restauri - Acquisizioni - Classificazioni 

Documentazioni - Esposizioni

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

"La Cecala d'oggi

   

 

                                   

 

                                   

 

 

Una Cecala, che pijava er fresco

all'ombra der grispigno e de l'ortica,

pe' da' la cojonella a 'na Formica

cantò 'sto ritornello romanesco:

   

 

                                   

 

                                   

 

 

- Fiore de pane,

io me la godo, canto e sto benone,

e invece tu fatichi come un cane.

   

 

                                   

 

                                   

 

 

- Eh! da qui ar bel vedé ce corre poco:

- rispose la Formica -

nun t'hai da crede mica

ch'er sole scotti sempre come er foco!

Amomenti verrà la tramontana:

commare, stacce attenta... -

   

 

                                   

 

                                   

 

 

Quanno venne l'inverno

la Formica se chiuse ne la tana;

ma, ner sentì che la Cecala amica

seguitava a cantà tutta contenta,

uscì fòra e je disse: - Ancora canti?

ancora nu' la pianti?

   

 

                                   

 

                                   

 

 

- Io? - fece la Cecala - manco a dillo:

quer che facevo prima faccio adesso;

mó ciò l'amante: me mantiè quer Grillo

che 'sto giugno me stava sempre appresso.

   

 

                                   

 

                                   

 

 

- Che dichi? l'onestà? Quanto sei cicia!

M'aricordo mi' nonna che diceva:

Chi lavora cià appena una camicia,

e sai chi ce n'ha due? Chi se la leva...

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Trilussa

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Eventi speciali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Presentazioni - Proiezioni - Seminari

Conferenze - Mostre tematiche - Dibattiti

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Mostra tematica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A 100 anni da

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"La Grande Guerra"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una (ri)documentazione storica

di Massimo Perugini

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

             

Si sta come

d’autunno

sugli alberi

le foglie

           

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Fante Giuseppe Ungaretti

Bosco di Courton, Chamuzy, Francia

Luglio 1918

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Massimo Perugini - Tavola sinottica dei "Caduti Braccianesi nella Guerra del 1915-18"

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

"La percezione della terribile condizione del soldato

'trincerasco' sulla caducità della vita di fronte al

terribile sorteggio intrapreso con una moderna

guerra di mezzi, di distruzioni, di annientamento

disumano.

 

La poesia, stringata, ermetica, desolata, dell’anziano

fante del 19° Reggimento della Brigata Brescia,

scritto durante la Seconda Battaglia dell’Ardre, in

Francia, dal volontario Giuseppe Ungaretti, immortala

la condizione dei nostri soldati di fronte alla terribile

mostruosità di una guerra moderna e industriale, che

lasciava la speranza solo al fato, anche se

l’ossessione riguardava il tempo che occorreva per

cadere dal ramo reciso.

 

Milioni di cittadini, padri di famiglia, per lo più

contadini semianalfabeti, che neppure conoscevano

l’Italia come entità nazionale, furono strappati dalle

loro famiglie e inviati nella fornace di una guerra che

non volevano e non sentivano."

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Massimo Perugini

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

"L'esperienza insegna che la peggior forma di

patriottismo è quella di chiudere gli occhi davanti alla

realtà, e di spalancare la bocca in inni e ipocriti elogi,

che a null’altro servono se non a nascondere a sé e

agli altri i mali vivi e reali...

 

Tra i due modi, preferisco il primo."

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Curzio Malaparte, Il Tempo Illustrato, 1953-57

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Proiezione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Un secolo di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1850-1950"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Lago - Il Paese - Vicarello - I militari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Renzo Senatore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Renzo Senatore - Album e videoracconto "Bracciano 1850-1950", 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

 

"Un senso di 'identità locale' è intimamente connesso

al concetto di 'memoria', una 'memoria identitaria

locale', anzi si può senz'altro affermare come senza

una 'memoria collettiva comune e condivisa' non

possa esserci una 'identità' della Comunità, neppure

a Bracciano, una memoria che certo già sta

svanendo.

 

Sta svanendo insieme a quel sano 'localismo' - non

fanatico 'campanilismo' - che nasce, si nutre e cresce

d'identità, il 'riconoscersi e essere ricononosciuti',

(ri)conoscere se stessi per quello che si è e si fa,

essere (ri)conosciuti per 'chi' si è, vale a dire la

'riconoscibilità delle persone, dei luoghi e degli

avvenimenti'.

 

 

È questa riconoscibilità l'elemento caratterizzante,

perché sugoso d''unicità', il 'radicamento cognitivo,

emotivo ed affettivo degli abitanti nella propria terra'

espresso, conservato e tramandato 'perché se ne

abbia memoria', quindi in un circolo virtuoso di

un'identità che dia memoria e una memoria che ridia

identità.

 

Facce, persone, atmosfere, peculiarità, contesti

urbani, paesaggi rurali, naturali, immagini di una

'banca visiva della memoria' personale e collettiva,

istantanee di continui cambiamenti, sviluppi, forse

'progressi', forse no, rappresentazione identitaria di

noi stessi e di noi in relazione all'ambiente - questa è

'Bracciano'!"

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Luciano Russo

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Presentazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Braccianese nun se smente!"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese"

ovvero una serata di "Braccianesità"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giovanni Orsini - Vocabolario del Dialetto Braccianese, Tuga Edizioni,

2013

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La memoria collettiva di una Comunità e la sua cultura passa dalla

lingua, in questo caso il Dialetto Braccianese, non solo parole, ma

anche proverbi, detti popolari, modi di dire, usi, costumi,

tradizioni, curiosità, luoghi e tanto altro su Bracciano e sulla

"Braccianesità".

 

Oltre 2500 termini dialettali accompagnati dall'equivalente in

lingua Italiana e con spiegazione del loro significato, dandone

esempi di uso che li contestualizzano, un lavoro di revisione,

completamento, ampliamento, sistema ed impaginazione portato

avanti da Luciano Russo con la sua Redazione di

TusciaRomana.Info.

 

Nel portale il Vocabolario viene infatti pubblicato da molto prima

dell'uscita del libro ed appunto continuamente aggiornato,

migliorato e ampliato con il titolo "Er Dizzionario Braccianese

Onlaine", ovvero "Braccianese nun se smente!", da cui il

riconoscimento ed i particolari ringraziamenti dell'autore:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

 

"Ringrazio di cuore

tutti coloro che nel tempo

hanno contribuito alle mie ricerche!

 

In particolare:

 

Alfredo Cagiola

Aurelio Cecchini

Bianca Maria Ronchetti Di Grisostomo

Maria Teresa Ronchetti Giorgetti

Francesca Mondini Cecchini

Nella Orsini

Nerina Orsini

Cesare Tarquini

Franco Maurizi

 

 

Un ringraziamento va anche a

 

Massimo Perugini

 

per aver creduto con entusiasmo

in questa mia iniziativa

 

 

Infine un grazie di cuore a

 

Luciano Russo

 

per aver

con tanta condivisibile passione e dedizione

corretto, rivisto, completato e arricchito

la mia bozza originale fino all'attuale manoscritto,

da cui l'ampliata e migliorata versione stampata,

curandone poi

anche la redazione, edizione digitale, pubblicazione

e continuo aggiornamento della versione online"

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Giovanni Orsini